La sostituzione della caldaia negli interventi di riqualificazione. Obblighi e normative di riferimento

Riqualificazione degli impianti dell’esistente: sostituzione delle caldaie 

impiantistica.jpgIl parco edilizio italiano è costituito, in buona parte, da condomini che hanno generatori di calore obsoleti. Generalmente il rendimento medio stagionale di queste strutture (con distribuzione a colonne montanti, anello orizzontale scarsamente coibentato, termoregolazione solo climatica e terminali di emissione a radiatori) risulta inferiori al 60%, e molto raramente supera il 75%. Pertanto circa il 40% dell’energia disponibile nel combustibile viene sprecata prima di essere resa disponibile all’utenza. 

A tal proposito la riqualificazione di una centrale termica mira, innanzitutto, ad aumentare il valore del rendimento termico dell’impianto, diminuendo così la spesa energetica. Oltre agli aspetti relativi all’efficienza del sistema, le riqualificazioni devono risolvere i problemi relativi alla sicurezza: ancora oggi, molte centrali termiche sono carenti sia dal punto di vista della sicurezza antincendio (Certificato di Prevenzione Incendi) che dal punto di vista della sicurezza dei recipienti in pressione (libretto matricolare INAIL). 

In quali casi è opportuno la riqualificazione dell’impianto termico?

Il D.Lgs. del 19 agosto 2005, n. 192 e s.m.i definisce l’impianto termico come: l’impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria. Lo stesso decreto chiarisce, inoltre, che non sono da considerarsi impianti termici: stufe e caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante e i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria. 

In Italia, in particolar modo negli edifici condominiali, la maggior parte dei generatori sono caldaie a gas di tipo tradizionale, in ghisa o in acciaio, con bruciatori ad aria aspirata o soffiata; alcuni generatori sono vecchie caldaie a gasolio, mentre una parte, sempre più consistente, è costituita da caldaie a gas a condensazione.

Sono, pertanto, molteplici i casi in cui considerare una riqualificazione della caldaia risulta conveniente, quando:  

  • le riparazioni risultano economicamente non convenienti;
  • si può ottenere un risparmio energetico e quindi diminuzione dei costi dei consumi;
  • si sceglie di utilizzare energie alternative e rinnovabili per ridurre le emissioni;
  • si vuole ottenere il miglioramento della classe energetica dell'impianto e delle unità abitative;
  • è necessaria una manutenzione straordinaria di un prodotto datato, che porterebbe con se costi elevati;
  • è necessario un’ adeguamento normativo.

La sostituzione del generatore di calore

La Direttiva 2005/32/CE del Parlamento Europeo, denominata Eco-Design, con lo scopo di favorire lo sviluppo, la valorizzazione e l’integrazione delle fonti rinnovabili preferendo tecnologie a minore impatto ambientale e miglior rendimento energetico, ha imposto a tutti gli stati membri dell’Unione Europea, a partire dal 26/09/2015, l’immissione sul mercato esclusivamente di apparecchi soddisfacenti i nuovi requisiti minimi di efficienza energetica e di salvaguardia dell’ambiente.

Le figure coinvolte, i responsabili e gli obblighi

In accordo con quanto riportato dal D.lgs. 19 agosto 2005, n.192 e s.m.i si ritiene responsabile dell’impianto termico

  • l'occupante (colui che ha la disponibilità, a qualsiasi titolo, di un edificio e dei relativi impianti tecnologici);
  • il proprietario;
  • l'amministratore: in caso di edifici dotati di impianti termici centralizzati;
  • il proprietario o l'amministratore delegato in caso di edifici di proprietà di soggetti diversi dalle persone fisiche;
  • il terzo responsabile: figura delegata dal proprietario ad assumere la conduzione e la manutenzione dell’impianto.

Il D.M. 22 gennaio 2008 n. 37 chiarisce che il committente in caso di nuova installazione o sostituzione del generatore di calore ha l’obbligo di affidare l’incarico ad un’impresa abilitata, ai sensi del D.M. n. 37 del 2009, registrata alla Camera di Commercio e dotata di tutti i requisiti previsti; ed ha la responsabilità di mantenere in efficienza l’impianto come delineato nelle istruzioni di uso e manutenzione rilasciate dall’impresa.
Il committente, inoltre, ha l’obbligo di conservare la dichiarazione di conformità o la dichiarazione di rispondenza rilasciata dall’impresa a fine lavori. Tale dichiarazione deve essere redatta dal responsabile tecnico dell'impresa installatrice, l'elaborato tecnico è costituito almeno dallo schema dell'impianto da realizzare, eventualmente integrato con le varianti introdotte in corso d'opera. In caso di rifacimento parziale di impianti, il progetto, la dichiarazione di conformità e l'attestazione di collaudo ove previsto, si riferiscono alla sola parte degli impianti oggetto dell'opera di rifacimento, ma tengono conto della sicurezza e funzionalità dell'intero impianto.

La redazione del progetto

In caso di sostituzione, trasformazione e ampliamento diventa obbligatoria la redazione di un progetto; obbligatorio anche nel caso di impianti di climatizzazione aventi una potenzialità frigorifera pari o superiore a 40.000 frigorie/ora (46,5 kW); per potenza inferiore, invece, risulta comunque necessaria nel caso di impianti dotati di canne fumarie collettive ramificate. Il progetto sarà redatto da un professionista iscritto negli albi professionali ma, per potenze inferiori a 46,5 kW, può essere redatto dal responsabile tecnico della ditta installatrice; e dovrà contenere:

  • lo schema dell’impianto con indicazione dei componenti e dei circuiti di distribuzione; 
  • disegni planimetrici della centrale termica e localizzazione della stessa rispetto all’edificio;
  • la relazione tecnica con l'elenco dei materiali utilizzati.

Nel caso in cui l'impianto a base di progetto vari in corso d'opera, il progetto presentato dovrà essere integrato con la necessaria documentazione tecnica attestante le varianti. 

Riqualificazione della centrale termica: gli adeguamenti per la sicurezza

L’Obbligo di verifica INAIL

L’obbligo della verifica INAIL (EX ISPESL) si applica (con riferimento al D.M. del 1 dicembre 1975 articolo 18 e 19) agli impianti centralizzati di riscaldamento utilizzanti acqua calda sotto pressione con temperatura non superiore a 110°C e potenza massima complessiva al focolare maggiore di 35 kW. In questi casi è necessario presentare denuncia all’associazione per il controllo della combustione (INAIL) ogni qual volta s’intenda effettuare l’installazione di un generatore di calore, s’intenda apportare modifiche ai dispositivi di sicurezza e di protezione dei generatori; s’intenda procedere alla sostituzione o modifiche dei generatori comportante un aumento della potenzialità nominale o una variazione della pressione di targa rispetto a quella dei generatori di calore esistente. Le denunce devono essere fatte dall’installatore mediante apposita modulistica e inviate all’INAIL prima dell’installazione e/o modifica dell’impianto. L’installatore deve presentare, unitamente alla denuncia, il progetto firmato da un ingegnere o altro tecnico abilitato con indicazione dello schema funzionale dell’impianto e dei dispositivi di sicurezza opportunamente dimensionati. 

[...] continua la lettura nel pdf