Piani urbanistici: modelli a confronto nello speciale ANCE

Il dossier che fa il punto sulle diverse tipologie di strumenti urbanistici previsti dalle leggi regionali in materia di governo del territorio

ca-delle-azaie-boeri-300x300.jpg

L’Ance ha aggiornato all'8 novembre 2019 - il dossier che fa il punto sulle diverse tipologie di strumenti urbanistici previsti dalle leggi regionali in materia di governo del territorio, analizzando in particolare la durata del piano, la previsione e la durata dei diritti edificatori e le modalità attuative.

Ne emerge - segnala l'associazione Costruttori - un quadro piuttosto variegato in cui, a fronte di molte Regioni che si sono dotate di piani “sdoppiati” in parte programmatica e parte operativa e di una Regione ritornata al piano unico “semplificato”, ve ne sono alcune ancora dotate di PRG secondo il modello della Legge 1150/1042.

Piani urbanistici: cos'è cambiato negli anni

La normativa urbanistica nazionale tuttora in vigore (legge 1150/1942) attribuisce ai Comuni il potere di approvare il Piano Regolatore Generale, uno strumento caratterizzato da forte rigidità e durata indeterminata. Successivamente con il DPR 8/1972 e il DPR 616/1977 vi è stato il trasferimento delle funzioni in materia urbanistica alle Regioni, che hanno iniziato a legiferare in materia.

Da circa 20 anni, per garantire maggiore flessibilità alla gestione del territorio, le Regioni si sono dotate di piani urbanistici composti da due atti:

  • il piano strutturale/programmatico, finalizzato ad individuare gli obiettivi di medio-lungo periodo del territorio comunale;
  • il piano operativo ossia conformativo della proprietà immobiliare, a validità quinquennale.

Al momento siamo all’inizio di una terza fase regolatoria (vedi LR Emilia Romagna 24/2017), in cui vi è il ritorno ad un piano unico e dai contenuti semplici: obiettivi, regole per il patrimonio edilizio esistente nell’ottica della rigenerazione, quelle per il territorio rurale, dotazioni territoriali differenziate per la città costruita e per quella eventualmente da costruire.

FONTE: ANCE

IN ALLEGATO il dossier ANCE “Piani urbanistici: modelli a confronto” aggiornato all’8 novembre 2019