Valutazione dei criteri di selezione per accelerogrammi basatisulla spettrocompatibilità per l’analisi non lineare - D14

Tra i metodi di analisi attualmente utilizzati per la progettazione e la verifica di strutture potenzialmente soggette ad azioni sismiche, quello che riesce a cogliere in modo più accurato il comportamento strutturale è l'analisi dinamica non lineare. Per l’applicazione di questa metodologia la normativa richiede che la modellazione dell'input sismico avvenga tramite gruppi di accelerogrammi sintetici o registrati scelti dal progettista. Questa selezione è operata sulla base della compatibilità della media delle registrazioni con lo spettro di risposta elastico associato ad una determinata probabilità di superamento durante la vita utile della struttura, per l’intervallo di periodi d’interesse per la costruzione. Rimane aperta la questione di strutture con grandi escursioni in campo non lineare: è necessario verificare che anche nel caso di queste strutture tale metodo di selezione fornisca stime accurate della risposta strutturale. In questo lavoro si presenta una procedura per la stima della risposta strutturale media attesa con un prefissato periodo di ritorno per strutture non lineari. Confrontando questi valori isoprobabili assunti come riferimento con le stime della risposta strutturale media ottenute tramite gruppi di registrazioni spettro-compatibili, selezionati in base a svariati criteri, è stato possibile valutare l’influenza di diversi parametri di selezione sulla formazione dei gruppi spettro-compatibili.

Per scaricare il contenuto integrale è necessario essere Socio Anidis, scopri come associarti