AiCARR: Protocollo per gli impianti in ambienti sanitari nel periodo di emergenza SARS-CoV2-19

Dopo i primi due documenti e la Posizione di AiCARR redatti sul tema della diffusione del SARS-CoV2-19 e della sua relazione con gli impianti di climatizzazione e ventilazione, AiCARR ha ritenuto necessario produrre un ulteriore documento, dedicato esclusivamente agli ambienti del settore sanità, dal titolo “Protocollo per la riduzione del rischio da diffusione del SARS-CoV2-19 mediante gli impianti di climatizzazione e ventilazione in ambienti sanitari”, che si pone a completamento del documento “Protocollo per la riduzione del rischio da diffusione del SARS-CoV2-19 mediante gli impianti di climatizzazione e ventilazione esistenti”, pubblicato il 18 marzo scorso.

aicarr-protocollo-covid-19-impianti-ospedali-01.jpg

Il nuovo documento è rivolto ai tecnici del settore e alle direzioni sanitarie e fornisce indicazioni su come operare sugli impianti esistenti o su quelli di nuova costruzione in siti extra-sanitari.

Dopo avere precisato che le soluzioni suggerite dal protocollo sono di natura straordinaria e provvisoria, e influenzate dalla disponibilità e dal reperimento di materiali, e che l’eventuale deroga alle prescrizioni della legislazione e normativa vigente dovrà essere preventivamente autorizzata dalla direzione sanitaria, il documento fornisce indicazioni dettagliate su sette interventi: messa in depressione degli ambienti, gestione dell’espulsione, ricircolo dell’aria ambiente, moduli di terapia intensiva, pulizia dei terminali, sostituzione filtri assoluti, disattivazione o by-pass dei recuperatori di calore.

Inoltre il documento fornisce indicazioni legate alle problematiche relative alle attività degli operatori addetti alla gestione e manutenzione degli impianti.


Chi è AiCARR

l'Associazione italiana Condizionamento dell’Aria Riscaldamento e Rifregerazione

AiCARR, Associazione Italia Condizionamento dell’Aria, Riscaldamento e Refrigerazione, dal 1960 crea e promuove cultura e tecnica per il benessere sostenibile, contribuendo al progresso delle tecnologie impiantistiche e alla definizione delle normative relative alla produzione, distribuzione e utilizzazione dell’energia termica.