Sismica: si rinnova il Consiglio Direttivo dell'Associazione ISI

Il 16 giugno 2020 si è tenuta l’Assemblea annuale di Ingegneria Sismica Italiana, quest’anno organizzata in modalità telematica per ottemperare alle disposizioni eccezionali in fatto di eventi pubblici. 

L’appuntamento annuale è stato in particolare caratterizzato dal rinnovo della consigliatura che guiderà l’associazione nel biennio 2020-2022 e dalle nuove cariche sociali nominate dal primo Consiglio Direttivo, che si è riunito in una prima seduta subito dopo l’Assemblea. 

L’Assemblea ordinaria 2020 di ISI ha visto quest’anno due momenti importanti, il primo riservato ai soli soci ed il secondo aperto al pubblico, che ha ospitato due relazioni su temi di estrema attualità, legati alla manutenzione delle infrastrutture viarie e sulle nuove detrazioni fiscali per interventi di efficientamento energetico e riqualificazione sismica degli immobili.

italia-sismica.jpg

Assemblea Ordinaria 2020: il punto sulle attività del 2019 e il rinnovo delle cariche per il biennio 2020-22

L’Assemblea dei soci si è aperta con la consueta relazione del Presidente, quest’anno tenuta per l’ultima volta dalling. Luca Ferrari che, dopo otto anni di reggenza, ha raggiunto il limite di mandati consecutivi. 

Le attività svolte nel 2019

Nel report delle attività ed iniziative svolte dall’Associazione durante il 2019, sono state ricordate in particolare le giornate del primo Congresso Nazionale ISI, tenuto a L’Aquila nel mese di giugno, che ha coinvolto centinaia di professionisti da tutta Italia; il potenziamento e la creazione di nuovi servizi per gli associati, tra cui la rubrica dedicata alle detrazioni fiscali e il servizio di profilazione interna ProfessionISI, concepito per mettere in contatto aziende e tecnici iscritti all’associazione, il ciclo di eventi informativi coordinato insieme al CRESME, dedicato al tema della riqualificazione immobiliare e alla presentazione del rapporto tecnico-economico “Italia antisismica”. Nella relazione è stato inoltre sottolineato come per l’ennesimo anno consecutivo la base associativa ha registrato un ulteriore incremento degli iscritti, pari ad un 20% rispetto al 2019. 

Sono stati infine proclamati gli esiti delle elezioni 2020 per il rinnovo del Consiglio Direttivo dell’Associazione, che resterà in carica per il prossimo biennio 2020-2022, e definite le nuove cariche sociali. 

Eletto il nuovo Consiglio Direttivo dell'Associazione

Il testimone della Presidenza ISI passa dunque all’ing. Andrea Barocci (Ingegneria delle Strutture) eletto in quota di rappresentanza per la categoria progettisti-società di ingegneria, che sarà affiancato nel ruolo di Vice-Presidente da Franco Daniele (Tecnostrutture), dal Segretario Marcello Guelpa (Tecno Piemonte), dal Tesoriere Marco Manganello (Ecosism). 

Completano la squadra dei 13 Consiglieri gli eletti prof. ing. Paolo Riva (Università di Bergamo), l’ing. Silvia Bonetti (Seismic&Structures), l’ing. Alessandro Battisti, l’ing. Paolo Segala (CSP Fea), il Presidente uscente ing. Luca Ferrari (Harpaceas), l’ing. Paolo Baccarini (Hilti), l’ing. Davide Torsani (Tecno K Giunti), l’ing. Michele Destro (Stabila 2) e l'ing. Luca Zordan (Fischer Italia). 

Assemblea in seduta pubblica: Infrastrutture e detrazioni al 110% i temi del programma pubblico 

Quest’anno, per la prima volta, l’assemblea ordinaria di ISI si è aperta anche al pubblico dei non iscritti, organizzando una sessione completamente gratuita ed accessibile on line sulla piattaforma dedicata all’evento. 

Il format agile, 90 minuti di evento in formato webinar, e i due relatori di prestigio, per due temi di strettissima attualità, hanno consentito all’iniziativa, già nel suo esordio, di ottenere un lusinghiero successo, con 230 partecipanti registrati che hanno seguito l’intera sessione. 

La prima relazione, tenuta dal Prof. Gian Michele Calvi, ha trattato il tema delle infrastrutture sottolineando in particolare come nel caso dei ponti, rispetto agli edifici, i danni indiretti provocati da un crollo siano assolutamente dominanti rispetto a quelli diretti e, di conseguenza, come una strategia accorta ed economicamente razionale vedrebbe ripagarsi molto velocemente gli investimenti in manutenzione e prevenzione. 

Nella seconda relazione, tenuta dall’esperto in materia fiscale dott. Francesco Veroi, già curatore della rubrica detrazioni fiscali di ISI, si è invece esaminato lo stato dell’arte del superbonus al 110%, in attesa che la prossima conversione in legge risolva almeno la maggior parte dei dubbi o criticità del recente decreto e che sono stati commentati, appunto, durante l’intervento.