Trasporto pubblico, scolastico e spazi delle scuole: nuovo decreto legge in Gazzetta Ufficiale. Le risorse

Il decreto-legge 111/2020 autorizza 300 milioni di spesa per le Regioni e le Province Autonome sul fronte del trasporto pubblico locale, 150 milioni per i Comuni e le Città metropolitane da destinare all'implementazione del servizio di scuolabus e altre risorse per l'ampliamento degli spazi scolastici

banchi-scuola-700.jpg

Altro giro importante per quanto riguarda il trasporto pubblico e le scuole, con la riapertura del 14 settembre 2020 che ormai incombe.

Il DL 111/2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.223 dell'8 settembre, ha infatti:

  • autorizzato 300 milioni di spesa per le Regioni e le Province Autonome sul fronte del trasporto pubblico locale e 150 milioni per i Comuni e le Città metropolitane da destinare all'implementazione del servizio di scuolabus (art.1 e 2). Le Regioni e gli Enti locali potranno quindi disporre delle somme già previste e attribuite dal DL Rilancio e dal DL Agosto anche per far fronte alle esigenze del trasporto pubblico locale e scolastico, somme queste che verranno poi reintegrate con la prossima legge di bilancio. Sarà una verifica a consuntivo a quantificare l’effettivo fabbisogno delle Regioni e degli enti locali che dovrà tener conto delle perdite dovute alla mancata bigliettazione e all’incremento dei costi sostenuti. Attualmente le risorse destinate alle regioni per il TPL, aggiuntive rispetto al fondo ordinario, sono pari a 500 milioni con il DL Rilancio e 400 con il DL Agosto;
  • autorizzato la spesa di 3 milioni di euro per l'anno 2020 e 6 milioni di euro per l'anno 2021 (art.3 comma 1) a favore degli enti locali per le finalità di cui all'art.32, comma 2, lettera a), del DL 104/2020, prioritariamente per affitti di spazi e relative spese di conduzione e adattamento alle esigenze didattiche e noleggio di strutture temporanee. Con decreto del MIUR, di concerto con il MEF, saranno  stabiliti i criteri e le modalità di riparto del fondo;
  • autorizzato, per le medesime finalità di cui al comma 1, in aggiunta alle misure per l'edilizia scolastica, adottate ai sensi dell'art.32, comma 2, del DL 104/2020, un importo pari a 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021 (art.3 comma 3) a favore degli enti locali per la realizzazione di interventi strutturali o di manutenzione straordinaria finalizzati all'adeguamento e all'adattamento a fini didattici degli ambienti e degli spazi, anche assunti in locazione. Ai relativi oneri si provvede a valere sulle risorse previste dall'art.58-octies del DL 124/2019, convertito, con modificazioni, dalla legge 157/2019. Alle medesime finalità il MIUR destina ulteriori risorse, pari a 5 milioni di euro, disponibili in bilancio, in conto residui, ai sensi del medesimo art.58-octies del DL 124/2019. Con decreto del MIUR, di concerto con il MEF, saranno stabiliti i criteri e le modalità di riparto del fondo di cui al primo periodo.