Progettazione ancora in calo rispetto a settembre 2019: -25,3% in numero e -27,7% in valore

Diffusi da OICE i dati dell'Osservatorio sulle gare pubbliche di ingegneria e architettura e relativi al mese di settembre

Dopo il decreto semplificazioni rispetto alla prima settimana del mese, nella seconda metà si è registrato un aumento del +14,3% nel numero di gare e del +22,7% sul valore.

Sui nove mesi del 2020 si è registrato un boom di appalti integrati: +160,3% in numero e +122,9% in valore

Dopo il pessimo risultato di agosto a settembre parziale recupero dei bandi di progettazione

Le gare sono state 165 con un valore di 26,4 milioni di euro, con incrementi del 10,0% in numero e del 33,8% in valore rispetto ad agosto. Il confronto con settembre 2019 rimane comunque in campo fortemente negativo: - 25,3% nel numero e - 27,7% in valore. 

Analizzando quanto pubblicato tra la prima e la seconda quindicina del mese di settembre, dopo la conversione in legge del decreto semplificazioni, si evidenziano incrementi nella seconda parte del 14,3% in numero e del 22,7% in valore.

E’ ripresa a settembre la pubblicazione di accordi quadro, nel mese sono stati 13 per 6,2 milioni di euro, il 23,5% del valore totale.

Nonostante il risultato negativo di agosto e settembre il mercato dei bandi di sola progettazione chiude i primi nove mesi con il valore ancora in crescita sul 2019

Nei nove mesi sono state bandite 2.250 gare per un valore di 562,7 milioni di euro, registrando rispetto al 2019 incrementi nel numero del 7,3% e del 14,2% nel valore. I bandi per accordi quadro, sono stati 123 per 234,0 milioni di euro. Prendendo in considerazione i dati solo dei servizi di progettazione al netto del numero e del valore degli accordi quadro, il confronto con i primi nove mesi del 2019 evidenzia un incremento dell’1,4% nel numero dei bandi ma un calo del 27,3% nel loro valore.

osservatorio-oice-settembre-2020-tab-1.JPG

Per Gabriele Scicolone, presidente OICE, “L’andamento della progettazione tra prima e la seconda settimana del mese di settembre, dopo la conversione del “decreto semplificazioni” ci fa capire quanto profondamente i mutamenti normativi incidano sul mercato e quanto sia stato importante per tutto il settore presidiare la formazione dei provvedimenti. I primi segnali su ottobre ci dicono anche di un nuovo riavvio delle procedure da rivedere a fine mese. L’auspicio è che soprattutto nel soprasoglia non si vada verso interpretazioni in deroga di principi del codice che finirebbero per svilire la qualità dei progetti e la centralità della fase progettuale. Alla vigilia dell’attuazione del Recovery Plan è assolutamente fondamentale assicurare condizioni per avere progetti in quantità ma soprattutto di qualità, come ha anche affermato il collega Gabriele Buia”.

Il mercato di tutti i servizi di ingegneria e architettura in settembre ha un andamento diverso dal mercato della sola progettazione, infatti le gare pubblicate sono state 416 per un valore di 103,7 milioni di euro, +14,0% in numero ma -16,2% in valore sul precedente mese di agosto. Rispetto a settembre 2019 il numero cala del 5,2% e il valore cresce sempre del 5.2%. Nel mese gli accordi quadro sono stati 21 per 40,0 milioni di euro.

Nei nove mesi del 2020 i bandi pubblicati sono stati 4.546 per un valore di 1.505,4 milioni di euro, +9,3% in numero e +50,8% in valore rispetto ai primi nove mesi del 2019. Il mercato di tutti i servizi di ingegneria e architettura ha visto di nuovo crescere il contributo degli accordi quadro: nei nove mesi 234 bandi per 535,6 milioni di euro.

osservatorio-oice-settembre-2020-tab-2.JPG

Crescono i bandi per appalti integrati 

In forte crescita i bandi per appalti integrati (appalti di lavori con contenuti di progettazione) che nel mese di settembre sono stati 48, con valore complessivo dei lavori di ben 535,8 milioni di euro e con un importo dei servizi stimato in 14,6 milioni di euro. Rispetto al mese di agosto il numero è cresciuto del 2,1% e il valore è sceso del 68,1%. Dei 48 bandi pubblicati nel mese 30 hanno riguardato i settori ordinari, per 2,3 milioni di euro di servizi, e 18 i settori speciali, per 12,3 milioni di euro. 

Nel primi nove mesi del 2020 le gare rilevate per appalti integrati sono state 315, tutte con valore noto per 3.870,9 milioni di euro, rispetto al 2019 rileviamo un +160,3 nel numero e +122,9% nel valore. Il valore dei servizi di ingegneria e architettura compreso nei bandi per appalti integrati pubblicati negli nove mesi del 2020 è stato di 82,2 milioni di euro, +132,9% rispetto agli stessi mesi del 2019. Questo valore è ottenuto sommando il valore dei servizi dei bandi in cui è dichiarato con una stima del valore dei bandi in cui non è dichiarato.