Bonus Mobilità: piattaforma per sconti e rimborsi aperta dal 3 novembre 2020

La piattaforma consentirà, a chi ha già acquistato un mezzo (bici e/o monopattino), di chiedere la restituzione di parte del prezzo pagato, e a chi non lo ha ancora fatto, di ottenere un “buono”

pagamento-contributi-inarcassa-700.jpg

Dal prossimo 3 novembre, sul sito del Minambiente, nell’area dedicata “Bonus mobilità 2020” sarà aperta anche agli acquirenti la piattaforma web, già operativa dal 19 ottobre per la registrazione degli esercenti del settore. La registrazione da parte dei negozianti sulla piattaforma del buono mobilità, infatti, è necessaria per partecipare al programma delle agevolazioni.

Buono Mobilità: veloce riepilogo

Istituito dall'art.229 del DL Rilancio, il Bonus Mobilità o Bonus Bici:

  • prevede un contributo pari al 60% della spesa sostenuta e, comunque, in misura non superiore a 500 euro, per l’acquisto di biciclette nuove o usate, sia tradizionali che a pedalata assistita, handbike nuove o usate, nonché di veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica (ad esempio monopattini, hoverboard e segway);
  • vale anche per l'utilizzo di servizi di mobilità condivisa a uso individuale (esclusi quelli mediante autovetture), cioè modalità di spostamento che prevede l’uso di mezzi e veicoli “condivisi” messi a disposizione da operatori pubblici e privati, cioè i servizi di “sharing mobility” (ad esempio, scooter sharing e bike sharing) fruibili in numerose città d’Italia;
  • NON vale per l'acquisto di accessori e/o componentistica (telai, ruote, motori elettrici, caschi, batterie, catene, lucchetti, eccetera).

La piattaforma

Quindi, da martedì 3 novembre 2020:

  • chi ha già comprato un mezzo (entro il 2 novembre) potrà chiedere il rimborso sul prezzo della quota agevolata presentando la fattura o lo scontrino parlante;
  • chi, invece, non ha ancora effettuato l’acquisto, dal 3 novembre 2020 al 31 dicembre 2020 potrà acquistare beni e servizi esclusivamente presso gli esercenti accreditati, il cui elenco è disponibile sull'applicazione web e chiedere la generazione del “buono mobilità” da utilizzare per ottenere lo sconto presso l’esercente prescelto tra coloro che si sono registrati sul sito ad hoc.