Superbonus 110%: le FAQ ministeriali aggiornate! Novità importanti per cambi d'uso e demolizione e ricostruzione

Le Faq del MEF (Sottosegretario Alessio Villarosa), aggiornate al 27 ottobre 2020, spiegano che è necessario il cambio di destinazione d’uso e quando deve avvenire

super-bonus_700-2.jpg

Sono disponibili, in allegato, le speciali FAQ sul Superbonus 110% del MEF - a firma del sottosegretario Alessio Villarosa - aggiornate al 27 settembre 2020. Le novità sono indicate in grasetto e in corsivo. Ne riassumiamo qualcuna, rimandando alla lettura del documento integrale per tutti i dettagli.

Superbonus: da magazzino ad abitazione con indicazione del cambio d'uso

Tra i vari chiarimenti, sottolineiamo quello relativo agli interventi realizzati su un magazzino o un deposito, che possono accedere al Superbonus 110% solo setali spese serviranno, a lavori finiti, a cambiare la destinazione d'uso degli immobili che diventeranno, quindi, abitazioni (uso residenziale).

Nel provvedimento amministrativo che autorizza i lavori, quindi, deve risultare chiaramente il cambio di destinazione d’uso del fabbricato (per esempio da magazzino in abitativo).

Comodato d'uso: quali sono le condizioni?

Si può accedere a condizione che il contratto di comodato sia regolarmente registrato al momento dell’inizio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese se antecedente, e che il comodatario sia in possesso del consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.

Demolizione e ricostruzione

Un fabbricato ristrutturato mediante demolizione e ricostruzione può accedere al Superbonus, se l'intervento è inquadrabile nella categoria della ristrutturazione edilizia ai sensi dell’articolo 3, comma 1, lett. d) del D.P.R. 380/2001 per le spese documentate e sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

Le spese per l’installazione e la messa in opera dei serramenti sono inclusi nel costo di cui all’allegato I al Decreto Requisiti?

Per gli interventi in cui l’asseverazione può essere sostituita da una dichiarazione del fornitore o dell’installatore, l’ammontare massimo delle detrazioni fiscali o della spesa massima ammissibile è calcolato sulla base dei massimali di costo fissati dal Mise con il Decreto Requisiti tecnici. Tali massimali possono essere utili anche in caso di ricostruzione analitica del costo di interventi in tutto o in parte non presenti nei prezzari locali.

A tal proposito l’allegato I al Decreto Requisiti prevede che: "I costi esposti in tabella si considerano al netto di IVA, prestazioni professionali e opere complementari relative alla installazione e alla messa in opera delle tecnologie", con la conseguenza che per i lavori iniziati dopo il 6 ottobre (data di pubblicazione del decreto) bisogna tener conto che il massimale non comprende: IVA, prestazioni professionali e spese relative all’installazione e alla messa in opera delle tecnologie. Si ricorda infine che l’allegato I non è che un’indicazione residuale, come specificato dal punto 13.1 dell’Allegato A del medesimo decreto.

Lavori trainati e trainanti assieme

Gli interventi trainati devono essere effettuati congiuntamente agli interventi trainanti ammessi al Superbonus. E' quindi necessario che le spese sostenute per gli interventi trainati sul singolo appartamento siano effettuate nell’intervallo di tempo individuato dalla data di inizio e dalla data di fine lavori per gli interventi trainanti.

LE FAQ INTEGRALI DEL MEF AGGIORNATE AL 27 OTTOBRE 2020 SONO SCARICABILI IN FORMATO PDF