Finanziamento progettazione per la bonifica di edifici pubblici contaminati da amianto: il bando per l'anno 2018

Il Ministero dell'Ambiente ha indetto un bando per il finanziamento della progettazione preliminare e definitiva di interventi di bonifica di edifici pubblici contaminati da amianto - annualità 2018

progettazione-tecnica_700.jpeg

Il Ministero dell'Ambiente ha indetto una procedura pubblica, destinata agli enti di cui all'art. 1 comma 2 del d.lgs. 165/2001 (comuni inclusi), per il finanziamento della progettazione preliminare e definitiva di interventi di bonifica di edifici pubblici contaminati da amianto, in conformità a quanto disposto dal decreto n. 246 del 21 settembre 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 276 del 25 novembre 2016, con riferimento all'annualità 2018.

I fondi si riferiscono, in particolare, alla progettazione degli interventi di rimozione dell’amianto dagli edifici pubblici, con priorità agli edifici scolastici e alle situazioni di particolare rischio (amianto friabile).

Le specifiche del bando sono contenute nel decreto 486/2019 del 13 dicembre 2019. Queste le indicazioni principali:

  • il finanziamento è destinato a coprire, integralmente o parzialmente, i costi di progettazione preliminare e definitiva degli interventi, anche mediante copertura dei corrispettivi da porre a base di gara per l’affidamento di tali servizi, fino ad un massimo, complessivamente inteso, di 15.000 euro per singola pubblica amministrazione di cui al precedente comma 1, anche con riferimento a più interventi, sino ad un massimo di cinque interventi per ogni singola amministrazione richiedente e relativi ad unità locali comprese nel territorio di competenza, che verranno valutati singolarmente ai fini dell’attribuzione dei punteggi;
  • per interventi si intendono i lavori di rimozione dell’amianto e dei manufatti in cemento-amianto da edifici e strutture pubbliche e successivo smaltimento, anche previo trattamento, in impianti autorizzati, effettuati nel rispetto della normativa ambientale, edilizia e di sicurezza nei luoghi di lavoro;
  • ai fini dell’ammissione al finanziamento, i costi di progettazione sono quantificati nelle modalità di cui al decreto ministeriale 17 giugno 2016;
  • le domande di finanziamento si presentano esclusivamente online, attraverso l’applicativo presente sul portale telematico disponibile presso il sito del Ministero dell’Ambiente. Entro 120 giorni dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del bando, sarà possibile integrare la registrazione con la documentazione tecnica;
  • le richieste di finanziamento dovranno essere necessariamente correlate da una relazione tecnica asseverata da professionista abilitato trasmessa attraverso l’applicativo presente sul sito internet e adottata in conformità al modello di cui all’Allegato A.

IL DD 486/2019 E LA DOCUMENTAZIONE SONO SCARICABILI IN FORMATO PDF