Covid-19, finalmente arrivano i contributi per i professionisti! Saranno nel quarto Decreto Ristori

Il ministro Gualtieri conferma il sì ai ristori anche ai liberi professionisti iscritti alle casse o alla gestione separata. Decreto in dirittura d'arrivo

smart-working-professione-divano-casa-700-700.jpg

Nel Decreto Ristori 4 (quater), a brevissimo in CdM e poi in Gazzetta Ufficiale, ci saranno anche i contributi a fondo perduto per i professionisti iscritti alle casse private, ingegneri e architetti inclusi.

Lo ha lasciato intendere il Ministro dell'Economia Gualtieri, che ha confermato l'intenzione di riconoscere il ristoro ai professionisti finora esclusi dagli indennizzi Covid-19 (esclusi i bonus una tantum da 600 euro di marzo/aprile e 1000 a maggio ma solo con calo del fatturato comprovato).

«Siamo pronti a confrontarci per mettere a punto un meccanismo organico di natura perequativa per i ristori che vada oltre le limitazioni per aree di rischio pandemico e quelle derivanti dai codici Ateco e si basi sul rimborso di parte dei costi fissi. In questo quadro condividiamo la necessità di ristorare, sulla base dei dati del 2020, anche i liberi professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatori o alla Gestione separata», le parole di Gualtieri.

Decreto Ristori 4: i rumors

Il provvedimento, tra l'altro, dovrebbe contenere:

  • i contributi a fondo perduto per i professionisti iscritti alle casse di previdenza private;
  • la mini proroga per l'invio del Modello Unico;
  • la tregua fiscale di fine anno dei versamenti in scadenza a novembre e dicembre è riunificata sotto il criterio unico del calo del fatturato del 33% su un periodo temporale dei sei mesi

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su