Concorso per incarichi di collaborazione per architetti, archeologi, ingegneri e tecnici

05/01/2021 2580

È stato pubblicato dal MIBACT il bando per il nuovo concorso per l'attribuzione di incarichi per tecnici per i beni culturali, grazie al quale si procederà all'incarico a tempo determinato di archeologi, architetti, ingegneri, storici dell’arte e tecnici.

Il concorso andrà a coprire diverse posizioni aperte.

mibact.jpg

Concorso assunzione al MIBACT

Avviso di selezione per il conferimento di incarichi di collaborazione, ai sensi dell’art. 7, comma 6, del d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165, e ss. mm. e ii., da svolgersi presso la Soprintendenza speciale Archeologia, belle arti e paesaggio di Roma, la Soprintendenza nazionale per il patrimonio culturale subacqueo e le Soprintendenze Archeologia, belle arti e paesaggio del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo

 

Concorso beni culturali: posizioni aperte

Come già accennato, i ruoli ricercati sono quelli di architetto, archeologo, storico dell’arte, ingegnere e tecnici.

I candidati che risulteranno idonei al concorso beni culturali andranno a ricoprire i rispettivi ruoli presso la Soprintendenza speciale Archeologia, belle arti e paesaggio di Roma, la Soprintendenza nazionale per il patrimonio culturale subacqueo e le Soprintendenze Archeologia, belle arti e paesaggio, del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo.

I collaboratori prescelti andranno a a supportare l’attività delle Soprintendenze, con lo scopo di assicurare lo svolgimento delle funzioni di tutela e di valorizzazione del patrimonio culturale nei propri ambiti territoriali di competenza.

 

Concorso beni culturali: requisiti

Per partecipare al concorso beni culturali sarà necessario essere in possesso di requisiti generali e specifici.

I requisiti generali comportano la cittadinanza italiana, il godimento dei diritti civili e politici, non aver mai riportato condanne penali e non essere stati sollevati da incarichi presso la Pubblica Amministrazione.

I requisiti specifici, consultabili sull’allegato 1 al bando, variano in base al ruolo per il quale si intende sostenere la selezione. Tra questi rientrano, comunque, il diploma di laurea e una comprovata esperienza nel settore di riferimento.

 

Durata dell'incarico

L’incarico di collaborazione, della durata minima di mesi 6 (sei), non potrà eccedere la data del 31 dicembre 2021. L'incarico potrà cessare anticipatamente rispetto al termine contrattuale per gravi inadempienze del professionista.

Nell’ipotesi di cessazione anticipata la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio interessata dovrà comunicare al collaboratore le relative motivazioni almeno 30 giorni prima del termine fissato per la cessazione anticipata. Il collaboratore ha facoltà di recedere dall'incarico con preavviso non inferiore a 30 giorni.

 

Scadenza e modalità di partecipazione

La domanda di partecipazione, che potrà essere presentata a partire dalle ore 12,00 del 25 gennaio 2021, dovrà essere compilata esclusivamente tramite la piattaforma informatica il cui link sarà reso noto sul sito della DGABAP www.dgabap.beniculturali.it unitamente all’indirizzo dell’help desk e delle FAQ.

Le domande dovranno pervenire entro e non oltre le ore 12,00 del giorno 9 febbraio 2021.

È consentita la presentazione di una sola domanda per ciascuna figura professionale, in caso contrario verrà presa in considerazione la prima istanza in ordine cronologico di presentazione.

 

Valutazione

Per la valutazione delle candidature sarà nominata, con successivo provvedimento della Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio, una apposita Commissione formata da n. 3 (tre) componenti effettivi: Segretario Generale o suo delegato, Direttore Generale ABAP o suo delegato, Direttore Generale Organizzazione o suo delegato e da n. 3 (tre) componenti supplenti.

La Commissione sarà supportata da una apposita Segreteria tecnica da istituirsi con decreto del Direttore generale Archeologia, belle arti e paesaggio.

Nella valutazione saranno prese in considerazione l'esperienza maturata in attività professionali e ruoli ricoperti inerenti agli obiettivi di cui al presente avviso, la lettera motivazionale e la specifica formazione professionale.

L’Amministrazione si riserva la possibilità di chiedere ulteriori chiarimenti e informazioni ai professionisti che hanno presentato domanda.

A conclusione della procedura, la Commissione predisporrà distinte graduatorie per le diverse figure professionali, dandone pubblicità sul sito istituzionale della Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio.