Bonus verde: pagamento anche con carte elettroniche e assegni bancari. E' necessaria la tracciabilità

Agenzia delle Entrate: per usufruire del “bonus verde” non è obbligatorio pagare le spese con bonifico bancario o postale

fiscalita-fattura-calcolatrice-700.jpg

Il bonifico bancario o postale non è l'unico metodo di pagamento possibile per usufruire del Bonus Verde, prorogato a tutto il 2021 dall'art.1 comma 76 della legge di bilancio 2021.

Lo ha precisato l'Agenzia delle Entrate sulla "Posta di FiscoOggi", ricordando tutti i metodi di pagamento accettati, che rispettano il requisito della tracciabilità delle operazioni:

  • assegni bancari, postali o circolari non trasferibili;
  • carte di credito;
  • bancomat;
  • bonifici.

NB - Per ottenere la detrazione Irpef per la “sistemazione a verde” delle unità immobiliari residenziali e delle parti comuni esterne degli edifici condominiali, il documento di spesa deve riportare il codice fiscale del contribuente beneficiario della detrazione e la descrizione dell’intervento, che deve rientrare tra quelli agevolabili.