Catasto online, altro giro altra miglioria: nuove modalità di consultazione per planimetrie e mappe

L'accesso al servizio è allargato ad altri atti o attività e può essere esercitato anche tramite collaboratori professionali delegati e abilitati, per snellire e rendere più agevole la procedura telematica

progettazione-professionista-01-700.jpg

Periodo di novità a raffica, per il Catasto online: dopo le volture catastali col nuovo software, stavolta tocca alle planimetrie (o mappe), per le quali - grazie al provvedimento dell'11 febbraio 2021 del direttore delle Entrate Ruffini - aumentano le possibilità di consultazione telematica da parte di pubblici ufficiali incaricati della stipula di atti immobiliari e dei professionisti abilitati alla presentazione telematica degli atti di aggiornamento catastale che possono delegare propri collaboratori ad effettuare gli accessi al sistema.

Dalla vecchia alla nuova consultazione

Le Entrate ricordano che il provvedimento del 16 settembre 2010 aveva individuato le modalità di consultazione telematica delle planimetrie catastali consentendo l’accesso al Sistema telematico dell’Agenzia del territorio (Sister) ai soggetti abilitati alla presentazione telematica degli atti tecnici di aggiornamento del catasto edilizio urbano e ai notai o ai segretari o delegati della pubblica amministrazione abilitati all’utilizzo di procedure informatiche. Stabiliva, inoltre, che la richiesta di consultazione deve essere sottoscritta con firma digitale del soggetto abilitato.

Il nuovo provvedimento dell'11 febbraio 2021 invece consente l’accesso a Sister anche per altri atti o attività concernenti l’immobile purché insiti nell’incarico conferito dal soggetto legittimato e può essere esercitato anche tramite collaboratori professionali delegati a tale scopo e specificatamente abilitati al servizio.

Se il servizio viene effettuato tramite collaboratori, la consultazione online della planimetria avviene tramite la sottoscrizione da parte del delegato, con firma digitale, della richiesta tramite il sistema telematico dell’Agenzia delle entrate.

Il richiedente dichiara di essere a conoscenza del fatto che il proprio delegato è un:

  • professionista abilitato alla presentazione degli atti di aggiornamento catastale, incaricato della redazione di atti tecnici di aggiornamento del catasto edilizio urbano o di altri atti e attività riguardanti l’immobile, o di adempimenti connessi alla stipula di atti anch’essi riguardanti l’immobile, nonché dall’autorità giudiziaria
  • notaio o altro pubblico ufficiale incaricato della stipula d atti concernenti l’immobile.

I deleganti, allo scadere della delega, revocano l’accesso al sistema telematico dell’Agenzia per la consultazione delle planimetrie catastali.