PNRR, OICE: "Gestire il Piano Nazionale Ripresa e Resilienza con project management e qualità dei progetti"

Gabriele Scicolone, Presidente dell'Associazione delle società di ingegneria e architettura (OICE), è intervenuto in audizione al Senato sullo schema del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), puntando sull'importanza di garantire la qualità dei progetti, garantendo concorrenza e trasparenza.

 

costruzioni-cantiere-01-700.jpg

 

PNRR e Infrastrutture, OICE: "Non si insegua il “modello-non-modello” Genova"

«Le priorità sul PNRR sono note e discendono all'Unione europea, ma non si insegua il “modello-non-modello” Genova per fare presto; si garantiscano concorrenza e trasparenza"».

È questo il messaggio principale lanciato da Gabriele Scicolone, Presidente dell'Associazione delle società di ingegneria e architettura (OICE), in audizione al Senato sullo schema di PNRR.

«Il successo di un'opera pubblica dipende dall'accelerazione delle fasi approvative e non dalle procedure di appalto, ormai semplificate al massimo. Sulle priorità del Recovery Plan italiano riteniamo opportuno puntare sulla rigenerazione urbana, superando i vincoli del Decreto Semplificazioni. Altrettanto importante è pensare a un'estensione della validità del "Superbonus", almeno al 2025; priorità assoluta va poi data alla digitalizzazione della P.A. e, quindi, anche delle procedure di appalto. Vorremmo una forte Cabina di regia che però diventi un Tavolo permanente con le forze imprenditoriali e professionali per un confronto strutturato con gli operatori».

Il Consigliere Giorgio Lupoi ha puntato l'attenzione sui seguenti punti:

«Si riuscirà a velocizzare le opere soltanto con supporti di project management mutuati dal mondo privato e dall'esperienza internazionale per comprimere i tempi di attraversamento, vero motivo dei ritardi delle opere pubbliche; a nostro avviso una struttura di controllo di tempi e costi a supporto del RUP è essenziale. Va poi assicurata sempre la qualità dei progetti, evitando selezioni al massimo ribasso che produranno danni in futuro».

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su