I sistemi ad alta tecnologia di Draco per l’impermeabilizzazione delle strutture

Fondazioni e strutture interrate rappresentano elementi particolarmente critici delle costruzioni, in virtù della loro funzione strutturale fondamentale. La minaccia maggiore a questi elementi è rappresentata dalle infiltrazioni d’acqua, che risalendo le strutture vanno progressivamente a indebolire i manufatti.

Quali soluzioni per l'impermeabilizzazione adottare?

 

draco_ultraseal-xp.JPG

Impermeabilizzazione delle strutture di fondazione con la memabrana idro-reattiva Ultraseal XP

 

Come proteggere le strutture contro-terra dall'acqua?

Le vie attraverso cui l’acqua può penetrare sono molteplici: riprese di getto che causano discontinuità, porosità delle superfici, cavillature e lesioni sono la porta d’ingresso dell’umidità capillare di risalita che con il passare del tempo, oltre a formare macchie e aloni sulle superfici, causa efflorescenze saline che tendono a disgregare le superfici rendendole friabili. A questo vanno aggiunti i disagi dovuti alla diminuzione delle prestazioni di isolamento termico e l’insalubrità degli ambienti.

Tutte queste problematiche sono però accessorie a una ben più importante conseguenza dell’infiltrazione di acqua, ovvero la riduzione delle doti meccaniche della struttura.

Altresì fondamentale da tenere in considerazione è che una volta innescato, il fenomeno è difficilmente eliminabile o arginabile, oltre che particolarmente costoso qualsiasi eventuale intervento di risanamento.

Alla luce di queste evidenze è fondamentale realizzare in via preventiva una serie di opere a carattere continuo per la protezione contro-terra.

 

Impermeabilizzazione con membrane bentonitiche

Le membrane bentonitiche sono una soluzione oramai consolidata, affidabile e versatile, per contrastare le infiltrazioni di acqua e umidità.

La bentonite sodica è un tipo di argilla dotata di proprietà espansive significative quando viene idratata, arrivando ad aumentare il suo volume fino a 15 volte, e modificando la sua consistenza passando dallo stato granulare a quello di gel idrorepellente.

Viene confezionata in geocompositi, ovvero racchiusa tra due geotessili e incapsulata attraverso un processo di agugliatura. Il risultato è una membrana con uno strato omogeneo di bentonite, che in caso di idratazione mantiene uniformità nella distribuzione del materiale, fondamentale a garantire un efficiente e continuo contrasto alle infiltrazioni di acqua.

 

Draco propone 4 diverse tipologie di membrane con bentonite, in grado di rispondere a situazioni differenti

  1. Voltex, membrana bentonitica impermeabilizzante idroreattiva e autoagganciante, rappresenta una prima risposta al contrasto dell’umidità, che per via delle sue caratteristiche può essere utilizzata in condizioni ambientali non particolarmente complesse, ma garantendo comunque la totale impermeabilizzazione.

  2. Voltex DS è una membrana bentonitica impermeabilizzante idroreattiva e autoagganciante, accoppiata a una membrana in PE in grado di offrire doppia impermeabilizzazione per interventi con battente idraulico elevato, ed è quindi la risposta alle situazioni in cui è necessario contrastare un più consistente carico di acqua.

  3. Voltex CR, membrana bentonitica impermeabilizzante idroreattiva e autoagganciante, è resistente agli agenti contaminanti, ideale per le situazioni in cui le acque da contrastare contengono anche altre sostanze che è indispensabile bloccare.

  4. Voltex DSCR è la membrana bentonitica tecnologicamente più complessa, impermeabilizzante idroreattiva e autoagganciante, accoppiata a membrana PE per doppia impermebailizzazione e resistente agli agenti contaminanti, offre il più alto contrasto sia alla tenuta di acqua che alle sostanze chimiche presenti nel terreno.

 draco_impermeabilizzazione-voltex-underslab.jpg

Impermeabilizzazione con la membrana bentonitica idroreattiva e autoagganciante Voltex

 

Impermeabilizzazione attiva innovativa con membrane capaci di autoripararsi

Oltre alle tradizionali membrane in bentonite, Draco propone due membrane con tecnologia avanzata di polimeri, che rappresentano l’ultima innovazione nel campo dell’impermeabilizzazione attiva. Hanno la capacità di autoripararsi in caso di perforazione e si auto sigillano quando idratate.

Ultraseal XP: membrana impermeabilizzante idro-reattiva, ideale per condizioni di presenza di acque a elevata salinità o contaminate; questa membrana è particolarmente indicata, per via delle sue caratteristiche, per costruzioni e strutture in prossimità di ambienti marini. Inoltre è resistente ad elevata pressione idrostatica sia continua che intermittente.

Coreflex XP: membrana impermeabilizzante idro-reattiva con nucleo in tecnologia XP, offre doppia impermeabilizzazione in soli 1,5 mm di spessore. Il suo punto di forza maggiore è rappresentato dal non dover essere confinata per garantire la totale impermeabilizzazione, ed è quindi la soluzione ottimale per i tetti verdi, anche in virtù della sua resistenza chimica e antiradice.

draco_impermeabilizzazione-attiva-strutture_01.jpg

Impermeabilizzazione di un tetto verde con la memabrana idro-reattiva Coreflex XP

 

Le soluzioni proposte da Draco sono quindi in grado di fare fronte a tutte le necessità di impermeabilizzazione, a partire da strutture e condizioni ambientali più semplici, come cantine di abitazioni, fino alle situazioni più complesse come quelle in prossimità di ambienti marini e in presenza di tetti verdi.

 



Il tuo progetto richiede un sistema di impermeabilizzazione attiva?

>>> SCOPRI QUI la giusta soluzione <<<


 

Chi è DRACO Italiana

Il Gruppo DRACO è composto da aziende che operano in maniera altamente specializzata in differenti segmenti del mercato dell’edilizia sviluppando e producendo soluzioni tecniche all’avanguardia. Gli oltre 200 addetti del network operano in molteplici ambiti del moderno costruire fornendo preziosi impulsi per lo sviluppo dei prodotti e dei sistemi DRACO e assistenza e consulenza dalla progettazione alla messa in opera.

>>> Per maggiori informazioni visita il sito di DRACO

draco-2021_logo_700.jpg

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su