Pergotenda o pergolato sopra i 20 metri quadri: l'autorizzazione sismica è obbligatoria

Tar Lazio: in zona sismica, per pergolati o pergotende maggiori di 20 metri quadri costruiti su lastrici solari esclusivi è necessaria l'autorizzazione sismica.


SCIA senza autorizzazione sismica: niente da fare

E' inefficace la SCIA presentata in assenza dell’autorizzazione sismica del Genio Civile, necessaria trattandosi di manufatto di oltre mq.20, in legno massello, analogo strutturalmente a un pergolato.

Lo si evince dal disposto della sentenza 7809/2021 dello scorso 1° luglio del Tar Lazio (Sez. II Bis), che ha confermato l'ordinanza di demolizione impartita dal comune per un intervento di ristrutturazione edilizia abusivo, in zona A del PRG, consistente nella realizzazione di una veranda, sul terrazzo di pertinenza e in aderenza all’immobile, di m.4,80x2,80x2,50h, con copertura in legno e tamponata ai lati con struttura in ferro e vetro.

In pratica: l'autorizzazione sismica per le grandi pergotende e i pergolati è sempre obbligatoria, poi siccome qui siamo pure di fronte a una veranda, non c'è dubbio alcuno sull'abuso edilizio in atto.

 

Il ricorso

La ricorrente in particolare ha fatto presente che l’Amministrazione non poteva intervenire a distanza di oltre 18 mesi dalla presentazione della SCIA, senza poi evidenziare le ragioni di interesse pubblico a supporto di detto intervento; che inoltre non era prevista l’applicazione della normativa antisismica con riferimento alle pergotende; che in ultimo si era già attivata per rimuovere le tamponature laterali, in modo da far permanere la struttura assentita tramite SCIA.

Pergotenda o pergolato sopra i 20 metri quadri: l'autorizzazione sismica è obbligatoria

La grande pergotenda è come un pergolato: serve l'autorizzazione sismica

Il Tar boccia il ricorso su tutta la linea, sottolineando che:

  • nel caso di specie, si tratta di pergotenda di oltre mq.20, in legno massello, per cui giustamente assimilata, da parte del comune, ai pergolati, per i quali serve l’autorizzazione sismica del Genio Civile
  • tale assimilazione era dettata dalle dimensioni della struttura, di oltre mq.20, e dalla sua consistenza, in legno massello, non venendo in rilievo in tal caso le differenze tipologiche sotto il profilo urbanistico tra pergolato e pergotenda, bensì, per l’aspetto di prevenzione antisismica, l’incremento dei carichi sotto il profilo strutturale del tutto analogo.

 

I 18 mesi di ritardo e l'interesse pubblico

In assenza della prescritta autorizzazione sismica, la SCIA del 19 luglio 2018 non poteva comunque produrre effetti e quindi non veniva in rilievo il termine di mesi 18 per l’intervento repressivo, che non poteva decorrere, in assenza della prescritta autorizzazione del Genio civile.

 

L'interesse pubblico è dato dal centro storico

Riguardo l’interesse pubblico sotteso all’intervento repressivo dell’Amministrazione, esso - sostiene il Tar - risiede nella circostanza che i lavori venivano eseguiti in zona A “centro storico”, di particolare pregio, ex art.2 del D.M. del 2 aprile 1968.

 

La demolizione

Quanto invece all’ordinanza di demolizione, rilevato che la stessa ha ad oggetto un manufatto differente rispetto a quello interessato dall’altro provvedimento impugnato, trattandosi non più di manufatto di oltre mq.20 in legno, bensì di veranda di m.4,80x2,80x2,50h, con copertura in legno e tamponata ai lati con struttura in ferro e vetro, non è sufficiente rimuovere le tamponature laterali per renderla legittima, giacchè in primo luogo la SCIA, come emerso, è in ogni caso improduttiva di effetti e inoltre la stessa riguardava un opera del tutto differente per dimensioni, consistenza e conformazione.

LA SENTENZA INTEGRALE E' SCARICABILE IN FORMATO PDF PREVIA REGISTRAZIONE AL PORTALE


Per saperne di più sui temi della normativa edilizia e urbanistica

LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA

LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA

L'AREA è un luogo di riflessioni, commenti, studi e proposte sullo stato dell’arte dell’Edilizia e dell’Urbanistica in cui ci proponiamo di dare sistematicità alle informazioni inerenti l’evoluzione normativa e giurisprudenziale che pubblichiamo giornalmente.

Nell'area di principi e modalità applicative delle norme dell’Urbanistica e dell’Edilizia facendo il punto critico sulle tematiche che maggiormente si pongono all’attenzione della legislazione e della giurisprudenza in un momento in cui l’evoluzione della materia appare confusa e, a volte, contraddittoria; per questo trattiamo gli argomenti, per così dire, più attuali, interpretandoli ed inquadrandoli alla luce dei principi fondanti della materia anch’essi oggetto di evoluzione concettuale e dottrinaria.

Vai all'area di approfondimento "LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA"