Decreto Caro prezzi materiali 1° semestre 2021: esito della commissione MIMS. Provvedimento in arrivo

18/11/2021 5773

L'ANCE ha reso noto che la Commissione Consultiva Centrale per il rilevamento dei costi dei materiali, che opera presso il MIMS, ha messo nero su bianco i costi dei materiali da costruzione e le relative variazioni del primo semestre 2021, da cui dipenderanno le compensazioni alle imprese.

Arriverà a breve, quindi, il decreto del MIMS (che era atteso entro il 31 ottobre scorso) con le variazioni percentuali dei singoli prezzi superiori all’8% intervenute nel primo semestre 2021.

A partire a questi valori saranno definite le compensazioni a favore delle imprese.


Con una nota sulla home page del proprio portale, l'ANCE ha dato notizia del contenuto del recente incontro/riunione (10/11/2021) della Commissione Consultiva Centrale per il rilevamento del costo dei 56 materiali da costruzione, monitorati dal Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili (MIMS) e riferiti alle dinamiche del primo semestre 2021 rispetto alla media dell’anno 2020.

Alla riunione hanno partecipato, oltre ai rappresentanti del MIMS e del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, anche rappresentanti di Ance, Aiscat, Agenzia delle Entrate, Anas, Anci, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Finco, Federcasa, Istat, RFI, Unioncamere. La delegazione Ance è stata guidata dall’ing. Antonio Ciucci.

 

Prezzi dei materiali e decreto in arrivo

Tale incontro - ricorda l'ANCE - è stato propedeutico alla definizione del decreto con il quale il MIMS rileva le variazioni percentuali dei singoli prezzi superiori all’8% intervenute nel primo semestre 2021 e dal quale, dunque, dipenderanno le compensazioni a favore delle imprese.

Il decreto sopracitato, che era atteso entro il 31 ottobre scorso, arriverà quindi a stretto giro di posta. Lo aspettano 'tutti' con ansia perché a partire dai valori lì indicati saranno definite le compensazioni a favore delle imprese.
 
Nella tabella si evidenziano, tra gli aumenti più elevati, quello del 76% dei nastri in acciaio, del 59% delle lamiere in acciaio, del 50% delle lamiere in acciaio Corten e del 48% dei laminati in acciaio.

Decreto Caro materiali 1° semestre 2021: esito della commissione prezzi MIMS. Provvedimento in arrivo

Il commento di ANCE

L’ANCE, in funzione di tale decreto, ha svolto un lavoro molto intenso per riuscire ad identificare dati e fonti solidi da un punto di vista metodologico e in linea con la realtà dei cantieri.

Questo lavoro ha portato a definire incrementi percentuali significativi di prezzo, tra il primo semestre 2021 e la media 2020, per 24 materiali (dei 56 complessivi monitorati dal MIMS) ritenuti i più importanti per il settore delle costruzioni. Tali evidenze sono state opportunamente trasmesse al Ministero.

Quest’ultimo, nella documentazione trasmessa in vista della riunione della commissione prezzi, ha evidenziato incrementi percentuali - calcolati come media ponderata dei dati forniti dai tre rilevatori, Provveditorati, Unioncamere e Istat - superiori all’8% per 36 dei 56 materiali oggetto della rilevazione (Allegato 1 scaricabile in allegato).

Su questi il MIMS ha, inoltre, calcolato le variazioni percentuali anche per gli anni 2003-2019 per tener conto dei diversi anni di offerta (Allegato 2).

Con riferimento agli aumenti di prezzo dei 36 materiali riscontrati dal MIMS e riferiti al primo semestre 2021, l’ANCE ha evidenziato che per molti di essi tali aumenti sono di intensità molto inferiore rispetto alla realtà dei cantieri. Pur avendo espresso la sua contrarietà all’approvazione delle tabelle, queste sono poi state approvate a maggioranza dalla Commissione e verranno poste alla base del decreto relativo al caro materiali del 1° semestre 2021.

Come in precedenti riunioni della commissione prezzi, l’ANCE ha:

  • ribadito la necessità e l’urgenza di un aggiornamento della metodologia utilizzata dal Ministero ed ha sottolineato la forte esigenza di rilevare dei prezzi in linea con la realtà di mercato;
  • segnalato la necessità di inserire per le rilevazioni alcuni materiali aggiuntivi all’attuale elenco dei 56 monitorati, quali ad esempio energia elettrica, calcestruzzo e gas naturale.

GLI ALLEGATI 1 E 2 SONO SCARICABILI IN FORMATO PDF PREVIA REGISTRAZIONE AL PORTALE