Un nuovo 'polmone verde' per Carpi: il progetto del Parco Oltreferrovia di Mario Cucinella Architects

Ri-cucire il tessuto storico della città alla maglia tipica della centuriazione della campagna padana, è questo l'obiettivo del progetto del parco Oltreferrovia ideato da MC A - Mario Cucinella Architects, con PAISÀ Landscape, per la comunità di Carpi.



Dove la ferrovia ieri separava, oggi un parco unisce città e campagna

Nel modenese, il progetto di un parco cambierà il volto alla città nota in tutto il mondo per essere un'importante polo tessile del Made in Italy. In questo caso, il termine cucitura "calza a pennello" al progetto del parco ideato da MC A - Mario Cucinella Architects, con PAISÀ Landscape, e che a tutti gli effetti, una volta ultimato, riconnetterà il centro storico di Carpi alla sua campagna situata oltre la ferrovia.

Con i suoi oltre 100mila metri quadrati di verde, il Parco Oltreferrovia sarà il più grande in città e sorgerà in prossimità dell'ex-consorzio agrario che ben presto diverrà sede di un corso di laurea in Ingegneria dell'Università di Modena. Un importante intervento urbanistico che disegnerà la città del futuro, fatta di relazioni, di socialità, di alta formazione, di ambiente, e di un nuovo modo di pensare lo spazio pubblico.

 

Parco Oltreferrovia di Carpi design Mario Cucinella ArchitectsParco Oltreferrovia © MC A - Mario Cucinella Architects

Il disegno del masterplan del Parco Oltreferrovia nasce dalla volontà del Comune di Carpi di dar vita ad una mediazione tra la città storica e l'esteso spazio agricolo situato alle spalle della linea ferroviaria.

«Un parco al servizio del centro storico, un polmone verde per la città» ha dichiarato il Sindaco Alberto Bellelli nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto alla comunità carpigiana che si è tenuta il 2 dicembre 2021 nelle sale del Municipio con la presenza dell’assessore all’Urbanistica Riccardo Righi, l’architetto Mario Cucinella e l’ing. Giulia Mariotti.

 

Come una foglia che porta linfa attraverso le sue nervature: ecco il concept design del progetto

«Il nuovo parco agirà come un connettore così come una foglia porta linfa attraverso le sue nervature. Il parco riconnetterà il centro storico ad una nuova oasi di biodiversità a disposizione della cittadinanza di tutte le età. La nostra volontà è creare un’esperienza che sia attrattiva e punto di riferimento per l’intera comunità carpigiana, e non solo data vicinanza dell’università, in cui lo stare all’aria aperta si trasforma in un’emozione speciale» spiega Mario Cucinella, fondatore e direttore artistico di MC A - Mario Cucinella Architects.

Seguendo e riportando alla luce il tracciato del reticolato proprio del paesaggio agricolo padano, il disegno del parco si articola in quelle che sono state chiamate “stanze” ovvero spazi suddivisi in tre macrocategorie tematiche: stanze dedicate a eventi e servizi, stanze attrezzate e stanze naturali.

 

Parco Oltreferrovia di Carpi design Mario Cucinella Architects

Parco Oltreferrovia © MC A - Mario Cucinella Architects

Una delle stanze dedicate agli eventi e servizi coinciderà con uno degli ingressi principali al nuovo Parco, al quale si accede attraverso un nuovo sottopassaggio ferroviario. Il luogo che fino a poco prima era stato di rottura tra il centro storico della città e la maglia agricola “oltre” la ferrovia, ora diventa il punto di partenza di una nuova esperienza da cui si snodano i percorsi ciclo-pedonali che connettono il Parco con il nuovo Polo Universitario e con i Quartieri Residenziali.

 

Parco Oltreferrovia di Carpi design Mario Cucinella ArchitectsParco Oltreferrovia © MC A - Mario Cucinella Architects

Le stanze attrezzate, saranno quelle dedicate alle attività più dinamiche come fitness a corpo libero e caratterizzate da campi attrezzati, aree picnic e barbecue per famiglie, zone lettura e relax e stanze gioco per bambini.

La natura e il verde troveranno terreno fertile nelle stanze naturali dove l’attenzione è rivolta appunto a creare ambienti biodiversi e attenti alla tipicità del luogo, qui avremo stanze adibite ad orti sociali, dove i cittadini potranno esser coinvolti in prima persona, giardini tematici, campi fioriti, boschi etc.

Il progetto del verde si muove nel ripristino delle memorie paesaggistiche del territorio padano che lo caratterizzavano fino alla metà del secolo scorso. Nel passato, infatti, il territorio risentiva fortemente della compresenza di ambienti di vario tipo, da boschi periziali, a zone umide e corsi d’acqua. La morfologia a reticolato proprio del paesaggio agricolo si mescola al nuovo disegno, in cui al centro, una sorta di belvedere determina il senso di apertura del grande prato centrale, valorizzando la continuità visiva sia con la città storica sia con la limitrofa campagna. Dal grande cuore verde centrale, il verde permea a Nord e a Sud, attraverso dei filari alberati che seguono le assialità pedonali e ciclo pedonali di connessione, nei giardini e nelle aree di pertinenza dei servizi come quasi una sorta di prolungamento della naturalità.

 

Parco Oltreferrovia di Carpi design Mario Cucinella ArchitectsParco Oltreferrovia © MC A - Mario Cucinella Architects
 

Un progetto partecipato che risponde alle istanze della comunità

Il progetto del Parco Oltreferrovia nasce da un percorso partecipato per la progettazione di uno spazio pubblico attivato dal Comune di Carpi attraverso la condivisione con la cittadinanza di un questionario. Dal questionario è emersa l'esigenza dei carpigiani di avere luogo in cui poter praticare attività sportiva e rilassarsi all’aperto, un’area verde che potesse riconnettere il centro storico allo spazio circostante naturale. Il percorso partecipato così avviato ha offerto alla comunità locale l'opportunità unica di contribuire attivamente alla progettazione di uno spazio che rispondesse direttamente alle loro necessità.

Per poter soddisfare al meglio tutte le richieste dei cittadini il parco è stato concepito come uno spazio in continua evoluzione, sviluppabile per stralci futuri, e dal sapore dinamico, in modo che possa crescere e adattarsi alle esigenze della Comunità.

«Sarà un parco dinamico, la cui realizzazione potrà implementarsi nel tempo, dando priorità ai collegamenti e all’infrastruttura verde, guardando poi ad una graduale implementazione attraverso le diverse stanze che ne contraddistingueranno una pluralità di funzioni» ha dichiarato l'assessore all'Urbanistica Riccardo Righi.

Tempi e costi di realizzazione dell'intervento

La realizzazione del parco, come già anticipato in precedenza, avverrà per stralci e potrà implementarsi nel tempo a seconda delle esigenze dei cittadini.

L’importo delle opere per il primo stralcio sarà circa un milione di euro, risorse già stanziate nel Piano investimenti 2021 da parte dell'Amministrazione locale.

«In questi giorni stiamo procedendo all’aggiudicazione dell’incarico per la progettazione definitiva ed esecutiva per il suo primo stralcio funzionale, guardando alla sua approvazione nei primi mesi del 2022 e quindi alla sua successiva realizzazione» ha aggiunto Riccardo Righi in conferenza stampa.


CLICCA QUI - Scopri tutti i dettagli del progetto



Crediti di progetto

Luogo: Carpi (MO), Italia
Anno: 2021 – in corso
Cliente: Comune di Carpi

Progetto: Mario Cucinella Architects con PAISÀ Landscape
Team: Mario Cucinella, Giulia Mariotti, Benedetta Mingardi

Landscape: PAISÀ Landscape
Visual: Alessia Monacelli, Gianlorenzo Petrini (Mario Cucinella Architects)

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su