Edilizia scolastica, pioggia di risorse dal PNRR! Decreto MIUR e Avvisi Scuole, Asili, Mense e Palestre

Il Ministro Patrizio Bianchi ha firmato il decreto per la definizione dei criteri di riparto, su base regionale, delle risorse del PNRR e delle modalità di individuazione degli interventi di edilizia scolastica.

Contestualmente, il MIUR ha pubblicato quattro dei cinque Avvisi previsti, dedicati a costruzione scuole, asili, palestre e mense scolastiche.


Arrivano soldi per l'edilizia scolastica e, a cascata, arriveranno opportunità interessanti per i professionisti tecnici alla voce "progettazione di scuole".

 

Le risorse del PNRR per l'edilizia scolastica

In totale, si tratta di 5,2 miliardi di euro per la realizzazione e messa in sicurezza di asili nido e scuole per l’infanzia, per la costruzione di scuole innovative, per l’incremento di mense e palestre, per la riqualificazione del patrimonio edilizio scolastico.

Il pacchetto di interventi mette subito a disposizione un terzo dei fondi complessivi previsti nel PNRR per il sistema di Istruzione che ammontano, in tutto, a 17,59 miliardi.

Nella conferenza stampa di presentazione, il Ministro dell'Istruzione Bianchi ha presentato i contenuti del decreto n.343 del 2 dicembre 2021 con cui vengono stabiliti i criteri di riparto delle risorse (provvedimento allegato in fondo a questo articolo).

Particolare attenzione viene data al Sud, con l’obiettivo di colmare i divari esistenti: almeno il 40% dei fondi messi a bando sarà destinato al Mezzogiorno per dare ai territori che ne hanno maggiore carenza mense scolastiche per il tempo pieno, servizi educativi per l’infanzia, palestre, scuole nuove ed efficienti. Più in generale, nell’attribuzione delle risorse peseranno la scarsità attuale di infrastrutture nei territori, la densità della popolazione studentesca e, ad esempio, nel caso di mense e palestre, conteranno anche i dati relativi alle difficoltà negli apprendimenti e alla dispersione scolastica.

 

Il decreto principale

Il DM 343/2021 individua i criteri necessari all’individuazione degli interventi da ammettere a finanziamento nell’ambito del PNRR. 

Il provvedimento contiene un riepilogo degli interventi di competenza, che sono: 

  1. Missione 2, Componente 3 – Rivoluzione verde e transizione digitale – Investimento 1.1: “Costruzione di nuove scuole mediante sostituzione di edifici” (Avviso disponibile a questo link);
  2. Missione 4, Componente 1 – Istruzione e ricerca – Investimento 1.1 – “Piano per gli asili nido e le scuole dell’infanzia” (Avviso disponibile a questo link);
  3. Missione 4, Componente 1 – Istruzione e ricerca - Investimento 1.2 – “Piano di estensione del tempo pieno - mense” (Avviso disponibile a questo link);
  4. Missione 4, Componente 1 – Istruzione e ricerca - Investment 1.3: “Piano per le infrastrutture per lo sport nelle scuole (Avviso disponibile a questo link)”;
  5. Missione 4, Componente 1 – Istruzione e ricerca - Investimento 3.3: “Piano di messa in sicurezza e riqualificazione delle scuole”.

Ad ogni intervento corrisponde un articolo del decreto recante specifici criteri

In ogni articolo si specifica inoltre che:

  • gli edifici non devono aver ricevuto finanziamenti europei, nazionali o regionali per la stessa finalità negli ultimi 5 anni;
  • tutti gli interventi oggetto di finanziamento devono rispettare il regolamento UE che definisce gli obiettivi ambientali, tra cui il principio di non arrecare un danno significativo (DNSH, “Do not significant harm”);
  • a conclusione delle procedure selettive, le graduatorie saranno trasmesse alle regioni, anche attraverso sistemi di cooperazione applicativa verso i sistemi regionali ARES 2.0, ove già sviluppati senza ulteriori oneri a carico del Ministero.

Si consiglia, in tal senso, di seguire l’aggiornamento delle informazioni all’interno del portale.

ue-next-generation-12-700.jpg

Nuovo sito edilizia scolastica PNRR e progetto Futura

In occasione della conferenza sono stati poi presentati i singoli bandi e il sito dedicato, in continuo aggiornamento, attraverso il quale Istituzioni, scuole, cittadini ed Enti locali potranno accedere agilmente alle informazioni generali sul PNRR Istruzione, ai dati relativi ai finanziamenti (anche in versione open data), ai singoli bandi, ai servizi disponibili per chi dovrà effettuare le opere. 

Futura, la scuola per l’Italia di domani, questo il nome scelto per il PNRR Istruzione, a sottolineare l’importanza strategica di queste risorse per la costruzione di una nuova scuola.

 

I bandi

I bandi sono direttamente collegati a ogni singolo "Investimento" e prevedono:

  1. 3 miliardi di euro per il Piano per gli asili nido e le Scuole dell’infanzia: l’obiettivo è ridurre il divario esistente nei servizi educativi per la prima infanzia e potenziarli su tutto il territorio nella fascia di età 0-6 anni. I 3 miliardi saranno così divisi: 2,4 miliardi per la fascia 0-2 anni (il 55,29% di queste risorse andrà al Mezzogiorno) e 600 mln per la fascia 3-5 (40% al Mezzogiorno). Si tratta della seconda tranche di uno stanziamento complessivo di 4,6 miliardi previsti nel PNRR per questo capitolo, grazie ai quali si realizzeranno complessivamente 1.800 interventi di edilizia scolastica e saranno creati 264.480 nuovi posti per accogliere bambine e bambini, migliorando il servizio offerto alle famiglie a supporto, anche, dell’occupazione femminile.
  2. 800 milioni di euro per il Piano di costruzione di 195 nuove scuole che sostituiranno vecchi edifici (il 40% delle risorse andrà al Mezzogiorno). Si tratterà di scuole innovative dal punto di vista architettonico e strutturale, altamente sostenibili e con il massimo dell’efficienza energetica, inclusive e in grado di garantire una didattica basata su metodologie innovative e su una piena fruibilità degli ambienti didattici. Una volta individuate le aree per la costruzione delle scuole, il Ministero dell’Istruzione bandirà un concorso di progettazione. Qui è uscito, in data 2/12, l'Avviso Ufficiale.
  3. 400 milioni di euro per il potenziamento del tempo pieno attraverso l’incremento delle mense scolastiche (il 57,68% delle risorse andrà al Mezzogiorno). Lo stanziamento consentirà di realizzare circa mille interventi, costruendo nuovi spazi o riqualificando quelli esistenti. Anche per questo è uscito, in data 2/12, l'Avviso Ufficiale.
  4. 300 milioni di euro (il 54,29% delle risorse andrà al Mezzogiorno) per aumentare l’offerta di attività sportive attraverso la costruzione di palestre o la riqualificazione di quelle esistenti, per un totale di 230.400 metri quadrati da realizzare o riqualificare.
  5. 710 milioni di euro per il Piano di messa in sicurezza e riqualificazione delle scuole (il 40% delle risorse andrà al Mezzogiorno): le Regioni individuano gli Enti da ammettere a finanziamento sulla base delle programmazioni regionali per garantire la messa in sicurezza e la riqualificazione del patrimonio edilizio scolastico esistente.

IL DECRETO 343/2021 E LE SLIDE DEL MIUR SONO SCARICABILI IN FORMATO PDF PREVIA REGISTRAZIONE AL PORTALE