Dal World Green Building Council un "kit di strumenti post-disastro"

26/04/2022 2463

Il World Green Building Council ha collaborato con una serie di altre organizzazioni per lanciare un "kit di strumenti post-disastro" per aiutare le comunità a ricostruire meglio. Ecco di cosa si tratta.

Quanto costa ricostruire dopo un disastro

Il 4 agosto 2020 intorno alle ore 18:08 Beirut è stata scossa da una mega esplosione che si è verificata nell'area del porto, uccidendo 214 persone e ferendone oltre 7.000. E' stato stimato che quasi 300.000 persone siano rimaste senza casa a causa del disastro, ovvero circa 2/3 della popolazione.

 

Dal punto di vista economico, in Libano, le perdite dovute all'esplosione del porto del 2020 sono state stimate tra i 4 e i 5 miliardi di dollari e i costi di ricostruzione sono stimati intorno ai 10 miliardi di dollari.

E si è valutata la possibilità di una ricostruzione sostenibile.

Il quadro per la ricostruzione e il recupero sostenibile, destinato al Mediterraneo meridionale e orientale e oltre, è stato prodotto in collaborazione con la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS), l'Habitat delle Nazioni Unite e i Green Building Council in Egitto, Giordania, Libano e Palestina.

Viene descritto come il progresso di un approccio olistico, inclusivo e resiliente alla ricostruzione in queste regioni che subiscono disastri naturali e conflitti. Il quadro è strutturato attorno a sei temi che sottolineano che la riduzione del rischio di catastrofi e la ricostruzione urbana sostenibile dell'ambiente fisico possono ripristinare il benessere delle comunità, rivitalizzare i mezzi di sussistenza e sostenere la vita sociale e culturale.

Questa risorsa non propone una soluzione valida per tutti, ma mette in evidenza questioni e metodi chiave per creare soluzioni su misura per progetti di ricostruzione sostenibile a livello individuale e comunitario.

Si basa sul corpo delle strutture esistenti del World Green Building Council per la salute e il benessere e il carbonio per l'intera vita, nonché le politiche ambientali e sociali della BERS e i corrispondenti requisiti di prestazione.

Cristina Gamboa, CEO del World Green Building Council, ha dichiarato: “Mentre diamo slancio alla Conferenza delle Nazioni Unite sul clima COP27, la priorità deve essere facilitare la conoscenza per una transizione equa verso soluzioni infrastrutturali sostenibili e a basse emissioni di carbonio che rafforzino la resilienza per tutte le comunità e le economie. Il Sustainable Reconstruction and Recovery Framework è un toolkit per le aree colpite da disastri che fa proprio questo per tutti i paesi situati nel Mediterraneo meridionale e orientale."

Lavorando su sei principi, il quadro riconosce le sfide e fornisce percorsi di azione per sfruttare le opportunità per una ricostruzione sostenibile. Non vediamo l'ora di lavorare con i nostri partner e i Green Building Council per accelerare il contributo del framework per sbloccare il ripristino degli ecosistemi, delle comunità e delle economie nella regione e oltre".

Dal World Green Building Council un "kit di strumenti post-disastro"

I disastri causati dai cambiamenti climatici

La regione del Medio Oriente e del Nord Africa, compreso il Mediterraneo meridionale e orientale (SEMED), sono le regione più soggette a stress idrico al mondo e si sta riscaldando a una velocità doppia rispetto alla media globale. Da ondate di calore estreme, lunghi periodi di siccità, inondazioni improvvise, erosione costiera e cicloni, l'ultimo mezzo secolo ha visto l'area subire un aumento degli eventi meteorologici estremi. Insieme al cambiamento climatico, le comunità stanno vivendo una rapida urbanizzazione e un aumento dei disordini civili, dei conflitti e del degrado delle infrastrutture.

Le stime suggeriscono che saranno necessari oltre 560 miliardi di dollari in tutto il medio oriente solo per ricostruire in paesi come Siria, Iraq, Yemen, Libia e Gaza.

In Libano, le perdite dovute all'esplosione del porto del 2020 sono stimate tra i 4 e i 5 miliardi di dollari e i costi di ricostruzione sono stimati intorno ai 10 miliardi di dollari. In Giordania, ci sono 660.000 rifugiati registrati dall'UNHCR - uno degli incrementi demografici più rapidi nella storia - che richiedono urgentemente l'espansione delle infrastrutture e la fornitura di servizi in modo sostenibile ed equo.

Adonai Herrera-Martinez, direttore ambiente e sostenibilità nel dipartimento ambiente e sostenibilità della BERS, ha dichiarato: “Incentrato su una serie di linee guida tecniche dettagliate, questo lavoro riflette le migliori pratiche internazionali sulla ricostruzione e lo sviluppo di infrastrutture urbane sostenibili. Le raccomandazioni sono applicabili ad altre regioni vicine come MENA e Africa subsahariana. Il quadro incorpora la politica ambientale e sociale della BERS e i suoi requisiti di prestazione e sfrutterà l'ampia rete WorldGBC per la divulgazione e lo sviluppo delle capacità".

Il quadro copre sei temi o principi guida per la ricostruzione sostenibile:

1. Utilizzo efficiente delle risorse

Un ambiente fisico che garantisce il corretto utilizzo delle risorse, la crescita continua e la resilienza ambientale.

2. Resilienza ambientale e climatica

Promuovere una pianificazione integrativa a lungo termine per ridurre la vulnerabilità delle comunità e aumentarne l'adattabilità agli effetti dannosi del cambiamento climatico.

3. Mobilità sostenibili

Garantire la libertà di accesso a tutti i membri della società in modo sano e rispettoso dell'ambiente.

4. Resilienza sociale ed economica integrativa

Garantire che le reti sociali abbiano uguale importanza alle reti fisiche e siano ricostruite e sostenute nell'ambiente fisico in modi che facilitino le opportunità di crescita economica e resilienza della comunità.

5. Salute e benessere

Affrontare gli aspetti sia oggettivi che soggettivi del benessere della comunità, in particolare dopo la crisi.

6. Patrimonio

Mantenere un forte legame con il patrimonio di un territorio, rappresentativo della ricchezza storica e culturale della regione, fondamentale per garantire l'appartenenza e, a sua volta, il benessere.

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su