Superbonus, Capaccioli (Asacert): "Proroga di 3 mesi inutile. Mancano materiali e manodopera"

È critico Fabrizio Capaccioli, AD di Asacert, dopo la scelta del governo di prorogare per altri tre mesi la detrazione del 110% per le case unifamiliari, la definisce una misura "giusta ma inutile, perchè rischia di non avere gli effetti desiderati".

Altri problemi non di poco conto per Capaccioli sono quelli relativi al rincaro delle materie prime ed energia e la mancanza di personale qualificato. "Servono tempi più lunghi e un'azione di governo urgente" afferma l'AD di Asacert.


Per Capaccioli questa misura rischia di non avere gli effetti desiderati

"La proroga di altri tre mesi decisa dal governo per la detrazione del 110%, applicata alle case unifamiliari, potrebbe rivelarsi inutile". Lo afferma Fabrizio Capaccioli, AD di Asacert e vicepresidente di Green Building Council Italia, che avverte: "Allungare i termini per la realizzazione di almeno il 30%, da giugno a settembre 2022, dei lavori del Superbonus è una misura giusta ma insufficiente, perché rischia di non avere gli effetti desiderati. Si chiede al settore di utilizzare il mese di agosto per tenere aperti i cantieri quando sarà molto difficile che questo possa accadere, per via delle ferie estive".

 

Superbonus, Capaccioli (Asacert): "Proroga di 3 mesi inutile. Mancano materiali e manodopera"

 

"Inoltre - continua Capaccioli - esiste un tema critico, sottostimato da governo e legislatori, che continua a rendere complicato il lavoro delle imprese ed è rappresentato da una congiuntura di almeno tre fattori: il prezzo in costante rialzo di materie prime ed energia, la carenza di materiali e la mancanza di personale tecnico qualificato per il funzionamento in sicurezza dei lavori di cantiere. A fronte di queste problematiche, non propriamente trascurabili, la proroga decisa dal governo risulta ininfluente. Servono tempi più lunghi e un'azione di governo su prezzi e materiali che è urgente almeno quanto la necessità di reperire manodopera qualificata."