Riforma del Catasto, accordo sulla nuova bozza: nessun legame coi prezzi e cancellati i riferimenti patrimoniali

Trovata la quadra sui princìpi e criteri direttivi per la modernizzazione degli strumenti di mappatura degli immobili e la revisione dei fabbricati.


Ora la Riforma del Catasto, che comunque partirà dal 2026, può iniziare il suo lungo percorso.

Il testo dell'accordo tra Centrodestra di governo e Palazzo Chigi è stato definito (ed è disponibile nel documento allegato) e va a modificare l'art.6 del DDL Delega Fiscale (3343).

mercato-immobiliare-torino-700.jpg

I principi per la Riforma del Catasto

Queste le novità principali della bozza:

  • il nuovo catasto non avrà legami con l'andamento dei prezzi di mercato;
  • viene eliminato ogni riferimento ai valori patrimoniali degli immobili;
  • ok ai prezzi Omi e all’integrazione delle informazioni per combattere l’evasione immobiliare.

In una nota stampa, la Lega ha spiegato che “viene eliminato ogni riferimento ai valori patrimoniali degli immobili, consentendo l'aggiornamento delle rendite secondo la normativa attualmente in vigore e senza alcuna innovazione di carattere patrimoniale”.

 

Nel dettaglio, con alcuni decreti legislativi, il Governo dovrà prevedere l'integrazione delle informazioni presenti nel catasto dei fabbricati in tutto il territorio nazionale, da rendere disponibile a decorrere dal 1° gennaio 2026, secondo i seguenti princìpi e criteri direttivi:

  • a) prevedere che le informazioni rilevati secondo i principi di cui al presente comma non siano utilizzate per la determinazione della base imponibile dei tributi la cui applicazione si fonda sulle risultanze catastali né, comunque per finalità fiscali, né per il computo del valore dell'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE);
  • b) indicare per ciascuna unità immobiliare, oltre alla rendita castale determinata secondo la normativa attualmente vigente, anche un valore in accordo con i criteri previsti dal DPR 138/1998 (Regolamento recante norme per la revisione generale delle zone censuarie, delle tariffe d'estimo delle unità immobiliari urbane).

 

L'iter

Ricordiamo che il DDL Delega integrale sarà al vaglio del Parlamento questa settimana e che, per diventare operativa, questa legge delega dovrà portare ad un decreto legislativo ad hoc.


Il testo della riforma del catasto dopo l'accordo tra Centrodestra e Palazzo Chigi è scaricabile in formato PDF


 


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su