Elettrificazione dei consumi: Enel X sviluppa progetti per accelerare la transizione energetica

La transizione energetica non può più aspettare e per favorirla sono sempre più importanti le rinnovabili e l’elettrificazione dei consumi. È proprio in questa direzione che si sta muovendo Enel X, impegnata da alcuni anni in molteplici iniziative al riguardo.


Transizione energetica: non basta produrre energia da fonti rinnovabili

In un contesto socio-politico come quello attuale, sempre più condizionato da un riassetto dei nuovi equilibri internazionali, la transizione ecologica è un tema che assume carattere urgente a livello europeo e, soprattutto, italiano. 

Seconda solo alla Germania, nella classifica di dipendenza dalle importazioni estere di gas, l’Italia deve correre presto ai ripari e ridurre drasticamente tale dipendenza, in particolare da quella russa. 

In che modo? Innanzitutto, accelerando il più possibile il passaggio alle fonti rinnovabili. Non solo: per liberarsi del gas in tempi rapidi risulta indispensabile anche l’elettrificazione degli usi finali. Il Gruppo Enel sta già percorrendo questa via per ottenere un beneficio a lungo termine.

 

Elettrificazione dei consumi: Enel X sviluppa progetti per accelerare la transizione energetica

 

Perché è importante elettrificare i consumi?

L’elettricità è la vera protagonista della transizione energetica di questo secolo. I vantaggi che l’elettrificazione degli usi finali permetterà di raggiungere, abbinati ad un ricorso sempre più cospicuo di una generazione da fonte rinnovabile, avranno un impatto positivo sull’ambiente, sulla salute umana e sui costi socio-economici.

Il report “Just E-volution 2030”, realizzato da The European House – Ambrosetti per conto di Enel ed Enel Foundation, ha individuato molteplici benefici tra cui:

  • Riduzione delle emissioni di CO2 e di conseguenza delle emissioni inquinanti, migliorando la qualità dell'aria;
  • Limitazione dell'inquinamento acustico e del conseguente rischio di ipertensione e malattie cardiovascolari, con un impatto positivo sulla qualità della vita;
  • Incremento di un consumo più efficiente dell’energia, riducendone la domanda e le emissioni di gas effetto serra (si pensi, ad esempio, alle pompe di calore, alle lampade a LED e ai sistemi di accumulo elettrochimico);
  • Facile integrazione digitale. Le tecnologie smart consentirebbero ai cittadini di acquisire maggiore consapevolezza dei propri consumi e di ridurre gli sprechi energetici;
  • Stimolazione dell'innovazione e sostenibilità negli stili di vita e nei processi industriali;
  • Incentivo verso un Economia Circolare, grazie all'innovazione nella produzione di energia rinnovabile, allo stoccaggio dell'energia e al passaggio da un sistema elettrico centralizzato ad uno decentralizzato.

 

Progetto Sardegna: l’impegno nell’elettrificazione dei consumi

Enel X vuole guidare la transizione energetica italiana, agevolando il processo con le sue molteplici linee di business ed iniziative ad hoc come il Progetto Sardegna. Il piano d’azione, avviato insieme ad altre società del Gruppo Enel, ha l’obiettivo di fare della Sardegna un’isola verde entro il 2030 ed un modello da imitare per tutte le altre regioni italiane, facendone un vero e proprio laboratorio dell’elettrificazione. 

Per il suo contesto unico, la Sardegna si è dimostrata la regione ideale, caratterizzata da un enorme potenziale per lo sviluppo della generazione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Il piano prevede la messa in pratica di molteplici azioni, tra le quali l’integrazione di circa 4 GW di potenza rinnovabile rispetto al dato attuale e di 1 GW di batterie per immagazzinare l’elettricità; la riqualificazione energetica degli edifici, l’elettrificazione dei trasporti (pubblici e privati) e dei porti. Un progetto che racchiude tante anime del Gruppo unite da un unico obiettivo. 

 

Installazione di impianti fotovoltaici- Enel X

 

Vivi Meglio per il Progetto Sardegna

Anche Vivi Meglio, la linea di business di Enel X impegnata nel perimetro Eco-Sisma-Superbonus, mette a disposizione le proprie risorse e competenze per il Progetto Sardegna, avviando sul territorio una serie di progetti di riqualificazione energetica di grandi edifici. Ha in previsione, infatti, di sostituire gli impianti termici obsoleti con pompe di calore e di installare pannelli fotovoltaici con l’obiettivo di favorire l’autoconsumo energetico dei condomini interessati agli interventi e, di conseguenza, le emissioni di CO2 e i costi in bolletta. 

Ma non finisce qui, Vivi Meglio desidera anche dotare questi edifici di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici, al fine di incentivare la mobilità elettrica e ridurre le emissioni inquinanti anche nell’ambito dei trasporti.

In riferimento all’attuale contesto normativo e alle agevolazioni fiscali vigenti, la realizzazione di interventi di efficientamento energetico è facilitata dalla presenza di diversi incentivi, primo tra tutti il Superbonus 110% che unito a strumenti come la cessione del credito d’imposta o l’applicazione dello sconto in fattura consente ai clienti finali di accedere ad un beneficio economico straordinario.

Oltre al Progetto Sardegna, Vivi Meglio raccoglie quotidianamente la sfida di riqualificazione energetica e messa in sicurezza sismica dell’intero patrimonio immobiliare nazionale. Le imprese e gli studi di progettazione possono collaborare con la società del Gruppo Enel e dare il proprio contributo nell’elettrificazione dei consumi e nella più ampia transizione energetica. Insieme verso un futuro più efficiente e sostenibile.

I clienti, le imprese o i professionisti che desiderano avere maggiori informazioni sull’offerta Vivi Meglio possono contattare Enel X attraverso il form dedicato sul sito Enel X o chiamando l’800.90.45.45.