Anac su equità dei compensi professionali, OICE: “Bene tutela dei progettisti ed equo compenso"

OICE ha apprezzato l'intervento di Anac, che stabilisce indicazioni sul calcolo dei compensi professionali in caso di riduzione dei livelli progettuali. Scicolone, presidente Oice: "Riconosciuta la dignità dei progettisti."


Nessun riassorbimento della remunerazione della prestazione inerente al livello omesso

L’OICE, l’Associazione delle società di ingegneria e architettura aderente a Confindustria, accoglie molto positivamente i contenuti del Comunicato dell’11 maggio 2022 a firma del Presidente dell’Anac, Giuseppe Busia, reso noto recentemente, con il quale si forniscono indicazioni sul calcolo dei compensi professionali in caso di riduzione dei livelli progettuali, a tutela dei progettisti spesso danneggiati da scelte inique delle stazioni appaltanti.

Per Gabriele Scicolonel’intervento dell’Autorità è particolarmente apprezzabile perché chiarisce, in generale, che la riduzione di livelli progettuali non può essere funzionale alla riduzione dei corrispettivi perché così facendo si viola la legge sull’equo compenso. Sembra banale, ma è un’affermazione che riconosce la dignità del progettista e tiene conto di una legge che dal 2017 dovrebbe sempre essere seguita dalle stazioni appaltanti in nome della qualità del progetto”.

 

Anac su equità dei compensi professionali, OICE: “Bene tutela dei progettisti ed equo compenso"

 

Per Scicolone “è molto importante che sia stato precisato che l’omissione di un livello non equivale alla sua soppressione ma significa una unificazione con quello successivo e le relative attività devono comunque essere remunerate applicando il parametro Q del decreto parametri proprio del livello omesso. Non c’è quindi alcun riassorbimento della remunerazione della prestazione inerente il livello omesso, salvo rare e di fatto inesistenti eccezioni laddove alcune prestazioni siano identiche nelle varie fasi progettuali. Questo perché, diversamente - dice l’Anac - si incorrerebbe nella violazione del principio dell’equo compenso

In prospettiva la riforma del codice appalti mira comunque alla revisione dei contenuti dei livelli progettuali per ridurli, probabilmente da tre a due: “Su questo punto – ha detto Scicolone - pur nel pieno rispetto delle scelte del legislatore, riteniamo che sia un errore e che non si possa a priori dare un input che miri sempre e comunque, in via generale e astratta, alla riduzione degli attuali tre livelli. Riteniamo che l’attuale art. 23 del codice, rappresenti la soluzione ottimale e che la strada maestra sia sempre quella di arrivare a progetti di qualità, accurati e dettagliati, con i necessari approfondimenti tecnici e con il necessario tempo di cui devono potere disporre i progettisti. E questo soprattutto per gli interventi del Pnrr, per evitare problemi della fase di esecuzione dei lavori”.


Logo Oice

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su