In consultazione le Linee guida di valutazione della sostenibilità delle strade

Saranno in consultazione pubblica fino al 30 luglio le nuove Linee Guida Operative per la valutazione delle opere pubbliche relativamente al settore stradale.

Di seguito il commento positivo di Lorenzo Orsenigo, presidente di AIS - Associazione Italiana per la Sostenibilità delle Infrastrutture.


Orsenigo: un altro tassello importante verso una concreta sostenibilità delle infrastrutture

Il MIMS ha posto in consultazione pubblica fino al 30 luglio, le nuove Linee Guida Operative per la valutazione delle opere pubbliche relativamente al settore stradale. Con l’obiettivo di acquisire un ampio consenso su uno strumento di verifica della sostenibilità di questa tipologia di opere.

Si tratta di un documento articolato, che riprende i principi e gli indirizzi maturati in questi anni partendo dai 17 Goal dell’Agenda Onu, passando per il Green Deal fino alla regolamentazione relativa alla tassonomia e al raggiungimento degli obiettivi collegati al principio del Do No Significant Harm (DNSH).

Per il presidente di AIS, l’Associazione Italiana per la Sostenibilità delle Infrastrutture, Lorenzo Orsenigosiamo di fronte a un documento in linea con il percorso avviato dal ministro Giovannini e dal ministero, che da un lato recepisce il quadro europeo e ne definisce le modalità di applicazione e dall’altro inserisce nel quadro nazionale strumenti e principi decisamente innovativi.

 

Lorenzo Orsenigo, presidente di AIS - Associazione Italiana per la Sostenibilità delle Infrastrutture

 

Le linee guida dedicate alle strade sono in stretta coerenza con quanto previsto dal nuovo PFTE, con l’introduzione della Relazione di sostenibilità e l’attenzione alla digitalizzazione, e forniscono precise indicazioni su come concretamente perseguire gli obiettivi legati al cambiamento climatico, entrando nel merito degli indicatori con cui confrontarsi.

Per Orsenigo è di particolare soddisfazione “riscontrare all’interno del documento diverse indicazioni che erano state poste come elementi fondamentali nel primo position paper di AIS dedicato a La sostenibilità delle infrastrutture fattore strategico della Next Generation EU, così come l’evoluzione rispetto alla dichiarazione di alcuni principi che trovano in queste Linee guida una specificazione maggiore. Da sottolineare il richiamo all’importanza dell’analisi socio-economica dell’opera e al ruolo determinante della governance nella fase gestionale, due elementi che vengono assunti come fattori rilevanti per misurare la sostenibilità dell’opera in una logica di rating.

Per il Presidente di AIS siamo di fronte a un passo avanti significativo. “Con queste Linee guida si contribuisce a cambiare la tradizionale concezione di un’infrastruttura intesa come elemento ingegneristico a sé stante, per concepirla come elemento fondamentale di uno sviluppo economico e sociale e di crescita di una comunità locale, in chiave sostenibile. Un passaggio significativo per andare oltre la domanda se si stia facendo un buon progetto per approdare a rispondere all’altra e più importante: Stiamo facendo il progetto giusto?”.


CONSULTA LE LINEE GUIDA OPERATIVE DEL MIMS


ais--associazione-infrastrutture-sostenibili.jpg

Giovannini, MIMS: trasformiamo in realtà l'utopia sostenibile - L'intervista