L’Europa che cambia: l’housing sociale come strumento per riqualificare il territorio

L’esperienza Olandese: un esempio per riqualificare le nostre periferie
 
Abstract
L’housing sociale può diventare un valido strumento di gestione e riqualificazione per le periferie italiane. Queste aree, in particolare gli insediamenti di edilizia residenziale pubblica, a causa dell’assenza di un'adeguata e programmata progettazione manutentiva, necessitano oggi di un’intensa attività di recupero edilizio: hanno ampiamente esaurito il loro ciclo economico e architettonico, sono caratterizzate da scadente qualità urbana e costruttiva, e vertono in condizioni di forte degrado. Portare a termine un piano di riqualificazione improntato sul social housing per il recupero delle aree periferiche non vuol dire operare in modo puntuale sulle mancanze urbane o edilizie. Consiste, invece, nel realizzare un progetto articolato in numerose fasi integrate fra loro, con diverse strategie e tecniche applicabili che intervengono dalla scala urbana a quella edilizia, e nel quale il progettista da tecnico si trasforma in responsabile della gestione del processo di riqualificazione.
Questo paper analizza l’housing sociale in Olanda, da un punto di vista finanziario, urbanistico, della riqualificazione architettonica e della tecnologia dell’architettura.

L’housing sociale in Olanda esperienze ed innovazione
Dopo quasi un secolo, la solida tradizione di housing sociale olandese sembra lasciare il posto a modi e procedure di altro tipo. La costituzione di classi sociali miste e più abbienti di quelle che avevano portato alla costruzione dei migliori quartieri operai, dal dopoguerra in poi, ha imposto la revisione di procedure e criteri su cui quegli stessi quartieri si basavano.
II 1995 segna la fine della sovvenzione da parte dello stato delle Housing Associations, le associazioni per l'edilizia popolare olandesi, e l'avvio di una nuova fase nel settore della produzione di case.
Sono due i principali elementi che caratterizzano questa nuova fase della produzione nel settore della residenza in Olanda: la ricerca di maggiore qualità e la richiesta, da parte di abitanti socialmente diversi rispetto al passato, di abitazioni più grandi e confortevoli; la conclusione di una pratica di espansione delle citta? fondata sulla realizzazione di nuovi insediamenti intorno ai centri urbani, sostituita dalla demolizione e ricostruzione di quartieri esistenti per risolvere contemporaneamente la nuova domanda abitativa e la riqualificazione delle aree. A questi va aggiunto il fenomeno della cosi? detta gentrification, in altre parole della graduale trasformazione di ex quartieri popolari in realtà completamente diverse.

Figura 1. Lo schema organizza il sistema dell’housing sociale in Olanda. Sono evidenziati i tre livelli di controllo dell’housig sociale: il livello nazionale, rappresentato dal ministero della casa, definisce le politiche abitative e impone i canoni di locazione sociale oltre a supervisionare il settore delle HA. Il livello regionale programma attraverso le province ed in accordo con le municipalità i programmi di intervento per L’housing sociale. Le Housing Association sono presenti in tutti e tre i livelli come settore privato garante dello sviluppo e gestione dell’edilizia sociale nel paese.


L’Olanda vanta una lunga tradizione nella sperimentazione di nuova costruzione, rinnovo e gestione dell’edilizia residenziale sociale. In particolare, nell’ambito della gestione e del rinnovo del patrimonio abitativo esistente, gioca un ruolo dominate a livello Europeo. L’Olanda e? il paese dell’Unione Europea con la percentuale più elevata di alloggi in regime di affitto sociale – 35% – la maggior parte della quale appartiene alle associazioni edilizie.
Da quando le Housing Association olandesi hanno acquisito indipendenza finanziaria dal governo centrale, sono state in grado di sviluppare efficaci strategie di gestione e di intervento.
Da più di un decennio numerosi edifici sono stati oggetto di rinnovo: alcuni sono considerati come esempio di best-practice for hilgh level innovation diventando un utile fonte di informazione su processi costruttivi e prodotti di successo.
Questa ricerca non si fonda sull’idea che il miglioramento tecnico (e funzionale) di un alloggio renderà automaticamente i residenti più soddisfatti, quanto piuttosto che la chiave di un rinnovo di successo è un approccio di tipo integrato che combini aspetti fisici-tecnici e socio-economici.

Key words
Riqualificazione urbana sostenibile – Housing sociale – Progettare sostenibile– Tecnologia dell’architettura