Il processo di digitalizzazione si apre all’industria dei componenti edilizi del Regno Unito

National BIM Report for Manufacturers 2015
Il processo di digitalizzazione si apre all’industria dei componenti edilizi del Regno Unito


Il recente rapporto di NBS (National Building Specification) denominato “National BIM Report for Manufacturers 2015” analizza in dettaglio l’adozione del BIM nel Regno Unito, prendendone in considerazioni le implicazioni derivanti per i produttori di componenti edilizi.

Il documento raccoglie le testimonianze di diversi produttori in merito alla loro esperienza BIM fino a questo momento, insieme a quelle di architetti e professionisti che hanno abbracciato la filosofia del Building Information Modeling come elemento fondante delle proprie attività.

Essenzialmente lo scritto esprime le attitudini dei progettisti cercando di indirizzare le scelte strategiche dell’industria nei loro confronti.

E’ molto interessante prestare attenzione alle richieste di chi ha preso parte al report:

  • Più dei tre quarti degli interpellati (76%) richiede esplicitamente ai produttori la diffusione di librerie di oggetti BIM relativi ai loro cataloghi.
  • Il 60% dei partecipanti al report afferma di utilizzare già oggetti BIM nei propri progetti.
  • Oltre due terzi (66%) consulta i documenti NBS per aggiornarsi sull’approccio BIM.
  • Quasi la metà dei professionisti (46%) utilizza oggetti BIM provenienti dalla NBS National BIM Library.
  • Nell’arco temporale di cinque anni, il 95% dei professionisti consultati prevede di passare integralmente alla progettazione BIM.

La lettura di questo report è essenziale se si vuole comprendere l’entità delle cogenze normative che il Governo Britannico renderà obbligatorie per il 2016, per i progetti di opere pubbliche. Anche nello scenario italiano, infatti, alcuni degli studi professionali più affermati si stanno muovendo verso una transizione consapevole verso la digitalizzazione integrata, così che una finestra su quanto accade nel Regno Unito oggi costituisce un punto di vista privilegiato verso il futuro normativo Europeo.

Il “National BIM Survey for Manufacturers” sottolinea come gli interpellati siano sempre più sensibili alla tematica, a partire da un rinnovato apprezzamento per i vantaggi derivanti dalla modellazione digitale sino ad un più circostanziato riconoscimento  del BIM come processo collaborativo.

E’ significativo rilevare come fino ad oggi si sia parlato di BIM spesso come di una prerogativa quasi esclusiva dei progettisti e dei loro team di sviluppo. Questo documento tuttavia apre la strada ad una estensione del processo ad altri attori, i produttori, invitandoli all’interno di un processo, quello BIM, in grado di garantire loro nuove opportunità commerciali.

Non a caso l’NBS National BIM Library, il repository on-line di componenti parametrici intelligenti per software voluto dalle autorità Britanniche, prevede una sezione dedicata alle aziende e ai produttori dell’industria, che possono “caricare” i modelli dei loro prodotti ottenendone la certificazione e la diffusione tra i progettisti.

Articolo originale: LINK