Progettazione integrale: il ruolo del certificatore energetico in un'intervista a Luca Alberto Piterà, AICARR

16/11/2015 4540

Quando parliamo di progettazione edile ecosostenibile parliamo anche di progettazione integrale, ovvero di un processo complesso che coinvolge sia la sfera architettonica che quella ingegneristica, basato sull’integrazione tra edilizia e impianti. La certificazione energetica è uno dei principali strumenti che i progettisti hanno per esprimere al meglio il connubio tra studi interdisciplinari nel campo dei materiali, dell’energia, delle strutture, del cantiere. La valutazione integrata dell’involucro di un edificio e degli impianti che possono permetterne una riqualificazione dal punto di vista energetico genera la classe energetica di una costruzione, che è un importante mezzo di espressione del valore del fabbricato.

Andrea Dari ha intervistato il segretario tecnico di AICARR, Luca Alberto Piterà su questo tema.

Dal 1° ottobre 2015 sono in vigore le nuove norme sulla certificazione energetica. Come cambia il ruolo del progettista?
Il progettista diviene attore e informatore, ha la responsabilità di utilizzare al meglio le nuove norme per informare il cliente in modo corretto.

Si va quindi verso una nuova visione del progettista, verso un ruolo diverso.
Sì: ormai si progetta con sistemi integrati, non più con mono-sistemi. Anche gli attori convolti nel progetto devono interagire tra di loro, è fondamentale.

Chi si occupa del progetto assume quindi un ruolo più importante nel processo di progettazione?
Sì, ma deve lavorare in squadra: tutti gli attori coinvolti nel processo edilizio devono collaborare per la progettazione.

Guarda l’intervista al link https://www.youtube.com/watch?v=y91znS1OWig