Pubblicato il decreto sul caro materiali

31/05/2012 1674

Il Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.114 del 17 maggio 2012 il decreto con il quale ha rilevato le variazioni percentuali annuali relative all’anno 2011 dei singoli prezzi dei materiali da costruzione più significativi, affinché vengano determinate le relative compensazioni.

Il decreto ha acquisito i dati relativi alle variazioni dei prezzi medi dei materiali da costruzione, con percentuali annuali superiori al 10% tra l’anno 2010 e 2011 per effetto di circostanze eccezionali.

Il Ministero ha rilevato, in particolare, che le variazioni percentuali rilevanti ai fini della compensazione hanno riguardato unicamente i seguenti materiali da costruzioni: ferro - acciaio tondo per cemento armato ( +10,98%); rete elettrosaldata (+10,82%); fili di rame conduttori (+10,27%); profilati in rame per lattoneria e lastre (+13,69%) e bitume (+12,31%).

Così, se nelle lavorazioni contabilizzate lo scorso anno sono stati impiegati materiali tra quelli su menzionati, gli appaltatori potranno presentare all`amministrazione appaltante istanza di compensazione per la variazione di prezzo eccedente il 10 % con le modalità stabilite dall`art. 171 del regolamento.
L`istanza deve essere presentata, a pena di decadenza, entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione del decreto (17 maggio 2012).

Il D.M. precisa poi che, sempre in relazione ai lavori contabilizzati nel 2011, si applicano ai fini del calcolo della compensazione anche le variazioni, eccedenti il 10 per cento, rilevate nei precedenti decreti, in relazione all`anno di presentazione dell`offerta.

Il decreto inoltre sottolinea, che per i lavori contabilizzati nel 2011 si applicano anche le variazioni superiori al 10% rispetto a quelle relative all’anno di presentazione dell’offerta.