Termolog: involucro e ponti termici

Calcolo e modellazione dei ponti termici in edifici nuovi ed esistenti

È risaputo che la novità più eclatante delle UNI TS 11300:2014 e anche la più conosciuta da certificatori e progettisti è stata l'abolizione della maggiorazione percentuale del ponte termico sulle strutture.

La UNI TS 11300-1:2008 permetteva infatti, nel caso di edifici esistenti, di valutare l'incremento di fabbisogno dovuto alla presenza di un ponte termico con l'applicazione di una percentuale a scelta tra i valori del vecchio prospetto 4 della parte 1 del 2008.

Ora invece è sempre necessario valutare la trasmittanza del ponte termico attraverso un metodo numerico e indicare in modo dettagliato lo sviluppo effettivo del ponte termico nell'edificio, sia si tratti di un edificio di nuova costruzione sia di un fabbricato esistente: è da qui che nasce quello che può considerarsi una difficoltà oggettiva da parte del certificatore energetico che nella grande maggioranza dei casi non conosce né la stratigrafia degli elementi che costituiscono l'involucro, né il loro sviluppo complessivo all'interno dell'edificio.

È proprio da questa esigenza che il team di sviluppo di TERMOLOG ha realizzato una serie di strumenti che permettono di ottemperare alle richieste normative in modo puntuale ma estremamente immediato: i moduli PROGETTISTA e CERTIFICATORE di TERMOLOG ad esempio sono stati aggiornati gratuitamente includendo un set minimo di ponti termici precalcolati a partire dall'abaco delle strutture della UNI TR 11552; il modulo CERTIFICATORE inoltre unisce ai classici metodi di input grafico e tabellare il wizard dei ponti termici, una semplice procedura guidata che consente con un unico click tutti i ponti termici dell'edificio.

Il Modulo PONTI TERMICI infine aggiunge una gamma di circa duecento tipologie di ponti termici calcolabili in funzione delle stratigrafie dell'edificio, che permettono una valutazione della trasmittanza lineica per ogni tipo di struttura sia per la certificazione energetica che per il progetto di nuovi edifici.

Le soluzioni di TERMOLOG al problema dei PONTI TERMICI
Il tema dei ponti termici negli edifici è estremamente più complesso con la nuova norma UNI 2014: tutti i certificatori ed i progettisti si trovano ad affrontare il problema del calcolo e dell'inserimento del ponte termico nell'involucro dell'edificio che si sta analizzando.

La complessità per il certificatore energetico risiede nella valutazione della trasmittanza lineica e nell'inserimento delle dimensioni, per il progettista invece nel contenimento delle dispersioni e nell'ottemperare alle verifiche di legge richieste. Anche la nuova Legge 90 e il nuovo decreto Requisiti Minimi contemplano il ponte termico, non più come verifica di trasmittanza incrementale, ma come obbligo di verifica sull'eventuale formazione di muffe e condensa.

Con TERMOLOG l’utente ha a disposizione un insieme di strumenti avanzati per il calcolo e l'inserimento dei ponti termici nell'involucro disperdente dell'edificio, primo tra tutti il wizard dei PONTI TERMICI che permette di introdurre tutti i ponti termici dell'edificio con una rapida procedura guidata: basta scegliere la tipologia di ponte termico tra angolo, pilastro, serramento, pavimento, balcone o parete interna su esterna e selezioni la struttura relativa dall'archivio. TERMOLOG propone automaticamente la lunghezza di sviluppo del ponte termico indicando l'altezza per le discontinuità verticali, il perimetro di tutti i serramenti per il ponte termico relativo agli infissi o il perimetro del pavimento nel caso di interruzione solaio-chiusura: basta indicare la quantità di ponti termici della stessa tipologia che si riscontrano nell'edificio per vedere velocemente compilata la tabella delle dispersioni.


Il Modulo PONTI TERMICI di TERMOLOG aggiunge al set minimo di ponti termici precalcolati, più di duecento categorie di ponte termico valutabili in accordo con la UNI EN ISO 14683: il Modulo PONTI TERMICI permette infatti di calcolare la trasmittanza lineica del ponte termico a partire dalle stratigrafie proprie delle strutture presenti nel progetto o nella certificazione energetica, contemplando anche strutture con trasmittanze estremamente ridotte, tipiche degli involucri molto performanti a cui puntano gli edifici a energia quasi zero che dovranno essere progettati e calcolati nei prossimi anni: è possibile valutare cosa cambia per un balcone completamente privo di isolamento, per un balcone isolato solo superiormente, inferiormente, completamente fasciato o isolato tramite connettori.


Il Modulo PONTI TERMICI permette quindi di rispondere alla richiesta della nuova UNI TS 11300-1:2014 che rende necessario contestualizzare e legare il ponte termico al reale involucro dell'edificio oggetto del calcolo.
Con il Modulo CERTIFICATORE e PROGETTISTA è possibile verificare l'incidenza dei ponti termici sulle strutture e simulare rapidamente diverse opzioni di calcolo: lo strumento CONFRONTA di TERMOLOG permette di analizzare le differenze in termini di fabbisogno tra lo stato di fatto e un intervento migliorativo nel quale aggiungere al classico cappotto anche la modifica dei ponti termici o la loro completa correzione, eliminando le discontinuità dall'involucro disperdente del fabbricato.

TERMOLOG accompagna l'utente attraverso il pieno utilizzo gli strumenti messi a disposizione dal software: Le ricordo infatti che accendendo alla sezione SUPPORTO del sito www.logical.it trova materiali e contenuti che permettono di ottimizzare l'uso del software, come le risposte alle domande più frequenti, i Tutorial video, i manuali e le risposte alle domande più frequenti.

Cosa sono e come si calcolano i ponti termici
Per saperne di più SCARICA IL PDF

Per maggiori approfondimenti e chiarimenti visita il sito www.logical.it