Ingegneria ed energia, insieme verso lo sviluppo: Prima Giornata Nazionale dell'Energia

Prima Giornata Nazionale dell'Energia

Venerdì 19 giugno - ore 9

Centro Congressi Frentani
Via dei Frentani, 4
Roma

Si tiene a Roma la Prima Giornata Nazionale dell'energia prevista il 19 giugno ed organizzata da Cni Enea e Finco. Molte e decisive le questioni oggetto dell'incontro, dai nuovi confini dell'innovazione tecnologica ai nuovi prodotti, sino alle maggiori questioni legate alla legislazione sul tema. Un tema rivoluzionario anche per le nostre città future" spiegano gli ingegneri

 

L'edificio a energia, quasi, zero. Un esempio concreto di come l'innovazione ingegneristica stia compiendo passa notevoli ed autorevoli anche nel campo dell'energia. E' questo soltanto uno degli argomenti che verranno affrontati nel corso della 1° giornata nazionale dell'energia organizzata a Roma il 19 giugno dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri in collaborazione con l'Enea (l'Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) e la Finco (la Federazione industrie prodotti, impianti, servizi ed opere specialistiche per le costruzioni) con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico. ricerca e l’innovazione nel campo delle tecnologie energetiche; i nuovi prodotti e tecnologie utili ai sistemi di monitoraggio intelligente e di building automation e delle strategie di gestione dell'energia; l'evoluzione della legislazione e della normativa tecnica, sono altri momenti caratterizzanti l'incontro di Roma che rappresenta una occasione considerevole sui migliori indirizzi da seguire per una adeguata politica energetica in Italia ed in Europa, estremamente attenta a questo aspetto che si lega anche al mondo delle costruzioni. La direttiva 2010/31/UE sulla “Prestazione energetica nell’edilizia", infatti, prevede che dal 2021 tutti i nuovi edifici debbano essere a energia quasi zero (NZEB) e che inoltre siano redatti piani nazionali destinati ad aumentare il numero di NZEB. Un'altra direttiva sempre della Ue, più recente, la 2012/27/ sull’Efficienza Energetica prevede poi una strategia la lungo termine per mobilitare investimenti nella ristrutturazione dei parchi edilizi nazionali attraverso interventi profondi ed efficaci in termini di costi. "Provvedimenti che finiranno con l'incidere fortemente anche sulle città - spiegano Armando Zambrano Presidente del Cni e Gaetano Fede, consigliere del Cni e rappresentante del Consiglio nel comitato tecnico scientifico dell'evento - trasformandole verso elevati livelli di efficienza energetica, sostenibilità ambientale e qualità della vita. Tutto ciò comporta significativi risvolti in termini di ricerca e innovazione tecnologica, di sviluppo di nuovi mercati e di innovazione delle professioni tecniche".

SCARICA IL PROGRAMMA

Per l'occasione INGENIO ha intervistato l'ing. GAETANO FEDE, consigliere del Cni e rappresentante del Consiglio nel comitato tecnico scientifico dell'evento.

Leggi l'intervista "ENERGIA, Fede (CNI): occorre una legislazione omogenea e favorire l’accesso al credito agli investitori"