Studi di microzonazione sismica nei comuni terremotati: si parte. I requisiti richiesti

17/05/2017 5460

Studi di microzonazione sismica nei 140 comuni del cratere: il commissario straordinario pubblica l'ordinanza che fa scattare i tempi di affidamento per gli incarichi. Tutte le specifiche

Gli studi di microzonazione sismica nei comuni del cratere possono finalmente partire: con la pubblicazione, sul sito del commissario per la ricostruzione, dell'ordinanza ministeriale n.24/2017 del 12 maggio, sono infatti in arrivo 140 incarichi per un totale di cinque milioni di euro.

La pubblicazione dell'ordinanza infatti fa partire il count-down:

  • per importi fino a 40 mila euro, i comuni devono affidare direttamente l'incarico entro 30 giorni (quindi, entro il 14 giugno o al massimo 29 giugno in caso di inerzia dei comuni);
  • per importi oltre i 40mila euro, l'affidamento è a trattativa privata, senza bando, invitando almeno cinque operatori e il comune ha 60 giorni di tempo (14 luglio o 29 luglio in caso di inerzia).

Se i comuni non rispettano i termini, intervengono i presidenti di Regione, in qualità di vicecommissari, affidando l'incarico entro 15 giorni. L'incarico va portato a termine entro 5 mesi al massimo, con verifica entro i 15 giorni successivi da parte di un apposito gruppo di lavoro.

Affidamento e incarichi: tutte le altre informazioni
Può essere assegnato a singoli professionisti, studi, raggruppamenti e società di ingegneria. Ciascun operatore può acquisire fino a cinque incarichi. Riguardo l'assistenza tecnica, è prevista in quantità sia a beneficio degli affidatari, sia a garanzia pubblica della corretta esecuzione del servizio: il CNR assicura attività formative, prove di laboratorio e verifica del lavoro svolto. Il costo calcolato per eseguire i 140 studi di microzonazione è stimato 5.041.500 euro e il finanziamento concesso ai comuni è di 3.796.050 euro (Iva inclusa) e che il costo per l'assistenza tecnica è di 1,83 milioni di euro (Iva inclusa).

Requisiti dei professionisti
Serve l'iscrizione nell'apposito elenco speciale o, in alternativa, l'attestazione della richiesta di iscrizione e anche la laurea magistrale in scienze geologiche o titolo equipollente con iscrizione alla Sezione A dell'Ordine professionale dei geologi, o al corrispondente organismo in caso di residenza in altro Stato membro dell'UE, o la laurea magistrale in ingegneria o titolo equipollente con iscrizione alla Sezione A dell'Ordine professionale degli ingegneri, o al corrispondente organismo in caso di residenza in altro Stato membro dell'UE.

Bisogna anche inviare un curriculum dettagliato, dimostrando la comprovata esperienza di rilevamento geologico e l'avvenuta partecipazione alla realizzazione di, e aver sottoscritto in quanto (co-)titolare dell'incarico, almeno uno studio di microzonazione sismica secondo gli "Indirizzi e criteri per la microzonazione sismica" (IMCS 2008), specificando il comune o i comuni in cui lo studio è stato effettuato. Inoltre, bisogna provare di "avere comprovata esperienza nell'utilizzo di strumentazione geofisica e nelle elaborazioni dei dati acquisiti, di avere comprovata esperienza in analisi numeriche di risposta sismica locale e di avere comprovata esperienza nell'utilizzo di sistemi informativi geografici, con particolare riferimento alla produzione di cartografia tecnica in ambiente GIS".
 




 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su