Le normative sui sistemi radianti: presente e futuro

Clara Peretti - Ingegnere, Libera professionista, Segretario Generale Consorzio Q-RAD 09/03/2018 4430

norme-s-radianti-2018.JPG

Nell'articolo sono descritte e approfonditele normative sui sistemi radianti e sull’efficienza energetica, con particolare focus sul futuro delle norme e sulle principali novità del 2017 e 2018.
Una grande quantità di norme può orientare e consigliare le scelte di produttori, progettisti e installatori. A volte però può anche creare confusione. Per fare chiarezza ecco il panorama normativo completo e aggiornato sul tema dei sistemi radianti idronici a pavimento, parere e soffitto. 

Sistemi radianti annegati e sistemi radianti con intercapedine retrostante

Il panorama normativo sui sistemi radianti è complesso e in evoluzione. Questo a causa di una molteplicità di tavoli normativi, dai quali vengono prodotte norme con contenuti e finalità che talora si sovrappongono.

Nelle normative i sistemi radianti a pavimento, parete e soffitto sono suddivisi in due categorie:

  • Sistemi radianti annegati (a pavimento, parete e soffitto)
  • Sistemi radianti con intercapedine di aria (a soffitto oppure a parete).

Una seconda suddivisione a livello normativo riguarda l’applicazione dei sistemi radianti. La suddivisione tra norme di prodotto e norme di sistema ha confini non chiaramente definiti. A livello di concetto le norme di prodotto dovrebbero definire i requisiti e le prestazioni dei sistemi radianti che i produttori devono seguire. Ad esempio una norma di prodotto deve contenere le prescrizioni per le tubazioni dei sistemi radianti.

Le norme di sistema invece, dovrebbero essere utilizzate dai progettisti per la realizzazione dei calcoli e del dimensionamento, ovvero dovrebbero contenere le prescrizioni per l’utilizzo di sistemi radianti negli edifici.

Le principali normative di prodotto sono elencate di seguito, insieme ad una breve descrizione dei contenuti.

UNI EN 1264. Sistemi radianti alimentati ad acqua per il riscaldamento e il raffrescamento integrati nelle strutture. La norma è disponibile in inglese ed è composta da 5 parti:

  • Parte 1: Definizioni e simboli (2011)
  • Parte 2: Riscaldamento a pavimento: metodi per la determinazione della potenza termica mediante metodi di calcolo e prove (2013)
  • Parte 3: Dimensionamento (2009)
  • Parte 4: Installazione (2009)
  • Parte 5: Superfici per il riscaldamento e il raffrescamento integrate nei pavimenti, nei soffitti e nelle pareti - Determinazione della potenza termica (2009).

La norma è il principale riferimento per i sistemi radianti annegati (ovvero inseriti nelle strutture). I contenuti della norma riguardano la progettazione, l’installazione, le prove di laboratorio e le metodologie di calcolo della resa.

UNI EN 14037. Pannelli radianti sospesi a soffitto per riscaldamento e raffrescamento alimentati con acqua a temperatura minore di 120°C. La norma è disponibile in inglese ed è composta da 5 parti:

  • Parte 1: Pannelli radianti prefabbricati a soffitto per riscaldamento - Specifiche tecniche e requisiti (2016)
  • Parte 2: Pannelli radianti prefabbricati a soffitto per riscaldamento - Metodo di prova per determinare la potenza termica (2016)
  • Parte 3: Pannelli radianti prefabbricati a soffitto per riscaldamento - Determinazione della potenza termica nominale e valutazione della potenza termica radiante (2016)
  • Parte 4: Pannelli radianti prefabbricati a soffitto - Metodo di prova per determinare la potenza frigorifera (2016)
  • Parte 5: Soffitti per riscaldamento aperti o chiusi - Metodo di prova per determinare la potenza termica (2016)

La norma definisce le specifiche tecniche e i requisiti dei pannelli prefabbricati montati a soffitto con intercapedine d’aria tra la struttura e il corpo scaldante, alimentati con acqua a temperatura inferiore a 120°C. La norma definisce inoltre i dati generali aggiuntivi che il costruttore deve fornire agli operatori del settore per assicurare la corretta applicazione dei prodotti.

UNI EN 14240.Ventilazione degli edifici - Soffitti freddi - Prove e valutazione (rating).
La norma specifica le condizioni e i metodi di prova per determinare la potenza frigorifera dei soffitti radianti in raffrescamento.

Le principali normative di sistema sono elencate di seguito, insieme ad una breve descrizione dei contenuti.

UNI EN ISO 11855.Progettazione dell'ambiente costruito - Progettazione, dimensionamento, installazione e controllo dei sistemi di riscaldamento e raffreddamento radianti integrati. La norma è disponibile in inglese ed è composta da 5 parti:

  • Parte 1: Definizioni, simboli e criteri di benessere (2015)
  • Parte 2: Determinazione della potenza di riscaldamento e di raffrescamento di progetto(2015)
  • Parte 3: Progettazione e dimensionamento(2015)
  • Parte 4: Dimensionamento e calcolo della potenza dinamica di riscaldamento e raffrescamento dei sistemi termo-attivi dell'edificio (TABS)(2015)
  • Parte 5: Installazione(2015)

La norma è stata scritta all’interno del Gruppo di lavoro ISO (internazionale) WG8. Riguarda i sistemi annegati e in parte si sovrappone come contenuti alle UNI EN 1264. La parte 6 dal titolo “Regolazione” sarà a breve pubblicata.

La norma a breve verrà pubblicata in italiano.

ISO 18566. Building environment design – Design, test methods and control of hydronic radiant heating and cooling panel systems. La norma è disponibile in inglese ed è composta da 4 parti:

  • Part 1: Vocabulary, symbols, technical specifications and requirements (2017)
  • Part 2: Determination of heating and cooling capacity of ceiling mounted radiant panels (2017)
  • Part 3: Design of ceiling mounted radiant panels (2017)
  • Part 4: Control of ceiling mounted radiant heating and cooling panels (2017)

La norma ISO 18566 riguarda i pannelli radianti a soffitto, ovvero I sistemi composti da una parte attiva (elementi con tubazioni nelle quali circola acqua) e una intercapedine d’aria retrostante. La norma non verrà recepita a livello europeo e italiano, rimane comunque un riferimento applicabile anche in Italia per questa tipologia di sistemi. La parte 6 dal titolo “Input parameters for the energycalculation” è attualmente in fase di scrittura.

La norma UNI/TR 11619:2016 sulla classificazione dei sistemi radianti

A livello italiano è stata pubblicata nel 2016 la norma UNI/TR 11619:2016 dal titolo “Sistemi radianti a bassa temperatura - Classificazione energetica” La norma descrive il calcolo dell’indice di efficienza definito RSEE (Radiant System Energy Efficiency), che rappresenta un indicatore complessivo che coinvolge la stratigrafia, i componenti del sistema radiante, le logiche di regolazione e gli ausiliari. Oggetto della classificazione sono i sistemi radianti a bassa differenza di temperatura a pavimento, soffitto e parete in riscaldamento invernale.

La determinazione dell’indice globale RSEE prevede il seguente iter:

  1. Valutazione dell’efficienza di emissione
  2. Valutazione dell’efficienza di regolazione
  3. Valutazione del bilanciamento e dell’efficienza dei circolatori
  4. Calcolo dell’indice di efficienza globale del sistema RSEE.
2-norme-s-radianti-2018.JPG
Classificazione energetica dei sistemi radianti secondo UNI/TR 11619:2016 (Fonte: Consorzio Q-RAD)

Altre normative contenenti prescrizioni sui sistemi radianti

Per i sistemi radianti a pavimento vi sono prescrizioni collegate alla posa delle pavimentazioni, in funzione dei materiali e della tipologia di posa:

  • UNI 11371:2017. Massetti per parquet e pavimentazioni di legno - Proprietà e caratteristiche prestazionali
  • UNI CEN/TS 15717:2008. Parquet - Linee guida generali per la posa in opera
  • UNI 11493-1:2016. Piastrellature ceramiche a pavimento e a parete - Parte 1: Istruzioni per la progettazione, l'installazione e la manutenzione
  • UNI 11515-1:2015. Rivestimenti resilienti e laminati per pavimentazioni - Parte 1: Istruzioni per la progettazione, la posa e la manutenzione
  • UNI 11322:2009. Rivestimenti lapidei per pavimentazioni - Istruzioni per la progettazione, la posa e la manutenzione

Le norme contengono indicazioni sulla posa della barriera al vapore (quando è necessaria e le sue caratteristiche), sullo spessore dei massetti e sulle modalità di messa in opera.
Per quanto riguarda i massetti il principale riferimento è la UNI EN 13813:2004 dal titolo “Massetti e materiali per massetti - Materiali per massetti - Proprietà e requisiti”. La norma specifica i requisiti per i materiali per massetti da utilizzare nella costruzione di pavimentazioni in interni, ovvero anche quelli utilizzati in caso di pavimenti radianti, nonostante nel testo non vi sia uno specifico richiamo a questa applicazione.

I sistemi radianti nelle normative sull’efficienza energetica

Il principale riferimento italiano sull’impiantistica negli edifici è la norma UNI/TS 11300-2:2014 dal titolo “Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale, per la produzione di acqua calda sanitaria, per la ventilazione e per l'illuminazione in edifici non residenziali

Al suo interno sono descritti i rendimenti di emissione, regolazione e distribuzione che devono essere utilizzati nel calcolo del rendimento medio stagionale. Un esempio relativo ai sistemi radianti è riportato in Figura.

3-norme-s-radianti-2018.JPG 
   Rendimenti di emissione per sistemi radianti secondo UNI/TS 11300-2

A livello europeo la norma corrispondente alla UNI/TS 11300-2 è la norma UNI EN 15316-2, recentemente pubblicata. La nuova norma contiene una metodologia diversa rispetto all’approccio italiano: nel calcolo non sono riportati i rendimenti ma le differenze di temperatura, nuovo parametro di riferimento per i calcoli energetici.

Le future norme sui sistemi radianti

Nei prossimi mesi alcune norme entreranno in revisione, mentre verrà pubblicata una norma ad oggi in lavoro. Il principale tema da chiarire è la sovrapposizione delle norme UNI EN 1264 e UNI EN ISO 11855. Recentemente la norma UNI EN 1264-1 non ha passato la proposta di messa in revisione, perchè solo due paesi europei hanno manifestato la volontà di rivedere i contenuti. Si può quindi ipotizzare che la norma non verrà modificata a breve. È invece entrata in revisione a settembre 2017 la norma UNI EN ISO 11855. Il Segretario Generale del Consorzio Q-RAD, Ing. Clara Peretti è il responsabile della revisione della parte 4 che riguarda i sistemi ad attivazione termica della massa - TABS. 

Il nuovo progetto di norma UNI sulla “Qualifica degli installatori di sistemi radianti", proposto dal Consorzio Q-RAD, è attualmente in fase di inchiesta e verrà pubblicato entro fine 2018.