Privacy: le indicazioni di CNA sul nuovo regolamento in vigore dal 25 maggio 2018

In previsione dell'entrata in vigore del Regolamento UE sulla protezione dei dati dal 25 maggio 2018, CNA ha pubblicato un interessante "position paper" che confronta le disposizioni prima e dopo

Entrerà in vigore - senza nessuna deroga - il prossimo 25 maggio 2018, il nuovo Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio - noto come GDPR - General Data Protection Regulation - relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati, pubblicato sulla GU europea lo scorso 4 maggio 2016.

Il Regolamento interessa tutti: enti pubblici, imprese, professionisti, cittadini. In tal senso, CNA ha pubblicato un interessante documento, diviso in tabella comparativa tra le previsioni "prima e dopo" il 25 maggio 2018 e segnalazione di criticità/proposte, evidenziando che il Regolamento è "nato con l'intento di regolarizzare soprattutto le attività di marketing e profilazione svolte dai grandi gruppi societari, rischia di penalizzare le piccole imprese".

Il provvedimento abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento generale sulla protezione dei dati), da cui è disceso il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (c.d. Codice in materia di protezione dei dati personali).

Ricordiamo che i liberi professionisti e le imprese individuali non devono nominare il Responsabile della Protezione dei dati sensibili (RPD), che il Regolamento UE sulla Privacy chiama Data Protection Officer (DPO).

L'indicazione, che 'esenta' ingegneri, architetti e altri liberi professionisti tecnici e non che operano in forma individuale alle brigose regole in tema di Privacy arriva direttamente dal Garante, che ha pubblicato le nuove FAQ sul RPD in ambito privato.

IL POSITION PAPER DI CNA SUL NUOVO REGOLAMENTO UE PRIVACY E' DISPONIBILE IN FORMATO PDF