Ecobonus, si cambia: sull'uscio i 28 massimali di spesa unitaria. I dettagli

Nuovo decreto Ecobonus: il Ministero delle Sviluppo vuole introdurre singoli limiti per mq o kmh per ogni tipo di spesa detraibile

Nuovo Ecobonus coi massimali di spesaInizia la rumba? Pare di sì: anche il mondo dell'edilizia che guarda agli sgravi e ai bonus pare sarà a brevissimo toccato dal nuovo Governo.

L'ecobonus come lo conosciamo sta infatti per cambiare: nella bozza di decreto messa a punto dal MISE (assieme a MEF e Minambiente) e anticipata, per alcuni dettagli, da Edilizia&Territorio del Sole 24Oreci sono ventotto (28) nuovi tetti/massimali di spesa, che porteranno i cittadini a non superare un certo limite di investimento per ogni unità di prodotto acquistata: tra i 350 e i 450 euro al metro quadrato per un infisso, 180 euro per al metro quadrato per una schermatura solare oppure, per le caldaie a condensazione, tra i 200 e i 250 euro al kW.

Così facendo verrà di fatto rivisto tutto il sistema delle spese massime ammissibili per l'ecobonus, con totale riallineamento dell'impatto economico ed energetico delle regole sui bonus energetici.

Il nuovo ecobonus: spese detraibili e massimali

Con il nuovo Ecobonus si dovrà rispettare rispettare due tetti: uno globale per le spese complessive e il secondo per valori unitari, parametrato al metro quadrato o al kW, a seconda delle situazioni. La quota di spesa che supera queste soglie non sarà detraibile.

La bozza prevede 28 massimali e nella maggior parte dei casi si ragionerà al metro quadrato: riqualificazione energetica, infissi, schermature solari, isolamento di pavimenti e pareti. In qualche altro si ragionerà, invece, con i kW: caldaie, pompe di calore, generatori di calore a biomasse.

Esempio: per gli infissi saranno previste due fasce di massimali, la prima a 350 euro e la seconda a 450 euro per ogni metro quadrato, a seconda della collocazione dell'immobile. Per le schermature, invece, è previsto il limite unico di 180 euro di spesa al metro quadrato.

L'incrocio tra le spese e le tabelle delle detrazioni

In attesa di leggere attentamente il testo integrale della bozza, basti sapere che tutto ciò andrà a incrociarsi con le tabelle delle percentuali detraibili che prevedono il 75% per la riqualificazione pesante, il 50% degli infissi e delle schermature solari, il classico 65% per caldaie a condensazione con efficienza pari almeno alla classe A accompagnate da sistemi di termoregolazione.