Rivestimenti MasterTop al padiglione tedesco della Biennale Architettura di Venezia 2018

17/09/2018 2522

Unbuilding Walls, il padiglione tedesco alla Biennale di Architettura

Muri, il loro impatto sulle persone e le opportunità aperte dalla loro scomparsa, come quanto è accaduto a Berlino tra il 1961 e il 1989, sono al centro di ‘Unbuilding Walls’, il contributo della Germania alla Biennale di Architettura di Venezia di quest'anno.
Con i rivestimenti in poliuretano della serie MasterTop, Master Builders Solutions® ha supportato il padiglione tedesco in qualità di sponsor dei materiali. L'ideazione e la progettazione del padiglione sono state realizzate dallo studio di architettura berlinese Graft e da Marianne Birthler, ex commissaria federale per i documenti lasciati dai servizi di sicurezza dello Stato dell'ex RDT.

mastertop_biennale-architettura-venezia-01.jpg
Entrando nel padiglione, i visitatori si confrontano immediatamente con un muro apparentemente impenetrabile. Quando però iniziano a muoversi e a cambiare prospettiva, il muro si dissolve, rivelandosi invece composto da più colonne disposte a pari distanza e con ampi spazi tra di loro. Ed è qui che Master Builders Solutions entra in gioco come sponsor di prodotto: colonne e parti del pavimento sono rivestite con il sistema MasterTop in colore nero che enfatizza l'aspetto visivo e l'apparente impenetrabilità della 'parete'. 
Sul retro, le colonne documentano lo sviluppo di quella che un tempo era la fascia della morte e le sue varie trasformazioni e utilizzi fino ad oggi.

mastertop_biennale-architettura-venezia-02.jpg

Il muro di separazione, il ‘Muro delle opinioni’, è dedicato alle voci di persone provenienti da Cipro, Irlanda del Nord, Israele e Palestina, Stati Uniti e Messico, Corea del Nord e Corea del Sud, nonché da un confine esterno dell'UE a Ceuta, in Spagna, i quali devono tutti vivere con un muro.

Il rivestimento giusto per l'effetto desiderato, MasterTop by Master Builders Solutions®

Per creare l'effetto di una parete continua che sembra crescere dal terreno, un ruolo decisivo è stato svolto dalla soluzione di rivestimento utilizzata sulle colonne. Qui, i molteplici requisiti includevano: un colore nero profondo, un supporto per la fusione senza giunti delle superfici di colonne e pavimenti, elementi visivi poco lucidi e, soprattutto, una esteriorità di alta classe.
Anche il pavimento doveva essere rivestito e la soluzione utilizzata qui doveva essere visivamente indistinguibile dalle colonne. Inoltre, l'interno spazioso e con pareti alte del padiglione ha reso necessaria un'efficace riduzione dell'impatto acustico, nonché una facile pulizia per rimuovere rapidamente eventuali segni o macchie lasciate dai visitatori e garantire un aspetto visivo immacolato. Con queste e molte altre esigenze prioritarie in mente, gli architetti hanno parlato con un applicatore, partner di Master Builders Solutions, e hanno scoperto i rivestimenti in poliuretano della serie MasterTop.
Questi offrono la massima libertà di progettazione e sono concepiti per una varietà di applicazioni diverse. Lavorando in stretta collaborazione con i team di vendita e marketing di Master Builders Solutions, l'entusiasmante progetto è stato organizzato e realizzato in tempi brevissimi.

"Quali dei nostri sistemi in poliuretano MasterTop erano i più adatti per l'applicazione sulle colonne e sul pavimento del padiglione è stato rapidamente determinato", riferisce Stephan Siegle, responsabile marketing di Master Builders Solutions Germania, Austria e Svizzera. "Ciononostante, abbiamo dovuto affrontare diverse sfide, soprattutto in termini di tempo: la progettazione, la produzione del materiale nel colore desiderato nel nostro stabilimento di Oldenburg, la consegna a Venezia con camion e nave e, non da ultimo, l’installazione perfetta in loco nel padiglione; tutto questo doveva essere realizzato in breve tempo".

La Biennale di Architettura rimarrà aperta fino al 25 novembre 2018.

Ulteriori informazioni sulla serie MasterTop CLICCA QUI

Per maggiori informazioni sulla Biennale di Venezia CLICCA QUI


La Biennale di Venezia

La Biennale di Venezia Istituita da un sindaco veneziano di fine Ottocento, la Biennale originale era una mostra d'arte internazionale che si svolgeva a Venezia ogni due anni, negli anni dispari, a partire dal 1895.
I padiglioni nazionali, costruiti per quella mostra nei giardini, un complesso di parchi nella parte a est della città, sono ancora oggi in uso. L'idea è rimasta e si è iniziato a utilizzare il termine ‘Biennale’ o ‘Biennial’, come viene spesso chiamata in inglese, per mostre d'arte, festival o eventi simili che si tengono ogni due anni anche altrove.
Oggi ci sono 'Biennali' di vario genere in tutti i continenti. La Biennale di Venezia originale non solo è diventata una delle più importanti mostre di arte contemporanea al mondo, ma è cresciuta fino a integrare ulteriori forme d'arte: nel 1930 è stata inaugurata la Biennale Musica seguita, due anni dopo, dalla prima Mostra del Cinema di Venezia; il festival teatrale, la Biennale Teatro, è stato istituito nel 1934 e dal 1999 Venezia ospita anche il Festival Internazionale di Danza Contemporanea. Mentre tutte le altre successive aggiunte si tengono annualmente, dal 2002 la Biennale Architettura, istituita nel 1980 e inizialmente organizzata solo a intervalli irregolari, si svolge ogni due anni, negli anni pari.
La Biennale Architettura si alterna all'ormai rinominata Biennale Arte e utilizza anch’essa i padiglioni nazionali dei giardini.


La Divisione Construction Chemicals

La Divisione Construction Chemicals di BASF offre soluzioni chimiche avanzate, sotto il marchio globale Master Builders Solutions, per la costruzione, la manutenzione, il ripristino e la ristrutturazione di strutture. Il marchio si basa su più di 100 anni di esperienza nel settore edile.
Il nostro portfolio completo comprende additivi per calcestruzzo e per l’industria del cemento, soluzioni chimiche per l’edilizia sotterranea, sistemi di impermeabilizzazione, sigillanti, sistemi per il ripristino e la protezione del calcestruzzo, malte ad alte prestazioni, sistemi di pavimentazioni ad alte prestazioni, sistemi di fissaggio per piastrelle, giunti di espansione, sistemi di controllo e soluzioni per la protezione del legno. I circa 6.500 dipendenti della divisione Construction Chemicals formano una comunità globale di esperti nel settore dell'edilizia. Per risolvere le specifiche sfide costruttive dei nostri clienti, dall'ideazione alla realizzazione di un progetto, ci avvaliamo del nostro know-how specialistico, della nostra competenza regionale e dell'esperienza acquisita in innumerevoli progetti di costruzione in tutto il mondo. Sfruttando le tecnologie globali messe a disposizione da BASF e la nostra profonda conoscenza delle necessità costruttive locali, sviluppiamo innovazioni che diano ai nostri clienti opportunità di successo e portino noi ad un modo di costruire sempre più sostenibile. La divisione gestisce siti produttivi e uffici commerciali in oltre 60 paesi e nel 2017 ha realizzato un fatturato di circa 2,4 miliardi di euro.