Consolidamento strutturale profondo delle fondazioni con l’utilizzo di micropali presso infissi

16/05/2019 489

Crepe e fessurazioni sono talvolta la conseguenza di cedimenti differenziali delle fondazioni. In questi casi è possibile intervenire con un consolidamento nel volume significativo del terreno portante, mediante iniezioni di resine espandenti oppure by-passando questo volume per raggiungere strati portanti più profondi e adeguati, mediante la posa di micropali.

In quest’ultimo caso parliamo di di un consolidamento strutturale profondo, possibile con l’installazione di micropali presso infissi come la soluzione GROUNDFIX messa a punto da GEOSEC. Si tratta di una soluzione mini invasiva che si avvale dell’infissione nel terreno, fino alle profondità necessarie, di speciali elementi modulari in acciaio che, una volta posati, vengono poi ancorati alla fondazione esistente della costruzione con piastre d’acciaio appositamente progettate.

consolidamanto mediante micropali: soluzione GROUNDFIX

Quando consolidare con i micropali

Presupposti essenziali per l’utilizzo dei micropali ad infissione è la presenza di una struttura di contrasto e di un buon punto di ancoraggio. La struttura deve avere fondazioni in cemento armato in modo da poter fissare le piastre di ancoraggio che supportano i micropali stessi. 

Se le condizioni sono ottimali, e la valutazione di un tecnico specializzato è fondamentale, il micropalo può rivelarsi molto utile per raggiungere lo strato di terreno più compatto e robusto in grado di sostenere l’intero carico dell’immobile.

Come vengono installati i micropali con il sistema GROUNDFIX

Valutata l’integrità e l’adeguatezza della struttura di fondazione e realizzato il progetto di intervento, la squadra operativa GEOSEC procede con la posa di piastre d’acciaio utilizzate per accogliere l’aggancio dell’impianto di spinta del palo. L’utilizzo di queste piastre permette di scongiurare il rischio punzonamento e di intervenire di nuovo sulle bullonature. successivamente.
la posa di piastre d’acciaio

L’intervento procede con l’inserimento degli elementi modulari che verranno poi spinti a pressione sotto controllo fuori terra dei tecnici di cantiere GEOSEC.

posa in opera della soluzione Groundfix di GeosecOgni modulo è collegato a quello precedente andando a creare così un’unica struttura verticale di rinforzo. La spinta degli elementi modulari sarà lenta e controllata mediante livello laser di precisione.

Terminata l’infissione possono essere applicati carichi superiori a quelli di esercizio ed è possibile eseguire delle prove di carico per un collaudo finale dell’intervento di consolidamento.

In base al tipo di problema di cedimento opportunamente valutato in fase preventiva, se il progetto di intervento lo prevede, l’utilizzo dei micropali di fondazione può essere abbinato ad iniezioni di resine espandenti, che migliorano in alcuni casi l’addensamento del terreno nello strato attraversato dal palo. 

GEOSEC interviene con le resine da più di 15 anni e ha consolidato con successo edifici sia civili che storici.

Vantaggi della tecnologia 

La possibilità di collaudare la portata di ogni singolo micropalo è uno dei vantaggi tecnici più rilevanti, ma non solo: con GROUNDFIX l’intervento sarà eseguito rapidamente senza materiale di risulta e senza fastidiose vibrazioni durante l’infissione degli elementi modulari.

Se la struttura lo consente è possibile il recupero dei cedimenti stessi.

Approfondimenti tecnici

Se sei un tecnico e vuoi maggiori informazioni sulle caratteristiche dei materiali utilizzati piuttosto che sulle procedure di verifica e progetto, GEOSEC mette a disposizione i propri ingegneri e i propri uffici tecnici che potranno fornirti materiale informativo adeguato.

maggiori info sul sito di GEOSEC

GUARDA ANCHE IL VIDEO