Consolidamento e sollevamento delle fondazioni di un capannone agricolo attraverso l'uso di pali precaricati

Spesso il cedimento del terreno e delle fondazioni determina problematiche strutturali tali da compromettere la sicurezza della struttura. Il vantaggio di eseguire un consolidamento attivo è anche quello di perseguire il risultato di sollevamento per il recupero parziale o completo del cedimento.

La problematica del cedimento differenziale di alcuni pilastri

Si tratta di un capannone ad uso agricolo, una struttura prefabbricata con copertura a falde a doppia pendenza. Le fondazioni dei pilastri sono impostate su plinti prefabbricati di dimensioni 160x160 cm. Negli ultimi anni 3 dei suddetti pilastri hanno avuto un cedimento differenziale, più marcato su 2 plinti. Il dissesto è imputabile alla presenza nei primi 4-5 metri di terreni argillosi organici con resistenze praticamente nulle

intervento-consolidamento-bergamo-systab-4.JPG

Nel caso in oggetto l’esigenza principale oltre a stabilizzare il cedimento, era quella di ottenere un sollevamento controllato e sicuro dei pilastri, in modo da riportare la trave sfilata su un corretto appoggio. 

L’intervento di consolidamento in 5 fasi

Questo è sicuramente uno di quei casi in cui il consolidamento con iniezione di resine espandenti, non è sufficiente. Infatti visto l’obbiettivo di sollevamento perseguito, servono necessariamente dei micropali con martinetti idraulici per il recupero dell’abbassamento fondale. 

intervento-consolidamento-bergamo-systab-3.JPG

Questo specifico intervento è stato realizzato in cinque fasi:

  • fase 1: esecuzione dello scavo per la messa a nudo dei plinti di fondazione;
  • fase 2: realizzazione di 2 strutture provvisionali di sostegno con portata di 30 ton, che hanno permesso di puntellare la travi in calcestruzzo in corrispondenza dei nodi con i pilastri perimetrali, durante le operazioni di sollevamento (opere a cura della società specializzata PIELLE); 
  • fase 3: carotaggio e successiva installazione dei Pali Precaricati di diametro 114 mm con infissione fino allo strato di sabbia e ghiaia posto a oltre 5 metri di profondità;
  • fase 4: operazione di sollevamento e riposizionamento corretto in sede dei pilastri;
  • fase 5: fissaggio finale dei micropali e smontaggio delle opere provvisionali di sostegno.

intervento-consolidamento-bergamo-systab-3.JPG

Il consolidamento proposto da SYStab con Pali precaricati ha svariati vantaggi che lo caratterizzano rispetto alle tradizionali tecniche di palificazione:

  • tempi di esecuzione molto rapidi
  • non produce materiale di risulta
  • nessuna vibrazione
  • la portata di ogni palo viene collaudata misurando la pressione di infissione
  • viene sempre eseguito il precarico per l’annullamento dei cedimenti primari

ed inoltre come in questo caso, sono possibili, se la struttura lo consente, sollevamenti importanti e recupero completo dei cedimenti.

intervento-consolidamento-bergamo-systab-1.JPG

Il cantiere descritto si è svolto in complessivi 5 giorni, comportando l’installazione di 5 pali precaricati di diametro 114 mm e lunghezza fino a 5,5 metri di profondità. Inoltre mediante l’impiego di opere provvisionali di puntellatura e martinetti idraulici azionati simultaneamente, è stato possibile recuperare il fuori piombo dei pilastri e rimettere correttamente in sede la trave.

Tipologia intervento: Micropali Precaricati SYSTAB diametro 114 mm - pressoinfissi mediante martinetti idraulici per la stabilizzazione ed il sollevamento di 3 pilastri.
Luogo intervento: Antegnate (BG)
Data: marzo 2019

 

Per ulteriori informazioni >> www.systab.it  - info@systab.it