Nuovo Codice di Prevenzione Incendi e soluzioni software integrate per i professionisti antincendio

La normativa antincendio è in continua evoluzione, per questo è molto importante per il professionista antincendio poter affidarsi a strumenti software non solo semplici, completi e rigorosi dal punto di vista normativo ma anche capaci di integrarsi.
Per rispondere a questa esigenza ACCA software, propone tre soluzioni software per l'attività del professionista antincendio: AntiFuocus, Impiantus-FUOCO e ExoDus.

I criteri generali di prevenzione incendi: il DM 3 agosto 3015

Sappiamo bene quanto sia fondamentale l’attività di prevenzione in materia di incendi.
Si tratta infatti di un’attività che permette di garantire la sicurezza della vita umana, l’incolumità delle persone e la tutela dei beni e dell’ambiente. Con questo obiettivo si è sempre mosso il legislatore, studiando, predisponendo e rendendo attuative norme, misure e provvedimenti tesi ad evitare l’insorgere del fenomeno e degli eventi ad esso comunque connessi, o a limitarne le conseguenze.

Tra le tante norme che disciplinano la materia, merita senza dubbio particolare attenzione il DM 3/8/2015 “Norme tecniche di prevenzione incendi…”, che ha di fatto rappresentato una vera rivoluzione nel modo di intendere la prevenzione incendi in Italia.
È un decreto che può essere considerato a tutti gli effetti un Testo Unico in materia di prevenzione incendi, perché con esso si è perseguito l’intento di semplificare e razionalizzare un corpo normativo costituito da tante regole e regolamenti.
Una norma organica, che considera tutti gli aspetti di prevenzione incendi nel quadro di una strategia antincendio

Il dm 3/8/2015 ha determinato una regola tecnica orizzontale, ossia una regola tecnica che uniforma i diversi aspetti della progettazione antincendio, definendo criteri operativi e progettuali validi per diverse attività.

Molte attività, infatti, non sono dotate di regola tecnica verticale, rientrando nel gruppo delle attività non normate. Per tali attività occorre seguire in linea di principio i criteri generali di prevenzioni incendi, anche se negli anni sono state fornite alcune linee guida e di indirizzo.

....e l'arrivo del DM 18 ottobre 2019

A distanza di 5 anni dal dm 3/8/2015 è stata emana la revisione della Regola Tecnica Orizzontale (RTO); nel Nuovo Codice di Prevenzione Incendi (dm 18/10/2019) la struttura principale della RTO rimane invariata, sempre basata su un approccio prestazionale, con la determinazione dei profili di rischio, dei livelli di prestazione e delle soluzioni conformi o alternative.

Le novità sono però nella forma, dato che vengono introdotti nuovi approcci progettuali, nuove soluzioni in linea con l'evoluzione tecnica, dando ai professionisti maggiore libertà e responsabilità.

L’entrata in vigore del dm 18/10/2019 è di pochi giorni successiva a quella del dm 12/04/2019 che ha esteso il campo di applicazione del Codice a quarantadue su ottanta delle attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco sancendo, dalla data di entrata in vigore del 20/10/2019, la fine del regime di “doppio binario” per tutte quelle attività riportate nell’Allegato I al dpr 151/2011 sprovviste di regole tecniche verticali.

Con l’emanazione del dm 18/10/2019 si consolida l’utilizzo delle nuove metodoligie applicative più aderenti al progresso tecnologico ed agli standard internazionali.

L’importanza dell’integrazione nei software per la progettazione della prevenzione incendi

Ben si comprende, dunque, quanto sia importante, nell’attività di progettazione, poter contare su strumenti tecnici affidabili: software in grado di garantire al tecnico integrazione tra le diverse attività mantenendo al tempo stesso semplicità d’uso, completezza, rigore normativo e flessibilità.

Da ACCA software, l’azienda italiana leader del software per l’edilizia, 3 valide risposte in tal senso: AntiFuocus, Impiantus-FUOCO e ExoDus.

AntiFuocus, la soluzione completa ed integrata per l’antincendio

Nato per affrontare in maniera integrata la progettazione della prevenzione incendi, il software si caratterizza per un’interfaccia omogenea per tutte le attività soggette a prevenzione incendi che rende più semplice l’integrazione delle diverse attività, più veloci l’input dei dati e la lettura dei risultati.

composizione-tavole-grafiche-antincendio.jpg

E’ quindi lo strumento ideale per i professionisti, soddisfacendo le esigenze dei più esperti e costituendo anche una insostituibile guida per coloro che si affacciano per la prima volta nel settore.

Dotato di un vasto archivio delle attività soggette a prevenzione incendi, AntiFuocus consente di effettuare la progettazione della prevenzione incendi secondo le norme verticali e orizzontali e di ottenere:

  • il calcolo del carico d’incendio
  • la verifica della resistenza al fuoco REI delle strutture
  • tavole grafiche con simbologia antincendio
  • valutazione qualitativa del rischio incendio
  • la generazione automatica della relazione tecnica antincendio, delle tavole grafiche, del registro antincendio, del piano di emergenza ed evacuazione (PEE), del fascicolo SUAP e della modulistica antincendio.
  • Calcoli i tempi di esodo con approccio FSE.
    Per tutte le attività soggette al D.M. 3 agosto 2015 permette di effettuare la progettazione prestazionale del sistema di esodo (Cap. M3) allo scopo di assicurare agli occupanti dell’attività la possibilità di “raggiungere o permanere in un luogo sicuro, a prescindere dall’intervento dei Vigili del fuoco”. Il software consente il calcolo guidato:
    • del tempo di RSET (Available Safe Escape Time – tempo disponibile per l’esodo) secondo la norma ISO/TR 16738: RSET dipende dalla densità dei fumi, dai prodotti tossici, etc. ed incide sulla capacità di muoversi
    • la verifica della condizione ASET > RSET (Required Safe Escape Time – tempo richiesto per l’esodo): ASET > RSET dipende dall’affollamento, dalla larghezza e lunghezza delle vie di esodo, etc.

progettazione-prestazionale-del-tempo-di-esodo.jpg

>>> Scopri di più e prova gratis

Impiantus-FUOCO, il software per la progettazione di impianti antincendio di tipo idranti, naspi, sprinkler e misti nel rispetto delle norme UNI 10779 e UNI EN 12845

Un solo software per:

  • disegnare l'impianto con input ad oggetti parametrici
  • gestire reti ramificate, reti ad anello e miste
  • progettare in modalità assistita il gruppo di pompaggio
  • stampare in automatico relazione tecnica di progetto, allegati grafici, computo metrico.

progettazione-impianto-antincendio_g.jpg

>>> Scopri di più e prova gratis

ExoDus, il software per la valutazione delle vie d’esodo degli edifici in caso di incendio in modelli BIM

Una novità assoluta targata 2020, il primo simulatore 3D per la valutazione, a partire dal modello BIM IFC del progetto, delle vie di esodo e dei tempi di evacuazione.

Già dalla fase di progettazione ExoDus consente di valutare facilmente la bontà delle scelte operate rispetto alla sicurezza antincendio, nello specifico rispetto a vie d’esodo e tempi di evacuazione.

Dal modello BIM del progetto (uffici, condomini, scuole, asili, cinema, auditorium, centri sociali, ospedali, stadi, palasport ed edifici in genere) il software consente l’analisi delle vie d’esodo e dei tempi di evacuazione generando animazioni 3D di alta qualità per risposte più rapide, intuitive ed affidabili.

Sia per le nuove costruzioni che per interventi su edifici esistenti EsoDus rappresenta la soluzione più semplice e tecnologicamente avanzata per una efficace verifica del sistema di esodo in progetto e la determinazione dei tempi di evacuazione.

Grazie ad un’interfaccia immediata ed intuitiva, consente di simulare le vie di esodo all’interno di strutture tenendo conto del contesto architettonico, strutturale e del comportamento degli individui.

Il risultato della simulazione viene presentato in un filmato 3D tramite l’ambiente RTBIM e con report, diagrammi e grafici di facile interpretazione.