Fase 2 Coronavirus per cantieri edilizi privati e pubblici: i modelli ANCE per la ripresa

L'Ance mette a disposizione due modelli di istanza - uno per i lavori pubblici e uno per i lavori privati - che contengono le principali tematiche sulle quali le imprese potranno aprire un confronto con le committenze, allo scopo di conseguire il riequilibrio dei rapporti contrattuali in essere

cantiere-operai-lavoro-roma-700.jpg

Ci avviciniamo sempre di più alla ripartenza del 4 maggio 2020 (ma attenzione, qualcosa si potrebbe muovere anche prima, si attendo comunicazioni ufficiali dal Governo in merito) e l'ANCE, in previsione della riapertura dei cantieri edili inerenti lavori privati o pubblici, mette a disposizione due modelli di istanza - uno per i lavori pubblici e uno per i lavori privati - che contengono le principali tematiche sulle quali le imprese potranno aprire un confronto con le committenze, allo scopo di conseguire il riequilibrio dei rapporti contrattuali in essere.

L'ANCE, sottolineando che l'attuazione di tali rilevanti restrizioni imporranno certamente l’introduzione di strumenti contrattuali per consentire la prosecuzione dell’appalto in condizioni di sicurezza e di sostenibilità economica, evidenzia che i modelli sono da calibrare sulle singole fattispecie concrete.

Ricordiamo, fra l'altro, anche che a partire dal 27 aprile 2020 riaprono - se in grado di rispettare i protocolli di sicurezza - i cantieri per carceri, scuole, presidi sanitari, case popolari e per la difesa dal dissesto idrogeologico, mentre dal 4 maggio 2020 sarà la volta di tutti i cantieri privati, come specificato dal DPCM 26 aprile 2020 relativo alla prime due settimane di "Fase 2 Covid-19".

Cantieri edili privati

Si consiglia di chiedere a committente, direttore dei lavori e coordinatore della sicurezza:

  • l'aggiornamento del PSC;
  • la quantificazione e il riconoscimento dei maggiori oneri e costi della sicurezza;
  • l'adeguamento del corrispettivo d’appalto che tenga conto dell’incremento del costo delle materie prime (facoltativa previa verifica dell’effettivo aumento dei costi);
  • la proroga del termine di ultimazione dei lavori;
  • la riduzione del tempo e/o dell’importo di emissione del SAL.

Cantieri edili pubblici

Si consiglia di chiedere al committente e a tutti i soggetti coinvolti nell’esecuzione del contratto (Dirigente, RUP, DL e CSE), ciascuno per le proprie funzioni, di assumere i necessari provvedimenti e predisporre apposita perizia di variante volta a recepire e contrattualizzare le seguenti modifiche contrattuali:

  • l'aggiornamento del PSC;
  • il riconoscimento dei maggiori oneri e costi della sicurezza;
  • un verbale di concordamento nuovi prezzi e l'applicazione dei meccanismi compensativi per incremento del costo delle materie prime;
  • la proroga del termine di ultimazione dei lavori;
  • la riduzione del tempo e/o dell’importo di emissione del SAL;
  • la riduzione dei termini di pagamento;
  • la autorizzazione espressa all’utilizzo del subappalto nel rispetto delle previsioni europee.

I MODELLI SONO SCARICABILI IN FORMATO PDF


coronavirus-campagna-iorestoacasa.jpg

Ecco l'approfondimento di INGENIO con tutte le NEWS sul CORONAVIRUS, i LINK alle NORMATIVE e alle pagine più utili, e la modulistica da utilizzare.