Il restyling flessibile e sostenibile di due edifici storici di Milano firmato Antonio Citterio e Patricia Viel

Lo studio di architettura e design fondato da Antonio Citterio e Patricia Viel completa la rigenerazione di due edifici storici nel cuore di Milano. Il risultato, un complesso direzionale flessibile e altamente sostenibile che offre uno scorcio sullo spazio del lavoro del domani.

acpv_galleria-passerella_02.jpg
Photo Courtesy ACPV_Galleria Passerella, San Babila Milano 

Antonio Citterio e Patricia Viel firmano la rigenerazione di due edifici storici nel cuore di Milano

Lo studio internazionale di architettura e design Antonio Citterio Patricia Viel (ACPV) svela la recentissima ristrutturazione della Galleria San Carlo e della Galleria Passerella 2. Un blocco di edifici situato nel Central Business District di Milano, a pochi passi da Corso Vittorio Emanuele e Piazza San Babila, in prossimità dal celebre “quadrilatero della moda”.

Ad essere trasformato in uno spazio flessibile e sostenibile è stato un blocco di edifici progettati negli anni ’50 da architetti di nota fama tra cui Gio Ponti, Antonio Fornaroli e Eugenio Soncini. Un intervento riqualificazione immobiliare che ha interessato 21.000 mq di superficie lorda commerciale.

Il complesso direzionale è stato venduto a fine 2019 da Goldman Sachs a DeA Capital Real Estate SGR S.p.A. per oltre 280 milioni di euro; un’acquisizione che secondo gli stakeholder dell’immobiliare è stato il più importante deal italiano ed europeo del 2019.

acpv_galleria-sancarlo-01.jpg
Photo Courtesy ACPV_Galleria San Carlo, San Babila Milano

Progettazione attenta alla conservazione che incontra i più alti standard di sostenibilità

L'intervento di riqualificazione condotto da ACPV ha adottato un approccio attento alla conservazione dei dettagli originali degli edifici, ma ha saputo aumentarne il carattere riuscendo ad integrare elegantemente l'architettura nel contesto urbano circostante.

Incontrando i più alti standard di costruzione internazionali per la sostenibilità ambientale e il benessere delle persone, il progetto di ACPV ha creato uno spazio flessibile in grado di adattarsi alle esigenze dei suoi utenti. La certificazione energetica degli edifici ha raggiunto la classe A e ha conquistando le prestigiose certificazioni LEED Gold e Well.

Certificazione WELL: cos’è?

Lanciata nel 2014, la certificazione WELL è il primo sistema che definisce i parametri con cui gli edifici possono migliorare la nostra vita, focalizzandosi sul comfort delle persone.

Il protocollo si suddivide in 10 categorie denominate “Concept”: Aria, Acqua, Nutrizione, Luce, Movimento, Comfort Termico, Suono, Materiali, Mente, Comunità.

>>> Scopri di più

Spazio di lavoro dopo Covid: la proposta di Antonio Citterio e Patricia Viel per un complesso direzionale a Milano

L’edificio è costituito da due immobili a destinazione d’uso mista (direzionale e commerciale) presenta un impianto planimetrico a forma di E che si sviluppa su 7 piani fuori terra - completamente locati a società nazionali ed internazionali specializzate nei settori Servizi ed Energia - e 5 interrati che ospitano depositi, locali tecnici e parcheggi.

«Il nuovo design dello spazio offre uno scorcio sullo spazio del lavoro del futuro - afferma Patricia Viel, Cofondatrice della società ACPV - Lo spazio degli uffici può essere facilmente modificato e adattato alle esigenze dei loro utenti - una caratteristica che risulta abbastanza utile, considerando come i paradigmi di lavoro stanno cambiando a causa dell'emergenza covid-19».

acpv_galleria-sancarlo-03.jpg
Photo Courtesy ACPV_interiors Galleria San Carlo, San Babila Milano

ACPV ha progettato un controsoffitto che consente di spostare, integrare o eliminare facilmente luci e pareti divisorie, in modo da creare uno spazio riconfigurabile in grado di passare rapidamente da spazi di lavoro aperti a spazi di lavoro chiusi.

«Gli uffici – raccontano dallo studio ACPV – si caratterizzano per il design su misura, l'abbondante luce naturale, gli spazi flessibili e funzionali. Sulla copertura del blocco che affaccia su Corso Vittorio Emanuele, una terrazza di 320 mq, con una vista mozzafiato sul Duomo e lo skyline della città».

«Il nostro design – spiega Antonio Citterio, co-fondatore di ACPVrisponde ad un duplice obiettivo: proporre un linguaggio unico e particolare per questo complesso così esteso, e al contempo dare vita ad un intervento di rigenerazione urbana nel cuore di una destinazione turistica, culturale e commerciale, com'è ormai questa parte così frequentata della città di Milano – e infine conclude - ACPV ha ridisegnato le facciate degli edifici, ingressi e atri aprendoli alla città».

Oggi, la facciata su Corso Europa è più leggera e moderna. I telai delle finestre esistenti sono stati sostituiti con dei nuovi infissi di colore nero che contribuiscono ad evidenziare la struttura portante del complesso. La vecchia facciata della Galleria Passerella 2 in cemento prefabbricato è stata sostituita da una superficie vetrata continua.

Gli spazi delle lobby si aprono alla città, si ampliano e sono più visibili dall'esterno. La caratteristica scala a chiocciola della Galleria San Carlo ora può essere vista dalla strada, in perfetta armonia con il paesaggio urbano.

acpv_galleria-sancarlo-02.jpg
Photo Courtesy ACPV_interiors Galleria San Carlo, San Babila Milano

La riprogettazione del blocco di edifici ha portato alla realizzazione di un nuovo collegamento tra la Galleria San Babila e la Galleria Passerella 2; uno spazio continuo in grado di ospitare fino a sei tenant per piano.

«Abbiamo rinnovato i marmi e i dettagli originali – afferma Marco Brambilla, socio e direttore di progetto presso ACPV - e abbiamo progettato la nuova dipendenza con nuovi elementi luminosi al fine di evidenziare la differenza di soglia storica mentre per alcuni spazi condivisi - come gli ascensori – abbiamo cercato di renderli più accessibili e importanti».

>>> Sfoglia la gallery del progetto

acpv_galleria-passerella-01.jpg
Photo Courtesy ACPV_ interiors Galleria Passerella, San Babila Milano