Aggiornamento Catasto terreni edilizi: dal 1° luglio 2020 obbligatoria la nuova versione di Pregeo 10

Lo scorso 30 giugno 2020 è terminato il periodo in cui era consentito l'utilizzo della vecchia versione del software Pregeo (PREtrattamento atti GEOmetrici) per compilare gli atti di aggiornamento del catasto terreni

progettazione-carte-700.jpg

L'Agenzia delle Entrate ha informato che è disponibile la nuova versione di Pregeo 10, la 10.6.1 APAG 2.12 del 07/01/2020 e che la versione 10.6.0 - APAG 2.08, per esigenze gestionali, sarà tecnicamente supportata da Sogei fino al 30 giugno 2020.

Non è più possibile, quindi, utilizzare la vecchia versione del software Pregeo (PREtrattamento atti GEOmetrici) per la compilazione degli atti di aggiornamento del catasto terreni.

In tal senso, dal 7 gennaio 2020 è disponibile, sul sito dell'Agenzia delle Entrate, la nuova versione di Pregeo, la procedura utilizzata dai tecnici professionisti per predisporre e inviare agli uffici dell’Agenzia gli atti di aggiornamento del catasto dei terreni. La nuova versione è stata migliorata e perfezionata, così come illustrato nella risoluzione n. 1/E pubblicata il 7 gennaio 2020, che fornisce istruzioni specifiche per garantire un corretto e uniforme utilizzo della procedura da parte di tutti i professionisti abilitati.

Pregeo 10: a cosa serve

Pregeo è una procedura informatica che permette ai tecnici professionisti di predisporre gli atti di aggiornamento del catasto dei terreni (frazionamenti di particelle e denunce di nuove costruzioni o variazioni) e di inviarli telematicamente all’Agenzia delle entrate, in qualunque momento della giornata, anche nei giorni festivi, e senza la necessità di recarsi presso gli sportelli. Il sistema di aggiornamento è partecipato dai professionisti che aggiornano dal proprio studio le banche dati catastali: la procedura informatizzata, infatti, riconosce automaticamente le variazioni catastali a partire dalla proposta di aggiornamento, dall’estratto di mappa e dai dati censuari.

 

Le novità di Pregeo 10.6.1

  • possibilità di inserire il nominativo del sottoscrittore dell’atto con l’indicazione della relativa veste giuridica. Lo scopo è agevolare la predisposizione degli atti di aggiornamento riguardanti particelle intestate a persone giuridiche, che devono essere sottoscritti dai rappresentanti delle stesse;
  • possibilità di visualizzare la proposta di aggiornamento in sovrapposizione all’estratto di mappa rilasciato dall’ufficio al momento della produzione degli allegati grafico;
  • possibilità di modificare la riga di tipo 0 e generare automaticamente il modello per il trattamento dei dati censuari anche per il tipo mappale con stralcio di corte (categoria “SC”), oltre che esportare l’elenco delle particelle “derivate” in formato testo.

Pregeo: aggiornamento e funzionalità

La comunicazione, a carico degli intestatari dell’immobile, avviene con la presentazione all’Agenzia dell'atto di aggiornamento predisposto da un professionista tecnico abilitato (architetto, ingegnere, dottore agronomo e forestale, geometra, perito edile, perito agrario e agrotecnico) tramite la piattaforma "Sister" che prevede l’abilitazione al servizio presentazione documenti. La domanda di abilitazione al servizio di presentazione documenti è inviata per via telematica, dopo aver compilato il modulo di richiesta, presente sulla piattaforma Sister, nel quale vanno indicati i dati anagrafici, la qualifica professionale, l'albo provinciale e il relativo numero di iscrizione del richiedente.

Le principali funzionalità del software Pregeo sono:

  • l'immissione dei dati di misura e della descrizione geometrica, per mezzo di poligoni, degli oggetti rilevati;
  • la descrizione delle operazioni catastali associate all'aggiornamento geometrico (suddivisioni, fusioni variazioni di categoria e classe di particelle catastali);
  • la visualizzazione grafica dell'oggetto del rilievo;
  • la gestione degli estratti di Mappa rilasciati dall'Ufficio o autoallestiti;
  • la formazione della proposta di aggiornamento (estratto di mappa aggiornato);
  • la predisposizione dei modelli informatizzati per la presentazione in ufficio;
  • la predisposizione del supporto informatico per la presentazione dell'atto di aggiornamento;
  • la stampa di presentazione dell'atto di aggiornamento con relativo codice di riscontro.

Per la descrizione completa delle funzionalità è possibile consultare la speciale guida operativa dell'Agenzia delle Entrate, la cui ultima edizione è aggiornata al 30 dicembre 2019.