Sismabonus 110%: le asseverazioni tecniche si inviano al comune contestualmente a SCIA o permesso di costruire

 Il progetto degli interventi per la riduzione del rischio sismico e l'asseverazione devono essere allegati alla segnalazione certificata di inizio attività o alla richiesta di permesso di costruire, al momento della presentazione allo sportello unico competente per i successivi adempimenti, tempestivamente e comunque prima dell'inizio dei lavori

progettazione-tecnica_700.jpeg

Tra asseverazioni, polizze e differenze tra Ecobonus e Sismabonus maggiorati dal Superbonus, 'fare confusione' è un attimo.

Per questo è meglio chiarire gli aspetti fondamentali delle asseverazioni sismiche (cioè il modulo con il quale il Progettista assevera gli interventi di riduzione del rischio), semplificando il tutto con alcune informazioni cruciali:

  1. le asseverazioni tecniche per il Sismabonus 110% non vanno presentate all'ENEA (che si occupa di efficientamento energetico) ma al comune, allegate al titolo abilitativo/edilizio relativo (SCIA, permesso di costruire, ecc.), proprio come si faceva per il Sismabonus classico (70 o 80% in base al miglioramento di una o due classi). In tal senso la risposta 295/2020 dell'Agenzia delle Entrate è piuttosto esplicita. Però attenzione: la differenza è che il decreto di riferimento - che ha per allegati i moduli - non è quello del Sismabonus, ma uno nuovo, il DM 329/2020 del 7 agosto scorso, che contiene appunto le modifiche al 'vecchio' DM 58/2017 "Linee guida per la classificazione del rischio sismico" in virtù delle modifiche introdotte dal Decreto Rilancio (DL 34/2020, convertito nella legge 77/2020). Ne abbiamo già approfonditamente parlato qui, ricordando appunto che in allegato al decreto ci sono i moduli che i tecnici (Progettista, DL, Collaudatore) dovranno redigere per consentire che tali interventi possano rientrare tra quelli detraibili al 110%. NB - Nell’allegato B (quello da usare per il Sismabonus maggiorato) vengono esplicitate le tre possibilità di intervento rispetto alla situazione ante operam, ossia: A) nessuna classe di miglioramento; B) 1 classe; C) 2 o più classi. Questo perché si può fruire del Supersismabonus 110% anche in caso di intervento locale che non produce alcun 'salto' di classe sismica. Riepilogando: l'asseverazione del Progettista delle opere strutturali, allegato B, dovrà essere consegnata allo Sportello Unico dell’Edilizia (SUE) contestualmente al deposito del titolo edilizio (S.C.I.A. o Permesso di Costruire) e una copia andrà consegnata al Committente.
  2. la polizza assicurativa c'entra eccome, nel senso che è obbligatoria e, nell'allegato B, c'è un'apposito 'spazio' dove confermarne il possesso da parte del progettista/asseveratore. L'articolo 119 comma 14 del Decreto Rilancio prevede di confermare in tutti i moduli, al tecnico, di possedere la polizza di assicurazione della responsabilità civile, con massimale adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi oggetto delle predette attestazioni o asseverazioni e, comunque, non inferiore a 500 mila euro, per garantire ai propri clienti e al bilancio dello Stato il risarcimento dei danni eventualmente provocati dall'attività prestata;
  3. chiarimento sugli altri allegati:
    • l’allegato B-1 è il modulo con il quale il Direttore dei Lavori delle opere strutturali potrà asseverare la corrispondenza dei lavori al progetto, compreso le eventuali varianti, la congruità delle spese sostenute, l’importo degli Stati di Avanzamento Lavori e la riduzione del rischio sismico ottenuta a seguito dell’intervento eseguito. Questo modulo dovrà essere consegnato allo Sportello Unico dell’Edilizia (SUE) conclusione dei lavori e una copia andrà consegnata al Committente.
    • l’allegato B-2 è il modulo con il quale il Collaudatore delle opere strutturali potrà asseverare la corrispondenza dei lavori al progetto, compreso le eventuali varianti, e la riduzione del rischio sismico ottenuta dopo l’intervento. Questo modulo dovrà essere consegnato allo Sportello Unico dell’Edilizia (SUE) a conclusione dei lavori e una copia andrà consegnata al Committente;
    • l’allegato 1-SAL è il modulo con il quale il Direttore dei lavori delle opere strutturali emetterà gli stati di avanzamento lavori, secondo il comma 1bis dell’art.121 del DL Rilancio, per usufruire da parte del Committente dell’opzione della Cessione del Credito o dello Sconto in fattura. Il deposito dei SAL dovranno essere consegnati allo Sportello Unico dell’Edilizia (SUE) a completamento dell’intervento contestualmente all’attestazione relativa all’ultimazione dei lavori, redatta secondo i modelli di cui all’allegato B-1 e, ove previsto il collaudo statico, all’allegato B-2. Una copia andrà consegnata al Committente;
  4. in caso di cessione del credito o sconto in fattura (parliamo sempre di Sismabonus 110%), il direttore dei lavori emette lo stato di avanzamento dei lavori (SAL) redigendolo secondo il modello di cui all’allegato 1. Il SAL costituisce l’attestazione di conformità di quanto eseguito al progetto depositato, come asseverato dal progettista, per l’ottenimento dei benefici fiscali previsti nei casi di intervento in corso, a condizione che l’importo ed il numero dei SAL siano conformi a quanto previsto dal citato articolo 121, comma 1-bis DL Rilancio. Il deposito dei SAL avviene al completamento dell’intervento contestualmente all’attestazione relativa all’ultimazione dei lavori, redatta secondo i modelli di cui all’allegato B-1 e, ove previsto il collaudo statico, all’allegato B-2. Per accedere alla cessione del credito o allo sconto in fattura si dovranno consegnare le sopracitate asseverazioni al soggetto che apporrà il visto di conformità (art.119 comma 11 DL 34/2020).

Quindi:

AllegatoAsseveratoreDeposito al SUE
BProgettistaAssieme al titolo edilizio
B-1Direttore dei LavoriAlla fine dei lavori
B-2CollaudatoreAlla fine dei lavori
1-SALDirettore dei LavoriAlla fine dei lavori

NB - in caso di rilascio di false asseverazioni, scatta la sanzione amministrativa pecuniaria da 2.000 a 15.000 euro per ciascuna attestazione o asseverazione infedele resa.

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su