Linee guida per la qualità dell'Architettura: ecco il parere del Consiglio superiore dei Lavori Pubblici

La struttura delle Linee guida, trasmesse per il parere, contiene i seguenti capitoli: premessa, principi ordinatori, raccomandazioni, rapporto, quadro giuridico

progettazione-tecnica_700.jpeg

Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ha approvato in assemblea plenaria la bozza delle Linee Guida per la Qualità dell’Architettura, con un parere disponibile in allegato.

Le indicazioni e considerazioni del CNI

In tal senso, il CNI ha pubblicato la circolare 687 del 15 gennaio 2021 dove si evidenzia che la struttura delle Linee guida, trasmesse per il parere, contiene i seguenti capitoli: premessa, principi ordinatori, raccomandazioni, rapporto, quadro giuridico.

Nello specifico:

  • i principi ordinatori costituiscono l’elemento fondante delle Linee guida e dei conseguenti indirizzi operativi;
  • il punto raccomandazioni costituisce l’indice del documento, nel quale ogni settore sopra numerato possiede un’ulteriore divisione in sotto-settori che specificano le peculiarità dell’argomento trattato;
  • il rapporto costituisce il cuore del documento in cui ogni raccomandazione elencata al punto precedente è trattata ad ampio raggio riportando le criticità attualmente riscontrate sul tema in discussione, le raccomandazioni specifiche ad esso dedicate e, in alcuni casi, anche gli strumenti per rendere quelle raccomandazioni effettivamente realizzabili.

La commissione relatrice ha ritenuto di focalizzare l’attenzione sui principi ordinatori, suggerendo modifiche e implementazioni tenendo conto di alcune questioni di grande attualità e di particolare rilevanza per la promozione e l’affermazione dei principi fondamentali per la qualità dell’architettura, quali il rapporto con il tema della sicurezza strutturale e della prevenzione dei rischi naturali, in particolare quelli sismici e idrogeologici, che a seguito degli ultimi eventi calamitosi hanno devastato un grandissimo patrimonio architettonico e storico ma anche con le strategie globali di lotta ai cambiamenti climatici le cui conseguenze continuano a determinare danni enormi per le popolazioni e l’economia, compromettendo spesso la tutela della salute e del benessere nell’ambiente urbano.

I principi ispiratori delle linee guida

  1. L’architettura e il paesaggio, nella loro più ampia definizione, rivestono un valore di primario interesse pubblico per la collettività e la qualità dell’architettura è un diritto fondamentale per ogni persona.
  2. La sicurezza delle persone nelle costruzioni esistenti del contesto urbano e del contesto paesaggistico è una assoluta priorità della pianificazione e della progettazione, un tema imprescindibile e di primaria importanza che attiene ai concetti di prevenzione sismica e di riassetto idrogeologico del territorio.
  3. Tutti i cittadini hanno il diritto di fruire di uno spazio edificato di qualità.
  4. La qualità dell’opera di architettura consente di rispondere alle sfide del futuro, in termini di resilienza, di capacità di adattamento ai cambiamenti climatici, di riduzione del consumo di risorse non rinnovabili, di produzione di materiali ed energie da fonti rinnovabili e da materiali di riciclo e di recupero.
  5. I principi dello sviluppo sostenibile sono a fondamento della qualità dell’architettura.
  6. Il progetto è lo strumento di rilevanza centrale per realizzare opere di qualità nelle sue diverse componenti architettoniche, ingegneristiche, impiantistiche, storicoarchitettoniche, paesaggistiche, agronomiche e geologiche deve essere definito in ogni sua parte ed è lo strumento centrale per l’attuazione di una strategia delle trasformazioni dell’ambiente a garanzia del conseguimento dell’interesse collettivo.
  7. I giovani professionisti sono il futuro dell’architettura, occorre dare nuova forza alle università e alla ricerca, alla formazione e all’educazione alla cultura architettonica di questo Paese.
  8. La manutenzione di un’opera di architettura è parte integrante ed imprescindibile del mantenimento della qualità dell’opera stessa nel tempo e passa attraverso un progetto di manutenzione dell’opera e delle sue parti.

LA CIRCOLARE DEL CNI, CHE CONTIENE IL PARERE DEL CSLP SULLE LINEE GUIDA, E' SCARICABILE IN FORMATO PDF


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su