Superbonus 110%, le ultime novità ai raggi x: proroghe, coibentazione tetto, unico proprietario, assicurazioni

Analisi delle novità apportate agli artt.119 e 121 del DL Rilancio da parte della legge di Bilancio 2021: proroga temporale, coibentazioni tetto, unico proprietario, chiarimenti su assicurazioni professionali.

ecobonus-self-service-700.jpg

La legge di Bilancio 2021 (legge 178/2020), tra l'altro, ha confermato la proroga per il Superbonus 110% e per tutte le altre detrazioni fiscali previste per il settore dell’edilizia. Oltre alle proroghe, sono state introdotte importanti novità e chiarimenti al Decreto Rilancio e nuove tipologie di incentivi.

La proroga del Superbonus e le nuove detrazioni fiscali

I commi da 58 a 76 dell'articolo unico della Finanzaria 2021 hanno disposto:

  • la proroga al 31 dicembre 2021 di Ecobonus, Sismabonus, Bonus Facciate, Recupero del patrimonio edilizio (cd. “Bonus casa”), acquisto di mobili e grandi elettrodomestici (cd. “Bonus mobili”) e Bonus verde;
  • la proroga al 30 giugno 2022 del Superbonus 110%. NB - per gli IACP tale data slitta 31 dicembre 2022.per i condomini
  • la proroga al 31 dicembre 2022 per il Superbonus su interventi effettuati in condominio per almeno il 60% entro il 30 giugno 2022 (per gli IACP, le date slittano rispettivamente al 30 giugno 2023 in caso di interventi effettuati al 60% entro il 31 dicembre 2022;
  • la proroga al 30 giugno 2022 del Superbonus per i fabbricati danneggiati dal sisma nei comuni terremotati ex DL 189/2016. A tale categoria di edifici sono poi aggiunti anche i fabbricati ubicati nei comuni interessati da tutti gli eventi sismici verificatisi dopo l’anno 2008 dove sia stato dichiarato lo stato di emergenza.

NB - E' stato prorogato a tutto il 2022 anche il meccanismo di opzioni alternative di fruizione (cessione credito o sconto in fattura).

I nuovi bonus fiscali della Legge di Bilancio 2021

  • Bonus idrico (art. 1 commi da 61 a 65): pari a 1.000 € per ciascun beneficiario da utilizzare, entro il 31 dicembre 2021, per interventi di sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto e di apparecchi di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari.
  • Bonus sistemi di filtraggio acqua potabile (art. 1 comma 1087): dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022, spetta un credito d’imposta nella misura del 50% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e addizione di anidride carbonica alimentare E 290, per il miglioramento qualitativo delle acque destinate al consumo umano erogate da acquedotti, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore, per le persone fisiche non esercenti attività economica, a 1.000 euro per ciascuna unità immobiliare e, per gli altri soggetti, a 5.000 euro per ciascun immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale.

Coibentazione tetto

Si prevede, col comma 66 lett.a) punto 2., che gli interventi volti a coibentare le superfici di copertura siano sempre agevolati indipendentemente dal fatto che racchiudano o meno un volume riscaldato. Semplificando, il Superbonus 110% sarà fruibile anche per quei tetti delimitanti sottotetti non riscaldati ma non definibili come “intercapedine” e, pertanto, non coibentabili.

Attenzione: la detrazione si applicherà specificatamente alle pratiche relative al Superbonus 110% e non anche agli altri interventi/detrazioni ex art.14 DL 63/2013 (es. Ecobonus e Sismabonus ordinari). Per queste ultime, sono detraibili le spese sostenute per coibentare il tetto, se confinante con una zona non riscaldata, soltanto se il sottotetto è non abitabile o addirittura non praticabile e di dimensioni tanto esigue da potersi considerare un’intercapedine facente tutt’uno con la copertura e con il solaio orizzontale (che delimita una zona sottostante riscaldata).

Unità indipendenti: ecco quando

Si chiarisce - introducendo un nuovo periodo al comma 1-bis dell'art.119 del DL 34/2020 - che un’unità immobiliare può ritenersi “funzionalmente indipendente” se dotata di almeno tre delle seguenti installazioni o manufatti di proprietà esclusiva:

  • impianti per l’approvvigionamento idrico;
  • impianti per il gas;
  • impianti per l’energia elettrica;
  • impianto di climatizzazione invernale.

Edifici incompleti ma 'dentro' il Superbonus

Il nuovo comma 4-ter dell'art.119 DL 34/2020 specifica che rientrano nel perimetro della maxi-agevolazione anche gli edifici privi di attestato di prestazione energetica perché sprovvisti di copertura, di uno o più muri perimetrali, o di entrambi, purché al termine degli interventi, anche in caso di demolizione e ricostruzione o di ricostruzione su sedime esistente, raggiungano una classe energetica in fascia A.

Ascensori, montacarichi, barriere architettoniche

Il Superbonus viene 'allargato' anche agli interventi finalizzati alla eliminazione delle barriere architettoniche, aventi ad oggetto ascensori e montacarichi, alla realizzazione di ogni strumento che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo di tecnologia più avanzata, sia adatto a favorire la mobilità interna ed esterna all’abitazione per le persone portatrici di handicap in situazione di gravità.

Fotovoltaico su pertinenze

Si chiarisce la possibilità di usufruire del Superbonus 1100% per l’installazione di impianti solari fotovoltaici anche su strutture pertinenziali agli edifici.

Colonnine di ricarica: cambiano tutti i limiti di spesa

Il comma 8 dell'art.119 viene riscritto e la detrazione, d'ora in poi, sarà riconosciuta nella misura del 110%, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo e in quattro quote annuali di pari importo per la parte di spesa sostenuta nell’anno 2022 sempreché l’installazione sia eseguita congiuntamente a uno degli interventi di cui al comma 1 e comunque nel rispetto dei seguenti limiti di spesa, fatti salvi gli interventi in corso di esecuzione:

  • euro 2.000 per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno secondo la definizione di cui al comma 1-bis del presente articolo;
  • euro 1.500 per gli edifici plurifamiliari o i condomìni che installino un numero massimo di otto colonnine;
  • euro 1.200 per gli edifici plurifamiliari o i condomìni che installino un numero superiore a otto colonnine.

Unico proprietario di più edifici

Il limite delle 2 unità immobiliari per fruire del Superbonus 110 resta, ma viene concessa la possibilità di poter usufruire dell'agevolazione anche agli edifici composti da 2 a 4 unità immobiliari distintamente accatastate, posseduti da un unico proprietario.

Assicurazioni professionali: le alternative

Si chiarisce che l'obbligo di polizza di assicurazione, da parte dell'aseveratore, è rispettato se i soggetti che rilasciano attestazioni e asseverazioni abbiano già sottoscritto una polizza assicurativa per danni derivanti da attività professionale purché questa:

  • a) non preveda esclusioni relative ad attività di asseverazione;
  • b) preveda un massimale non inferiore a 500.000 euro, specifico per il rischio di asseverazione di cui al presente comma, da integrare a cura del professionista ove si renda necessario;
  • c) garantisca, se in operatività di claims made, un’ultrattività pari ad almeno cinque anni in caso di cessazione di attività e una retroattività pari anch’essa ad almeno cinque anni a garanzia di asseverazioni effettuate negli anni precedenti.

Resta sempre l'alternativa di stipulare una polizza ad hoc - cioè dedicata alle asseverazioni del Superbonus - non inferiore a 500.000 euro.

Delibere assembleari in condominio

Per deliberare su una spesa imputabile al Superbonus 110%, basta un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e almeno un terzo del valore dell’edificio, a condizione che i condomini ai quali sono imputate le spese esprimano parere favorevole.

Cartellonistica cantieri

Nel cartello esposto presso il cantiere di un intervento che usufruisce del Superbonus, in un luogo ben visibile e accessibile, deve essere indicata anche la seguente dicitura:
Accesso agli incentivi statali previsti dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, superbonus 110 per cento per interventi di efficienza energetica o interventi antisismici”.

Assunzioni negli uffici tecnici dei comuni

Per fare fronte tempestivamente ai maggiori oneri di gestione in ordine ai procedimenti connessi all’erogazione del Superbonus, i comuni possono per tutto il 2021 assumere, a tempo determinato e a tempo parziale e per la durata massima di un anno, non rinnovabile, personale da impiegare ai fini del potenziamento degli uffici preposti ai suddetti adempimenti.

Come ripartire al 110% con Blumatica: il software dedicato

Il software Blumatica dedicato è già conforme alla legge n. 77/2020 di conversione del D.L. Rilancio, Decreti Attuativi, Linee Guida Agenzia delle Entrate ed ENEA e sarà costantemente aggiornato con la pubblicazione di nuovi provvedimenti. Scopri tutti i dettagli!