21 città europee si uniscono per guidare la riqualificazione degli edifici e raggiungere gli obiettivi climatici

Grazie al progetto europeo Build Upon², le 21 città testeranno un insieme di indicatori per la misurazione dei benefici sistemici derivanti dalla riqualificazione degli edifici.

Come annunciato dalla rete regionale europea di WorldGBC, all'iniziativa finanziata dall'Unione Europea partecipano anche le capitali Madrid, Roma e Zagabria.

Le 21 città lavoreranno con i Green Building Council (GBC) nazionali ed i partner di progetto BPIE e Climate Alliance, per sviluppare e implementare un Framework che consenta loro di monitorare e misurare un'ampia gamma di benefici derivanti dalla riqualificazione degli edifici e volti a supportare la lotta al cambiamento climatico: dall'efficienza energetica, alla lotta alla povertà energetica fino alla creazione di posti di lavoro.

 

Cos'è il progetto BUILD UPON²

Il progetto BUILD UPON² finanziato dal programma europeo Horizon 2020, consente alle città di tutta Europa di unire le forze con i governi nazionali e l'industria per decarbonizzare il parco immobiliare esistente entro il 2050.

BUILD UPON² sta lavorando con otto città pilota e 21 "città follower" per individuare strategie e soluzioni per conseguire gli obiettivi della Renovation Wave della Commissione Europea.

L'obiettivo principale è sviluppare e testare un "framework di indicatori sulla riqualificazione che abbia un impatto su più livelli di governo", lo schema sarà utilizzato per monitorare e segnalare i molteplici benefici ottenuti dalla riqualificazione degli edifici. 

Il Framework presenta una serie unica di milestone e indicatori di progresso misurabili per supportare le strategie di riqualificazione della città, tra cui: riduzione delle emissioni, aumento dell'occupazione e miglioramento della salute.

Acquisendo i dati a livello locale, il Framework collega la riqualificazione alle politiche e ai processi decisionali a livello nazionale, veicolando maggiori investimenti verso programmi di rigenerazione urbana e consentendo alle iniziative e buone pratiche di essere migliorate e utilizzate a larga scala.

 

Roma aderisce al progetto Buil Upon

 

Uno strumento per raggiungere gli obiettivi della Renovation Wave

A oggi, in totale, sono ventinove le città che stanno utilizzando il Framework BUILD UPON², in questo modo, le città partecipanti possono fare la loro parte nel raggiungimento dell'obiettivo della neutralità climatica, previsto dal Green Deal europeo entro il 2050.

Attraverso il monitoraggio dei benefici ambientali, sociali ed economici della riqualificazione, questa rete di governi locali può dimostrare l’impatto delle migliori pratiche, alimentando così le strategie nazionali di riqualificazione a lungo termine, obbligatorie per tutti gli Stati membri dell’UE.

Le città coinvolte in BUILD UPON² sono le più recenti rappresentanti di una crescente tendenza che vede le autorità locali assumere un ruolo di leadership sul cambiamento climatico, spesso con maggiori ambizioni rispetto ai rispettivi governi nazionali. In vista del vertice sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite COP26, previsto a Novembre 2021, dove BUILD UPON² sarà presentato durante la Giornata delle Città e dell'Ambiente Costruito co-convocata dal WorldGBC, questa audace dichiarazione di intenti dei governi locali europei contribuirà ad aumentare la pressione sui leader mondiali per intraprendere un'azione decisiva verso il cambiamento climatico.

 

Un sistema di valutazione per ottimizzare i programmi di riqualificazione

«Portare tutti i nostri edifici verso l’azzeramento delle emissioni climalteranti è fondamentale affinché l'UE raggiunga il suo obiettivo di neutralità climatica entro il 2050 - ha dichiarato Stephen Richardson, Direttore del Network Europeo Regionale, World Green Building Council - la riqualificazione degli edifici porta con sé benefici più ampi, come la capacità di affrontare il problema della povertà energetica, stimolare le economie locali e creare posti di lavoro, che costituiscono anche un nodo cruciale della ripresa dalla pandemia del COVID-19».

«Il progetto BUILD UPON² evidenzia che, partendo dal livello locale, le città possono assumere il ruolo di acceleratori della Renovation Wave - ha aggiunto - il Framework di indicatori che i GBC, i partner del progetto e le città stanno sviluppando, è uno strumento che può aiutare le città e le autorità locali a monitorare e ottimizzare i loro programmi di riqualificazione e raggiungere così gli obiettivi climatici europei. I dati che le città stanno raccogliendo con gli indicatori di BUILD UPON² sono in grado di dimostrare la sostenibilità economica della riqualificazione facilitando l’accesso a maggiori finanziamenti per la riqualificazione. È davvero emozionante che, questo mese, altre 21 città in tutta Europa si siano unite al movimento BUILD UPON². Il loro coinvolgimento contribuirà a rendere il Framework una risorsa inestimabile per realizzare la Renovation Wave e il Green Deal dell'UE».

Michela Tiboni, Assessore all'Urbanistica e alla Programmazione per lo Sviluppo Sostenibile di Brescia ha commentato:

«La Città di Brescia sta sviluppando una strategia di transizione climatica per il suo territorio, anche attraverso il coinvolgimento dei cittadini e degli stakeholder in un percorso di dialogo per individuare, tra l'altro, barriere e soluzioni per la realizzazione degli interventi di riqualificazione degli edifici privati».

«Prendere parte al progetto BUILD UPON² rappresenta un'opportunità importante per applicare un sistema di valutazione degli impatti sociali, economici e ambientali degli interventi di riqualificazione, testato da numerose città europee che stanno condividendo la loro esperienza con il network del progetto».

Carolina Andreu, Assessore all'Edilizia del Comune di Saragozza ha detto:

«La città di Saragozza ha stabilito che la riqualificazione energetica è una delle sue priorità, identificata nell'ECAZ 3.0 (Zaragoza Climate Change, Air Quality and Health Strategy Horizon 2030) come la prima delle quattro linee di azione che devono essere implementate in relazione alla crisi climatica, al miglioramento della qualità dell'aria e alla protezione e promozione della salute delle persone e della comunità. A tal fine, l'Amministrazione Comunale ha aumentato, negli ultimi due anni, il budget comunale per la promozione della riqualificazione di oltre l'80%».

«La partecipazione al progetto BUILD UPON² è essenziale per avere un framework di valutazione concordato e applicabile da tutte le città europee per determinare gli impatti sociali, economici e ambientali della riqualificazione degli edifici. Questo ci consentirà di essere trasparenti nel comunicare la conformità della città ai suoi impegni climatici e migliorare così i nostri strumenti».

 

Il progetto BUIL UPON²: le città partecipanti e i prossimi step 

Le 21 città di BUILD UPON² parteciperanno a seminari di formazione sul Framework organizzati dai rispettivi Green Building Council nazionali e Climate Alliance. Le città impareranno a utilizzare il Framework BUILD UPON² per raccogliere i dati sull'impatto dei loro progetti di riqualificazione.

In un contesto in cui molte città hanno sviluppato piani decennali per l'energia sostenibile e il clima (PAESC), diverse realtà coinvolte nel progetto, inclusa Padova in Italia, stanno lavorando per integrare il Framework del progetto nei loro piani climatici come un modo per misurare i loro progressi rispetto agli obiettivi di riqualificazione del costruito.

Le seguenti città pilota sono state le prime ad aderire al progetto BUILD UPON2 insieme ai Green Building Councils e hanno contribuito a sviluppare il Framework di indicatori:

  • Città di Velika Gorica, Croazia
  • Città di Budaörs, Ungheria
  • Città di Dublino, Irlanda
  • Città di Padova, Italia
  • Città di Rybnik, Polonia
  • Città di Valladolid, Spagna
  • Città di Eskişehir, Turchia
  • Città di Leeds, Regno Unito

Le nuove città che aderiscono al progetto sono:

  • Croazia
: città di Zagabria, Città di Sveti Ivan Zelina, Città di Karlovac;
  • Irlanda: 
Consiglio della contea di Kilkenny, Consiglio della contea di Dun Laoghaire Rathdown, Consiglio della città di Cork, Consiglio della contea di Laois;
  • Italia: 
Comune di Brescia, Comune di Pesaro, Comune di Roma;
  • Polonia
: Ruda Slaska, Gliwice, Siemianowice Slaskie;
  • Spagna: 
Saragozza, Madrid, Sestao;
  • Turchia
: Sakarya, Gaziantep, Bursa, İzmir;
  • UK
: Cambridge Council, Hammersmith & Fulham (quartiere di Londra)

 

Unisciti a BUILD UPON²

Il progetto BUILD UPON² invita le città a prendere parte al lavoro sulle strategie di riqualificazione e vorrebbe avere più informazioni sulle iniziative di riqualificazione di grande impatto della tua città per promuoverle sulla scena europea.

 


Leggi di più sul progetto BUILD UPON² e mettiti in contatto con il team


 

Per maggiori informazioni contattare:

Miles Rowland
Communications and PR Coordinator, BUILD UPON²


mrowland@worldgbc.org

+44 (0) 7903119773


 

Chi è il World Green Building Council

Il World Green Building Council (WorldGBC) favorisce l'adozione di edifici sostenibili per tutti, ovunque. Il WorldGBC è una rete operativa a livello globale composta da 70 Green Building Council in tutto il mondo, che intende trasformare il settore dell'edilizia e delle costruzioni in tre aree strategiche: azione per il clima, salute e benessere, risorse e circolarità. In qualità di membri dell'UN Global Compact, WorldGBC lavora con aziende, organizzazioni e governi per guidare il raggiungimento degli Accordi di Parigi e degli obiettivi delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile (SDG). Attraverso un approccio sistemico al cambiamento, la nostra rete sta guidando il settore verso un ambiente costruito a zero emissioni di carbonio, sano, equo e resiliente. 

 

Chi è Green Building Council Italia

Green Building Council Italia (GBC Italia) è un’associazione senza scopo di lucro cui aderiscono le più competitive imprese e le più qualificate associazioni e comunità professionali italiane operanti nel segmento dell’edilizia sostenibile. GBC Italia fa parte del World GBC, una rete di GBC nazionali presenti in più di 70 paesi, che rappresenta la più grande organizzazione internazionale al mondo attiva per il mercato delle costruzioni sostenibili. GBC Italia promuove un processo di trasformazione del mercato edile italiano attraverso la promozione del sistema di certificazione di terza parte e dei propri protocolli di certificazione (i sistemi GBC) espressamente sviluppati per le specificità del mercato italiano, i cui parametri stabiliscono precisi criteri di progettazione e realizzazione di edifici salubri, energeticamente efficienti e a impatto ambientale contenuto.

 


Leggi anche:

Come applicare i protocolli GBC agli edifici

milano_skyline_foto_chiara_700.jpg

Quali sono e come si applicano i protocolli di sostenibilità energetico-ambientale sviluppati da Green Building Council Italia? Quali sono gli step da seguire per certificare un edificio e come funziona il sistema di valutazione? Ma soprattutto, quali vantaggi comporta usare questi strumenti?

>>> L'ARTICOLO