Banda larga: dal 2022 attestato obbligatorio per gli edifici digitalizzati! Novità per l'agibilità

In virtù delle novità apportate dal Codice UE sulle comunicazioni elettroniche appena recepito dalla normativa italiana, a partire dal 1° gennaio 2022 sarà necessario dotare gli immobili dell’attestato con la dicitura «edificio predisposto alla banda ultra larga».


Tra le svariate novità derivanti dal decreto legislativo 207/2021, che entrerà in vigore dal 24 dicembre 2021 e reca l’attuazione della direttiva (UE) 2018/1972- Codice europeo delle comunicazioni elettroniche, assume particolare rilevanza l'attestato (o bollino blu) di conformità digitale per gli edifici.

A partire dal 1° gennaio 2022 sarà necessario infatti dotare gli immobili dell'attestato con la dicitura «edificio predisposto alla banda ultra larga».

Banda larga: dal 2022 attestato obbligatorio per gli edifici digitalizzati

Banda larga: il nuovo bollino blu

Si va a modificare l'art.135-bis del Testo unico per l'edilizia, dedicato all'infrastrutturazione digitale degli edifici.

Nello specifico:

  • per le pratiche depositate a far data dal 1° gennaio 2022 inerenti le nuove costruzioni e gli interventi su edifici esistenti che richiedono il permesso di costruire, ricorre l'obbligo di equipaggiamento digitale e si prevede che l'adempimento di tali obblighi deve essere attestato dall'etichetta necessaria di «edificio predisposto alla banda ultra larga». L'etichetta sarà rilasciata da un tecnico abilitato per tali impianti;
  • gli edifici già digitalmente equipaggiati in conformità all'art.135-bis, ma per i quali la domanda di autorizzazione edilizia sia stata presentata prima del 1° gennaio 2022, possono beneficiare ai fini della cessione, dell'affitto o della vendita dell'immobile, dell'etichetta volontaria e non vincolante di «edificio predisposto alla banda ultra larga», rilasciata da un tecnico abilitato.

 

Agibilità

Il provvedimento "tocca" anche l'art.24 del Testo Unico Edilizia dedicato all'agibilità degli edifici, integrando la lista delle condizioni della segnalazione certificata di agibilità (SCA). Oltre alle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, la segnalazione deve dare conto, se obbligatorio, dell'avvenuto rispetto degli obblighi di infrastrutturazione digitale.

Di conseguenza, alla segnalazione certificata bisognerà allegare anche l'attestazione di «edificio predisposto alla banda ultra larga», rilasciata da un tecnico abilitato.