L’indagine ATECAP fotografa il comparto dei mezzi e impianti per il calcestruzzo

In occasione del SAMOTER 2014, l’ATECAP ha parlato non solo di SICUREZZA degli operatori, ma anche del settore delle MACCHINE E IMPIANTI, cercando di fotografare, attraverso un’indagine condotta dall’Associazione stessa, la reale situazione delle attrezzature e macchinari utilizzati nel settore del calcestruzzo ed in particolare di impianti, autobetoniere, pompe fino alle betoniere con pompa.
 
A farlo è stato Alberto de Vizio, Direttore dell’Associazione che lo scorso 9 maggio, in presenza di alcuni produttori di macchine e impianti chiamati a dare una loro valutazione, ha presentato i risultati di una indagine che l’ATECAP ha realizzato per individuare le tipologie e le caratteristiche degli impianti e dei mezzi d'opera attualmente in uso dagli operatori del settore, oltre a valutarne i fabbisogni in termini quantitativi e qualitativi della categoria.
 
LINK AL VIDEO
 
 
Attraverso l'indagine si è cercato, inoltre, di esaminare gli aspetti legati all'età e al livello di innovazione al fine di mettere in luce le esigenze di rinnovo e di adeguamento anche rispetto all'evoluzione normativa in atto.

Punto di partenza dell’indagine il valore degli investimenti nel settore del calcestruzzo che da dati Istat mostrano come circa i 2/3 degli investimenti coinvolgano proprio le macchine e gli impianti di produzione di calcestruzzo per un valore medio annuo (2008-2011) di circa 137 Mln euro.
 
 
 
 
 
I dati sul settore calcestruzzo
I dati sulle macchine e impianti sono però stati anticipati da una descrizione dello stato di salute del settore del calcestruzzo che, da elaborazioni dell’Istat ed Ermco, mostra una situazione tra le più sofferenti del comparto delle costruzioni con una riduzione della produzione di calcestruzzo, dal 2007 al 2013, di circa il 56%. Del 9% sarà invece la riduzione prevista per il 2014 rispetto al 2013.
 
 
 
Per gli operatori (e impianti) del settore, invece, i dati, dal 2011 al 2013, mostrano una riduzione più contenuta che tocca il 4/5%.
 
 
Per conoscere i dati dell’indagine sui MEZZI e IMPIANTI guarda il VIDEO.