Anima a MCE 2022 con tanti eventi legati a idrogeno, sostenibilità, rinnovabili ed efficienza energetica

Il 2021 è stato un anno molto positivo per il settore idrotermosanitario: crescita intorno al 20% e oltre 12 mld di euro di fatturato.

Nocivelli (presidente Anima): "I Bonus fiscali hanno avuto un ruolo di assoluta importanza per questi risultati, ma i primi mesi del 2022 stanno però ridimensionando il settore idrotermosanitario. I problemi principali rimangono la cessione del credito e l'incapacità di soddisfare la domanda, a causa della scarsità di materie prime e microchip."


Settore idrotermosanitario: l'export fa da volano con valori superiori al periodo pre-Covid (7.5 mld di euro)

Anima Confindustria sarà presente a MCE 2022, dal 28 giugno al 1 luglio a FieraMilano Rho, presso l'Anima Lounge (Pad. 18 Stand A01-A09) con dieci associazioni – quali Acism, Aqua Italia, Assoclima, Assofoodtec/Assocold (Costruttori tecnologie per il freddo), Assopompe, Assotermica, Avr, Italcogen, Ucc e Uman – e ICIM Group, con una serie di iniziative dedicate a idrogeno, normativa di settore, efficienza energetica, rinnovabili e sostenibilità. Tutte le iniziative sono visibili nel calendario e nella news sul sito di Anima Confindustria.

Secondo i dati dell'Ufficio Studi Anima, il settore idrotermosanitario ha raggiunto risultati positivi nel 2021, con aumenti in tutti gli indicatori: produzione, esportazione e investimenti. La crescita del settore si aggira intorno a +20% rispetto al 2020, superando i 12 miliardi di euro di fatturato. L'export si propone ancora una volta come punto di forza del settore con un +19,6%, e valori addirittura superiore al periodo pre-Covid, con valori attorno a 7,5 miliardi di euro.

Come conferma il presidente di Anima Confindustria, Marco Nocivelli "La meccanica italiana ha avuto risultati molto positivi nel 2021. Nel caso del settore idrotermosanitario, i bonus fiscali – di cui anche Anima è stata promotrice – sono stati fondamentali per la crescita del settore e il rilancio dell'edilizia in generale, portando un contributo fondamentale all'efficientamento energetico degli edifici.

I primi mesi del 2022 stanno però ridimensionando il settore idrotermosanitario. I problemi principali rimangono la cessione del credito e l'incapacità di soddisfare la domanda, a causa della scarsità di materie prime e microchip". Per quanto riguarda la fiera, Nocivelli sottolinea l'importanza di MCE per il settore idrotermosanitario rappresentato da Anima. "Quest'anno saranno centrali per noi i temi dell'efficienza energetica e della sostenibilità, con un focus sulla decarbonizzazione degli edifici – sempre più orientati all'elettrico e green – e sull'idrogeno. La meccanica è parte attiva nel processo di transizione energetica e ecologica: ne parleremo in una serie di eventi a MCE 2022".


Logo Anima

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su